Tour del relitto 165: L'UC42

Tour del relitto 165 L'UC42
Tour del relitto 165 L'UC42

Questo esempio di sottomarino posamine tedesco, presto obsoleto, fu affondato al largo dell'Irlanda meridionale nel 1917. Si tratta di un relitto interessante da affrontare in una singola immersione. JOHN LIDDIARD conduce il nostro tour, con illustrazioni di MAX ELLIS

TOUR DEL RELITTO DEI SOTTOMARINI sono un po' come gli autobus. Poco meno di due anni fa abbiamo effettuato tre tour sottomarini in quattro mesi, l'ultimo dei quali riguardava l'insolito posamine U74E (Tour del relitto 142).

Poi c'è stata una pausa e questo mese siamo in tournée UC42, dalla classe dei sottomarini posamine che U74E era destinato a sostituire. A differenza degli autobus, non abbiamo più sottomarini Giro del relittosiamo in fila per un po'.

Le imbarcazioni posamine di classe UC sono un'interessante variante senza uscita del design degli U-boat. Unicamente, erano dotati di tubi minerari verticali.

Questa caratteristica fu resa superflua una volta sviluppate le mine che potevano essere posate tramite tubi lanciasiluri, rendendo così qualsiasi sottomarino in grado di posare mine ed eliminando la necessità operativa di classi specializzate nella posa mine.

La nostra barca di classe UC, UC42, fu affondato a 28 metri negli approcci a Cork o, da un punto di vista militare, negli approcci al molo della Royal Navy a Queenstown, che ora è tornato al suo nome tradizionale di Cobh.

Il nostro tour inizia a centro nave, dove un'ampia sezione del rivestimento è intatta sopra il lato di dritta dello scafo (1).

Le UC42 poggia sul lato sinistro e, in modo un po' atipico, il nostro percorso procede lungo la chiglia per vedere uno dei tubi lanciasiluri di prua esterni (2) giaceva nel limo sotto la chiglia. Questo sarebbe stato originariamente montato sopra la linea di galleggiamento e a prua dello scafo pressurizzato.

Il relitto deve essere stato ribaltato ad un certo punto, perché restano i resti dell'idrovolante a sinistra e a prua (3) sporgono dal lato della chiglia del relitto. Il troncone dell'albero dell'idrovolante di prua a dritta (4) si trova nella sua giusta posizione in cima al relitto, ovvero sul lato di dritta.

Asse dell'idrovolante di prua di tribordo
Asse dell'idrovolante di prua di tribordo

I sommozzatori del cantiere navale che ispezionarono il relitto nel 1917 riferirono che la prua era intatta, con i tubi lanciasiluri esterni e i siluri di ricarica in posizione.

La faccia a cupola tra i due è l'estremità dello scafo pressurizzato. Da qui non sono riuscito a trovare più alcuna traccia della prua.

Sopra l'arco c'è un piccolo albero con un ingranaggio smussato (5). Questo sarebbe stato collegato ad un verricello dell'ancora. Poi, a poppa, c'è una linea di sei tubi posamine (6).

Alcuni di questi hanno ancora al loro interno i resti putrescenti delle mine, grosse palline di quella che sembra schiuma con dei morsi, ma in realtà è esplosiva.

Dietro i tubi della miniera c'è una copertura del ventilatore (7), e poi un portello aperto (8) con la copertura rimossa, forse dai sommozzatori della Marina che visitarono il relitto alla ricerca di codici subito dopo il suo affondamento.

Tubo posamine con involucro rotto, che mostra l'esplosivo all'interno
Tubo posamine con involucro rotto, che mostra l'esplosivo all'interno

Dietro il portello c'è un supporto conico per la pistola (9), ma nessuna traccia del cannone navale da 88 metri che sarebbe stato montato su di esso. La torre di comando è stata strappata dal relitto per lasciare parte del periscopio (10) sporgente e una cornice fratturata (11).

Dietro la torre di comando, una coppia di raccordi abbinati sullo scafo sono prese d'aria (12) per i motori diesel.

Successivamente a poppa c'è la base dell'albero radio dell'U-Boot (13). Immediatamente dietro c'è un buco nello scafo (14), attraverso il quale si possono vedere le batterie, e un portello chiuso (16) .

La torre di comando (15) si trova accanto al relitto, con la parte superiore rivolta in avanti, come identificato dalla parte superiore del periscopio e dal portello della torre di comando.

I sommozzatori che ispezionarono il relitto nel 1917 riferirono che la torre di comando era intatta. Sospetto che il danno sia stato causato nel 1919, quando furono usati esplosivi e spazzate via cavi per ridurre il relitto, e ulteriori danni potrebbero essere dovuti al rollio dello scafo durante le tempeste invernali.

Proseguendo verso poppa, poco prima che lo scafo termini a poppa è presente un meccanismo a forma di T (17) che avrebbe controllato gli idrovolanti e il timone di poppa.

Comandi per idrovolanti anteriori
Comandi per idrovolanti anteriori

All'interno della poppa c'è un unico tubo lanciasiluri rivolto a poppa (18). Infine, mentre giriamo a poppa, il punto più alto del relitto è l'albero dell'elica e l'elica di tribordo (19).

Elica di dritta con dettagli che identificano la barca come UC42
Elica di dritta con dettagli che identificano la barca come UC42

La maggior parte di questa è ricoperta da grandi anemoni piumati, ma il cono dell'elica è stato lucidato dalle mani dei subacquei per rivelarlo come appartenente a UC42, e conseguentemente identificare positivamente il relitto.

Un po' più indietro, sul pozzo, i sub che hanno riscoperto il relitto nel 2010 hanno posto una targa.

IL SESTO FATALE

UC42, sottomarino posamine. COSTRUITO 1915, affondato 1917

PARTE DELLA FLOTTIGLIA DELLE FIANDRE, UC42 aveva completato cinque pattuglie dal gennaio 1917 prima di incontrare il suo destino al largo di Cork quell'autunno durante la sua sesta pattuglia.

Alle 3 del mattino del 31 ottobre, torpediniera della Royal Navy TB055 ho notato una chiazza d'olio. Alla ricerca di
U-Boot, ha seguito la chiazza di petrolio e ha sganciato una bomba di profondità.

Successivamente il volume del petrolio aumentò, quindi il peschereccio dragamine Sarba sganciò un'ulteriore carica di profondità.

La mattina dopo, il dragamine Sunshine e un'altra torpediniera, TB058, ha riferito che il petrolio continuava a salire in superficie. Il 2 novembre, i sommozzatori del cantiere navale hanno ispezionato il relitto e lo hanno identificato come UC42 da una targa sulla torre di comando.

L'unico danno significativo riportato dai sommozzatori era a poppa, il che porta a ipotizzare che UC42 fu affondato da una delle sue stesse mine.

Ciò sembra improbabile, perché l'esplosione di una mina antinave avrebbe causato danni considerevolmente maggiori rispetto alla semplice rimozione del rivestimento di poppa e delle superfici di controllo.

Forse il danno alla poppa è stato il risultato delle esplosioni delle cariche di profondità. O forse è stato tutto un incidente.

I sottomarini che lanciano mine o siluri sono soggetti a improvvisi cambiamenti di galleggiamento e assetto, per i quali gli equipaggi esperti devono compensare.

In acque basse fino a 28 metri, l'Oberleutnant Hans Albrecht Müller, UC42, non avrebbe molto margine di errore. Se non corretto, il guadagno di galleggiabilità a prua durante il lancio delle mine avrebbe potuto causare l'impatto della poppa con il fondo del mare.

Ciò di cui possiamo essere sicuri è questo UC42 non è stato affondato TB055l’attacco con carica di profondità del 31 ottobre.
UC42 partì per la sua ultima pattuglia dalle Fiandre il 1 settembre e la pattuglia più lunga registrata per una barca di classe UC fu di 24 giorni.

Entro la fine di ottobre tutti a bordo UC42 sarebbe già morto da tempo.

I registri tedeschi indicano la data della perdita come il 10 settembre 1917 UC42 era previsto il ritorno dalla sesta pattuglia.

Il tour del relitto dell'UC42
Il tour del relitto dell'UC42

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Sfortunatamente il servizio di traghetti Swansea-Cork è cessato, quindi la rotta più vicina è via Pembroke o Fishguard per Rosslare.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 51 45.077N, 008 12.909W (gradi, minuti e decimali). L'arco punta a nord.

MAREE: L'acqua stagnante coincide con l'alta e la bassa marea di Cobh, ma è realmente necessaria solo durante le maree primaverili.

IMMERSIONE E ARIA: Crociere subacquee e immersioni in RIB Dipendenti dall'oceano

ALLOGGIO: Ocean Addicts gestisce la flotta di crociere con tender Imbarazzare, con sistemazione a bordo per 12 subacquei.

LANCIO: Numerosi biglietti sono disponibili negli estuari di Kinsale e Cork.

QUALIFICHE: PADI Acqua aperta avanzata Subacqueo o Subacqueo Sportivo BSAC

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1765, Vecchio capo di Kinsale a capo del potere. Il subacqueo di Cork Tony O'Mahony gestisce il sito web Relitti di navi nel porto di Cork, con una ricchezza di informazioni di base su UC42 e molti altri relitti.

PRO: Un relitto di dimensioni perfette per un'immersione no-stop con la miscela nitrox appropriata.

CONS: Più difficile da raggiungere ora che il servizio di traghetti Swansea-Cork non è più operativo.

PROFONDITÀ: 20 metri – 35 metri, 35 metri – 45 metri

VALUTAZIONE DELLA DIFFICOLTA':

Grazie a Hutch Hutchinson e Andrew Ricks.

Apparso su DIVER agosto 2012

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x