Tour del relitto 162: L'Aparima

Tour del relitto 162 L'Aparima
Tour del relitto 162 L'Aparima

Il prolifico U-Boot UB40 forò questo piroscafo da carico con la sua insolita configurazione del motore al largo della costa del Dorset nel 1917. JOHN LIDDIARD guida l'immersione, con l'illustrazione disegnata da MAX ELLIS

IL TOUR DI QUESTO MESE è il 5704 tonnellate Aparima, uno di un gruppo di vittime degli sottomarini della prima guerra mondiale al largo di Anvil Point. La geografia costiera ha dato origine a numerosi ammassi di relitti simili lungo la costa meridionale dell'Inghilterra, e questo transatlantico è il relitto più grande di questo particolare gruppo.

Sui relitti più grandi in profondità trovo che sia d'aiuto se l'inquadratura può essere posizionata verso un'estremità. In questo modo, la maggior parte del relitto può essere vista nuotando per un singolo tratto e facendo scattare una SMB ritardata per risalire una volta raggiunta l'altra estremità.

Per la Aparima, lo skipper Bryan Jones è riuscito a piazzare il tiro comodamente a poppa, convenientemente vicino al supporto del cannone (1).

La poppa e la maggior parte del relitto sono rotti a sinistra, quindi dirigendoci in discesa dal supporto del cannone passiamo davanti a un argano da carico (2) e una bobina di cavo di ormeggio a coppie di bitte che sono praticamente a livello del fondale marino, e una sezione di ringhiera crollata.

Cavo di ormeggio
Cavo di ormeggio

Girando a poppa, una grande losanga d'acciaio (3) fa parte del meccanismo dello sterzo. Accanto a questo, il Aparimail cannone di poppa da 4.7 pollici (4) giace sulla sabbia a 42 metri, con la culatta rivolta verso lo scafo e la canna che punta quasi direttamente fuori dal relitto.

Cannone da 4.7 pollici sul lato sinistro della poppa
Cannone da 4.7 pollici sul lato sinistro della poppa

La losanga d'acciaio (3) dallo sterzo sarebbe stato situato sulla parte superiore del montante del timone (5), ora deformato dalla verticale dal crollo della poppa.

Asse del timone
Asse del timone

Il palo conduce attraverso la poppa fino al timone (6), spinto offline verso l'albero dell'elica di tribordo (7). L'elica è stata recuperata. L'albero di sinistra è sepolto sotto la poppa.

L'albero di tribordo e i resti del tunnel dell'albero (8) portare in avanti, visibile sotto il lato di tribordo crollato dello scafo. Anche se il relitto è crollato, il ponte principale e le mastre sono praticamente intatte.

Tra le stive di poppa ci sono quattro grandi argani da carico (9). Sul lato inferiore sinistro del ponte le ringhiere sono cadute verso l'esterno e una sezione dello scafo mostra oblò vuoti (10). Tra i winch c'è il piede d'albero, con la sezione inferiore in acciaio dell'albero caduta a sinistra e leggermente in avanti (11).

La parte superiore dell'albero e delle torri probabilmente erano di legno e quindi deteriorate.
Proseguendo oltre la presa successiva arriviamo al AparimaI due motori a tripla espansione, entrambi caduti a sinistra con l'albero motore del motore di sinistra (12) coperto dal motore di tribordo (13). Nella terminologia classica delle navi a vapore, potresti trovare questo tipo di configurazione descritta come “sei cilindri di motore a tripla espansione su due alberi”.

Cilindro di bassa pressione del motore di tribordo
Cilindro di bassa pressione del motore di tribordo

Il vapore per i motori era fornito da tre caldaie: una coppia (14) con i forni rivolti in avanti nella stiva, quindi un'unica caldaia (15) con le fornaci rivolte a poppa. Lo scafo e i ponti sovrastanti sono crollati, ad eccezione di un'unica scala (16) che si trova sul lato di dritta.

Oltre a caricare il Aparima trasportava passeggeri, ed era anche a formazione nave per i cadetti della Union Steamship Company. Quindi originariamente ci sarebbe stata una discreta quantità di alloggi nella sovrastruttura sopra le caldaie e i motori.

Focolare su una delle tre caldaie
Focolare su una delle tre caldaie

Superando le stive di prua, il ponte principale e le mastre sono intatti quanto le stive di poppa, con una disposizione simile degli accessori. Quattro grandi argani da carico (17) sono disposti attorno ad un piede d'albero.

Accanto al piede d'albero, un'ancora di riserva (18) è piegato e fissato al ponte.

Ancora di riserva fissata al ponte tra le stive di prua.
Ancora di riserva fissata al ponte tra le stive di prua

La sezione inferiore dell'albero (19) allo stesso modo è caduto a sinistra e leggermente in avanti.

Mentre la prua è caduta a sinistra, il ponte è crollato al suo interno, così che il verricello dell'ancora (20) è quasi in piano. L'ancora del porto (21) pende dalla cubia sotto la prua.

Sul lato più alto di dritta, la cubia (22) è vuoto. Il punto in cui il lato di tribordo della prua si alza alcuni metri sopra il livello generale del relitto fornisce una buona posizione per rilasciare un SMB ritardato per una decompressione alla deriva.

SCAVATO DAL SILURO

L'APARIMA, piroscafo da carico. COSTRUITO 1902, affondato 1917

COSTRUITO DA WILLIAM DENNY & BROS LTD di Dumbarton nel 1902, il 5704 tonnellate Aparima era di proprietà e gestita dalla Union Steamship Company della Nuova Zelanda. In Maori il nome significa “luogo cavo della mano”.

La nave era attrezzata per trasportare 12 passeggeri di prima classe e 40 passeggeri di altre classi. IL Aparima servì anche come compagnia della Union Steamship formazione nave, con a bordo altri 30 giovani ufficiali cadetti.

Oltre al carico generale, il AparimaIl ponte principale e quello del rifugio furono attrezzati per trasportare 700 cavalli, un carico vivo notoriamente volubile che richiedeva cure ed equipaggio specializzati.

La Prima Guerra Mondiale interruppe la Aparima, e fu riadattata per trasportare 1000 soldati alla volta dalla Nuova Zelanda all'Egitto e alla Francia.

Tuttavia, sebbene più veloce della nave a vapore media, la Aparima non era veloce quanto le navi di linea preferite come trasporto truppe, quindi fu restituita all'uso cargo. Dopo aver consegnato un carico di derrate alimentari da Panama a Londra, le fu ordinato di recarsi a Barry per caricare un carico di carbone.

Nonostante il suo percorso a zig-zag lungo il canale, l'Oberleutnant Hans Howaldt di UB40 riuscì a puntare la nave a circa sette miglia al largo di Anvil Point. Il siluro colpì babordo e poppa alle 12.52:19 del 1917 novembre XNUMX, facendo affondare la nave in soli otto minuti.

Solo la metà dei suoi 112 membri dell'equipaggio e dei cadetti fu salvata. Un cadetto fortunato è stato costretto a uscire attraverso un ventilatore dall'acqua in aumento per atterrare su una zattera di salvataggio.

A suo tempo comandava UB40L'Oberleutnant Howaldt fu anche responsabile della creazione di una serie di altri relitti ora apprezzati dai subacquei. IL Salsette (Tour del relitto 11), Glocliffe (WT 75), Gefion (WT 83) Rosehill (WT 96), Cairndhu (WT 103), Lafranc, Cuba, Chateau Yquem, Greleen ed Raadas erano tra le sue vittime.


La guida turistica di Aparima
La guida turistica di Aparima

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Seguire la A351 oltre Corfe Castle fino a Swanage e seguire le indicazioni per il centro città e il molo. Il parcheggio sul molo è limitato, quindi preparati a lasciare i subacquei e l'attrezzatura e utilizzare il parcheggio più in alto sulla collina.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 29.407N, 001 55.110W (gradi, minuti e decimali). Il relitto giace con la prua rivolta a ovest.

MAREE: L'acqua stagnante si verifica 20 minuti prima e 5 ore e 40 minuti dopo l'acqua alta Dover. La visibilità è solitamente migliore con acque lente.

IMMERSIONE E ARIA: Mary-Jo da Charter di barche Swanage, 01929/427064. Aria e nitrox sono disponibili sul molo di Swanage da Divers Down, 01929/423565.

ALLOGGIO: Nella zona sono presenti numerosi B&B, piccoli alberghi e campeggi. Contatto Informazioni turistiche di Swanage, 01929/422885.

LANCIO: C'è un posto barca al parco barche Swanage, vicino alla stazione delle scialuppe di salvataggio.

QUALIFICHE: Dive Leader BSAC o equivalente PADI con specialità profonda, soprattutto in acque alte. Profondità adatta al nitrox.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 2615, Bill di Portland agli aghi. Mappa dell'Ordnance Survey 195, Bournemouth, Purbeck e dintorni. Immersione nel Dorset, di John e Vicki Hinchcliffe. Relitti della costa meridionale del Dorset orientale e di Wight, di Dave Wendes.

PRO: Insoliti alberi gemelli per una nave da carico.

CONS: La visibilità può essere scarsa in acque basse

PROFONDITÀ: 35 m - 45 m

VALUTAZIONE DELLA DIFFICOLTA':

Apparso su DIVER maggio 2012

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x