Tour del relitto 159: Il tuono

Tour del relitto 159 Il tuono
Tour del relitto 159 Il tuono

Questo mese abbiamo un doppio incontro per il tuo divertimento: due piccole navi affondate a distanza di 10 anni l'una dall'altra in epoca vittoriana al largo del Pembrokeshire. JOHN LIDDIARD guida il tour, con MAX ELLIS che fornisce le illustrazioni

Il primo relitto nel doppio del Pembrokeshire è il Tuono, una nave costiera in ferro da 610 tonnellate che affondò in condizioni di calma al largo di Broad Haven (sud) nel 1889.

A soli 17 metri dal fondale marino, non sorprende che il relitto sia stato completamente raso al suolo, ad eccezione della caldaia (1), accanto al quale Steve Lewis ha lasciato cadere il tiro.

La caldaia è rotolata fuori dal lato di tribordo del relitto ed è quasi capovolta, con le tre aperture del forno ora più in alto sulla sua estremità anteriore.

Una valvola per il vapore (2) è appena visibile sotto di esso nella pulizia, lucidato dal movimento costante della sabbia.
A poppa della caldaia e sulla linea principale del relitto, il TuonoManca il motore, tranne una piccola valvola di ferro (3).

Con il grande cantiere navale di Pembroke nelle vicinanze e la profondità ridotta, sospetto che questo avrebbe potuto essere recuperato subito dopo l'affondamento. Un peccato, perché trattandosi di un motore a mescola invertita, dove il vapore agiva sui pistoni dal basso, avrebbe potuto essere interessante.

L'albero dell'elica (4) conduce per un breve tratto a poppa, attraverso i resti della chiglia e dell'intelaiatura di poppa, fino a un'elica rotta (5), solo un mozzo con i mozziconi di lame di ferro rimasti. Accanto all'elica, il timone giace piatto sulla sabbia.

Albero dell'elica: il motore è stato recuperato in modo pulito
Albero dell'elica: il motore è stato recuperato in modo pulito

Ora andiamo avanti, la caldaia si monta (6) siano facilmente riconoscibili e privi di detriti. A proravia della caldaia, un unico piccolo cilindro è tutto ciò che resta di un motore ausiliario, forse di una pompa (7).

La nostra rotta ora segue la linea dello scafo attraverso detriti sparsi dalla seconda stiva fino al troncone dell'albero principale (8). I resti del piede dell'albero e della piastra del ponte sono ancora al loro posto attorno alla base dell'albero.

Base dell'albero
Base dell'albero

Dall'altra parte del relitto, tre costole sono in piedi (9) sul lato sinistro di quella che sarebbe stata la stiva anteriore.

Ora, nella zona del castello di prua, una coppia di tubi montanti con flange (10) avrebbero fornito il vapore per azionare il verricello dell'ancora (11). Infine, un'unica ancora modello Admiralty si trova proprio a prua (12).

Ancora a prua
Ancora a prua

Su una nave di questa età e dimensione non sarebbe stata montata la cubia e l'ancora sarebbe semplicemente caduta oltre il lato della prua. Alcuni piccoli passacavi sul lato sinistro sarebbero stati utilizzati per guidare il cavo.

STREPITOSO

IL FULMINE, cisterna. COSTRUITO 1853, affondato 1889

IL VAPORE IN FERRO DA 610 TONNELLATE Tuono fu varata nel 1853. I primi motori a vapore erano inefficienti e nel 1880 fu dotata di un nuovo motore a composizione invertita da 90 CV della CD Holmes & Co di Hull. La nave era di proprietà della Thunder Steamship Company, gestita da HP Archer di Londra.

Caricato con 620 tonnellate di carbone al Briton Ferry (sul fiume Neath, dove la M4 ora attraversa Port Talbot), alle 8.30:11 dell'1889 settembre XNUMX, il Tuono partì per Belfast, un viaggio che il capitano William Morris avrebbe fatto molte volte in precedenza.

Era una notte calma ma nebbiosa e il Tuono faceva 8 nodi. All'1.30:12 del XNUMX settembre si è sentito un segnale di nebbia. Il capitano Morris aggiustò la rotta e si ritirò nella sua cabina, lasciando il comando all'ufficiale.

Man mano che la nebbia si faceva più fitta, il TuonoLa velocità è stata ridotta a meno della metà. Alle 4.45 il capitano Morris era di nuovo in plancia. Si sentirono degli frangenti, si pensava fosse la corsa al largo di St Govans Head, e lui cambiò di nuovo la rotta.

Alle 5 del mattino furono avvistati dei frangenti immediatamente davanti alle scogliere. Il motore era invertito, ma il Tuono colpito.

Alle 5.30:XNUMX la marea crescente aveva liberato la nave e il capitano Morris si diresse a Tenby. Le pompe non riuscivano a tenere il passo con l'acqua in entrata, gli incendi delle caldaie furono spenti e l'equipaggio salì sulle barche, osservando il Tuono affonda alle 7 del mattino, a circa 500 metri dalla costa con l'albero ancora visibile. Si ipotizzava che i sommozzatori avrebbero potuto salvare la nave prima che arrivasse il maltempo.

La corte d'inchiesta sospese la licenza del capitano Morris per 12 mesi, mettendo in dubbio la sua conoscenza della navigazione con bussola e della deviazione magnetica causata dalla nave di ferro e affermando che la sua navigazione non teneva conto della marea.


GUIDA TURISTICA

Il tour del relitto del tuono
Il tour del relitto del tuono

ARRIVARCI: Seguire la M4, A40 e A477 fino a Pembroke Dock, quindi attraversare il ponte per Neyland e seguire le indicazioni per il porto turistico.

COME TROVARLO: Steve Lewis per ora tiene per sé la posizione esatta, ma il relitto si trova all'incirca al largo di Broad Haven (sud), al di là della marea con la prua a sud-est. Ignora la posizione indicata nell'indice dei naufragi (51 37.30 N, 4 54.30 W): questo è sulla terraferma!

MAREE: L'acqua stagnante è essenziale e coincide con l'acqua alta Milford Haven.

IMMERSIONE: Charter di immersioni nel Pembrokeshire, 01646/602942.

ARIA: Aria e nitrox da Old Mill Diving Services vicino a Milford Haven, 01646/690190.

ALLOGGIO: Pembrokeshire DC può organizzare la sistemazione presso il Lawrenny Castle Hotel a Neyland.

LANCIO: Scali di alaggio a Neyland e Dale. Uno scivolo a Tenby è più vicino, ma l'accesso è difficile e l'uso limitato durante gli affollati mesi estivi.

QUALIFICHE: Entry-level (in condizioni di bassa marea).

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1076, Linney Dirigiti a Oxwich Point. Mappa dell'Ordnance Survey 157, Zona di St David e Haverfordwest. Mappa dell'Ordnance Survey 158, Tenby.

PRO: Montagne russe relativamente poco immerse, sufficientemente basse per una buona luce.

CONS: Lontano dallo scivolone più vicino.

PROFONDITÀ: -20 m

GRADO DI DIFFICOLTÀ:

Grazie a Steve Lewis e Ron Young

Apparso su DIVER marzo 2012

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x