Tour del relitto 155: Il Gretafield

Tour del relitto 155 Il Gretafield
Tour del relitto 155 Il Gretafield

Questo relitto di una petroliera al largo della costa nord-orientale della Scozia è stato una vittima di un sottomarino della Seconda Guerra Mondiale: è stato sottoposto a numerosi test, ma costituisce comunque un'ottima immersione per tutti, afferma JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

QUESTO MESE CI SIAMO QUASI il più a nord possibile sulla terraferma del Regno Unito, per visitare il relitto della petroliera da 10,191 tonnellate Gretafield.

Le Gretafield fu silurato e prese fuoco nel 1940, poi, abbandonato e in fiamme, finì nella baia di Dunbeath.

La combinazione di danni da incendio e 61 anni di tempeste invernali e fondali bassi significa che il relitto è ben distrutto, ma c'è ancora molto da vedere.

Fin dagli albori delle navi a vapore, le petroliere avevano quasi sempre i motori a poppa, mantenendo così il fuoco e il calore delle caldaie e le eventuali scintille provenienti dall'imbuto lontano dal carico infiammabile di petrolio.

Di conseguenza, il nostro tour del Gretafield inizia come spesso accade sulle caldaie, ma a poppa della nave.

I membri del Caithness Diving Club con cui mi stavo immergendo hanno lanciato il proiettile sulla caldaia di tribordo (1), la prima delle sei caldaie che fornivano vapore al Gretafieldè un motore enorme.

Questa caldaia è in qualche modo rotolata fuori dallo scafo oltre 180° rispetto al suo orientamento normale, come evidenziato dai tre focolari sul retro ora capovolti. Ciò che sorprende è che per arrivare dove riposa, deve aver anche saltato un'ampia sezione dello scafo che si trova ancora proprio al suo interno.

Sospetto che quando la sovrastruttura del relitto in fiamme si ruppe, la caldaia fosse vuota d'acqua e di conseguenza galleggiò fuori, ma poi si rovesciò, scaricando l'aria intrappolata all'interno per affondare sottosopra e all'esterno dello scafo.

caldaia e focolare
Caldaia e focolare

Dirigendosi a poppa, la prossima caldaia (2) ha attraversato una sequenza simile di eventi, anche se questa volta si è ribaltato per scaricare l'aria intrappolata e affondare con i focolari che ora puntano verso la superficie, raggiungendo una profondità di 5 m.

Subito dopo questa caldaia ci sono i due cilindri della macchina a vapore (3), caduto a dritta e oltre il bordo rotto dello scafo. Uno di questi si è rotto lasciando scoperto il pistone e la corona del cilindro appoggiata contro il retro della caldaia.

Pistone ad alta pressione dal motore
Pistone ad alta pressione dal motore

Restando per ora all'esterno dello scafo, proprio a poppa si trovano l'albero dell'elica e il premistoppa (4) sporgono sopra i 12 metri del fondale marino, mostrando quanto lontano sia lo scafo del Gretafield si è rotto. Su un relitto così poco profondo e accessibile, l'elica è stata probabilmente recuperata subito dopo l'affondamento.

L'estremità della coda dell'albero dell'elica
L'estremità della coda dell'albero dell'elica

Appena fuori poppa, una piastra curva parzialmente sepolta tra pietre e ghiaia potrebbe essere stata il timone (5).

Dal premistoppa di poppa, un breve tratto dell'albero dell'elica (6) conduce in avanti all'albero motore, rompendosi nel punto in cui è stato rimosso il corpo della turbina, sebbene faccia parte della turbina (7) rimane nella parte posteriore del motore.

Lo scopo della turbina sarebbe stato quello di estrarre l'ultima parte di potenza dal vapore dopo che era uscito dai cilindri a bassa pressione del motore. Dico cilindri, perché altri due (8) sono caduti in porto, per un totale di quattro.

Uno dei pistoni a bassa pressione rotto dall'enorme motore a vapore a quattro cilindri
Uno dei pistoni a bassa pressione rotto dall'enorme motore a vapore a quattro cilindri

Osservando la dimensione relativa dei cilindri, il GretafieldIl motore di sarebbe stato ancora a tripla espansione, ma con lo stadio di bassa pressione diviso tra due cilindri.

Le sei caldaie del Gretafield erano disposti su due file da tre lungo lo scafo. Come i primi due, la caldaia centrale dell'ultima fila (9) è fluttuato fuori dal suo supporto e, come la seconda caldaia, sta in piedi con i focolari in alto.

L'ultima caldaia dell'ultima fila (10) è rotolato fuori dal lato sinistro dello scafo, ma è solo di 90°.
Nella fila anteriore, la caldaia centrale (11) si è spostato a dritta, ma in qualche modo è riuscito a virare di 90° a sinistra. Infine, la caldaia di babordo (12) sta in piedi e leggermente in avanti, ancora all'interno dello scafo.

A proravia delle caldaie, un'intera paratia (13) è crollato sul relitto. Questo segna la fine del macchinario.

In quanto nave cisterna, la parte anteriore dello scafo sarebbe stata solo un'enorme griglia di serbatoi di petrolio e zavorra, con tubazioni sul ponte sovrastante, ora fracassate quasi al livello del fondale marino. Tuttavia, ci sono ancora alcuni pezzi notevoli di relitti e, a soli 12 metri di profondità, dovrebbe esserci molto tempo a disposizione per dare un'occhiata.

Più avanti verso la linea centrale, un albero (14) è caduto all'indietro nel relitto. Proprio davanti a questo, un'enorme sezione scatolare (15) copre la larghezza dello scafo. Forse questo faceva parte delle fondamenta dell'albero maestro. Le piastre dello scafo sono cadute verso l'esterno su entrambi i lati del relitto.

Sul lato di dritta, vicino alla sezione scatolare, si trova un ampio vano rettangolare (16). Sembra che sia atterrato capovolto da sopra il ponte, forse parte della sovrastruttura e della timoneria a centro nave.

A prua della sezione scatolare ci sono un paio di bitte e poi una piastra con una linea di fori vuoti provenienti dagli oblò. (17), anche dalla sovrastruttura di centronave.

Più avanti, i rottami sono ancora una devastata confusione di lastre d'acciaio (18). Mentre il relitto inizia a svanire, a sinistra c'è una struttura tubolare (19). Potrebbe essere stato parte di un albero, o forse era montato sotto la prua per trainare cavi e paravane dragamine.

I membri del Caithness Diving Club mi dicono che ci sono alcune ancore, pezzi di verricelli e bitte proprio nelle acque basse tra le rocce e le alghe, ma è troppo alghe e poco profondo per valere la pena di proseguire più verso la costa.

Il nostro percorso ritorna quindi a poppa, più facilmente seguendo il lato di dritta dello scafo (20), dove si trova un'alta sezione dello scafo (21) sale presso la caldaia da dove siamo partiti.

Non dovrebbero esserci problemi nel riposizionare la linea di tiro, ma in acque così basse è altrettanto facile fare una sosta di sicurezza sedendosi sopra una delle caldaie prima di risalire in superficie.

CISTERNA IN FIAMME

IL GRETAFIELD, cisterna di carburante. COSTRUITO 1928, affondato 1940

CON UN CARICO DI 13,000 TONNELLATE di olio combustibile da Curaçao, il Gretafield si unì al convoglio HX-18 da Halifax, Nuova Scozia, il 31 gennaio 1940. Il convoglio era diretto a Liverpool, dove il Gretafield era stato costruito da Camel Laird di Birkenhead nel 1928.

Due settimane dopo il Nord Atlantico era stato attraversato e il Gretafield aveva lasciato il convoglio per Invergordon.

Poco prima dell'una di notte del 1 febbraio, la guardia costiera di Wick ha avvistato una tremenda esplosione su una nave a circa 14 miglia a est di nord-est. IL Gretafield era stato colpito da un paio di siluri da U57, un sottomarino di tipo IIC comandato da Claus Korth.

Le scialuppe di salvataggio Wick e Fraserburgh furono varate, ma i pescherecci armati di scorta HMT Peggy Nutten e HMT Strathalladale recuperò e fece sbarcare i 27 sopravvissuti dell'equipaggio di 41 persone a Wick.

Il ferocemente bruciante Gretafield è stato lasciato alla deriva, correndo a riva nella baia di Dunbeath il 15 febbraio. Il relitto continuò a bruciare per diversi giorni. Il 19 marzo si spezzò in due e fu dichiarata perduta completamente.

U57 tornò a Wilhelmshaven il 25 febbraio, dopo aver anche silurato e danneggiato la nave da 4996 tonnellate Loch Maddy nel seguente convoglio HX-19. Dopo aver effettuato nove pattuglie al comando dell'U57 e altre cinque al comando dell'U93, Claus Korth è stato insignito della Croce di ferro di 2a classe, Croce di ferro di 1a classe e Croce di cavaliere.

Nel 1942 divenne a formazione ufficiale e poi si unì alla sezione prove sui siluri, ruolo che riprese nel 1955 per la Marina tedesca del dopoguerra, per poi ritirarsi nel 1970.

GUIDA TURISTICA

La guida turistica del naufragio di Gretafield
La guida turistica del naufragio di Gretafield

ARRIVARCI: Dunbeath si trova sulla A9 tra Inverness e Thurso, poco prima che si divida nella A99.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 58 14.479N, 3 25.423W (gradi, minuti e decimali), a circa 500 ma ovest-sud dal molo di Dunbeath. Le caldaie verranno visualizzate chiaramente su un ecoscandaglio.

MAREE: Le Gretafield è possibile immergersi con qualsiasi stato della marea. Tuttavia, ci sono meno alghe durante l'inverno e all'inizio della stagione.

IMMERSIONE: Le barche charter più vicine hanno sede a Scapa Flow. Altrimenti è meglio portare il proprio RIB o il proprio gommone.

ARIA: Non ci sono stazioni aeree commerciali, ma il Caithness Diving Club è cordiale e disponibile.

ALLOGGIO: Ogni villaggio della zona ha un piccolo B&B o albergo. Ci sono molte opzioni tra cui scegliere un po' più a nord, a Thurso.

LANCIO Usa lo scivolo nel porto di Dunbeath. Attenzione alle rocce poco profonde.

QUALIFICHE: Adatto a chiunque.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 115, Moray Firth. Mappa dell'Ordnance Survey 11, Thurso e Dunbeath. Indice dei naufragi delle isole britanniche Vol 4, di Richard e Bridget Larn. Sito web della comunità di Caithness.

PRO: A pochi minuti dalla riva, poco profondo e riparato da ovest.

CONS: Può essere "esaurito" in estate.

PROFONDITA ': -20 mt

GRADO DI DIFFICOLTÀ:

Grazie a Davy Carter, Mark Liddiard, Ian Mackay, Caithness Diving Club, Tony Jay, Victoria Bennett, Tim Walsh e Rachel Locklin.

È apparso in DIVER novembre 2011

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x