Tour del relitto 149: L'Orfordness

Tour del relitto 149 L'Orfordness
Tour del relitto 149 L'Orfordness

Questa vittima di un sottomarino della prima guerra mondiale affondò al largo della Cornovaglia settentrionale, dove la buona visibilità rende il relitto una vera delizia per i subacquei, afferma JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

TROVA ALCUNE BUONE CONDIZIONI A MAGGIO, appena prima che arrivi la fioritura algale o "l'acqua di maggio", e la visibilità può essere sorprendentemente buona. Quale posto migliore per goderselo se non al largo della costa settentrionale della Cornovaglia?

So for this month’s tour, we head out west from Newquay to the World War One wreck of the 2790-ton steamship Orfordness. È una profondità confortevole di 32 metri in un'acqua bassa, quindi i subacquei più esperti possono divertirsi.

Come di consueto, il nostro tour inizia dalle caldaie (1), ma non sorprenderti se lo scatto arriva in ritardo. Chris Lowe, skipper di tuffatore atlantico, preferisce lasciarlo fino all'ultimo minuto prima di abbattere il relitto, così è meno probabile che la lenza zavorrata venga trascinata dalla grande ondata.

La caldaia di sinistra poggia sui suoi supporti, mentre la caldaia di tribordo è rotolata leggermente verso di essa, restringendo lo spazio tra le due per essere troppo piccolo per essere attraversato da un sub, ma abbastanza accogliente da consentire al lardo cuculo di entrare e uscire dal mare delle gorgonie. -fan.

Gorgonie nella valle tra le caldaie
Gorgonie nella valle tra le caldaie

Il modo in cui la caldaia di tribordo ha rotolato può essere visto dall'angolazione dei tre focolari sulla parte anteriore.

L'intero scafo e il ponte sono caduti a sinistra, in modo che il lato sinistro dello scafo si trovi sotto il ponte principale per lo più livellato, mentre il lato di dritta si estende verso sud-est. Appena davanti alle caldaie e su entrambi i lati ci sono sezioni del ponte con le mastre del boccaporto del bunker intatte.

Tra i detriti in mezzo c'è una serie di gradini (2) che un tempo avrebbe condotto dalla stiva al ponte principale.

Proseguendo verso prua, un grande verricello da carico (3) attraversa il ponte dietro la seconda stiva, poi un altro verricello da carico inizia l'area del ponte tra le due stive di prua.

A dritta, un'ancora di riserva senza scorte (4) è fissato al ponte.

Ancora di riserva immagazzinata sul ponte tra le stive di prua
Ancora di riserva immagazzinata sul ponte tra le stive di prua

Nello spazio corrispondente a sinistra, un'ancora più vecchia del modello dell'Ammiragliato (5) è fissato al ponte, con il materiale rimosso e fissato a fianco.

Un'anomalia più grande è una serie di gradini che si trovano proprio sul lato sinistro del ponte. Forse sono tornati qui quando la nave è affondata o quando la prua si è rotta.

L'area tra le stive termina con il verricello da carico che avrebbe servito la stiva di prua (6).

Attraversando la stiva, la prua si è spezzata e poggia sul lato sinistro. Dietro di esso, i detriti tra la prua e il ponte principale includono bitte (7), avvolgicavi e tratti di ringhiera.

Un grande verricello dell'ancora (8) si trova su un'estremità, coprendo gran parte della larghezza del ponte di prua. Le catene sono scomparse, ma le cubie (9) rimanere intatti nella parte prodiera del ponte di prua, con le stanghette delle ancore visibili all'interno.

A dritta e ora sul lato superiore della prua, l'ancora senza scorta (10) è stretto nella cubia.

Per tornare alla metà poppiera del relitto, il percorso più semplice segue semplicemente il lato sinistro del ponte (11).

Appena dietro le caldaie, un altro portello del bunker (12) segna l'estremità poppiera dello spazio del bunker che avrebbe dovuto correre lungo il lato dello scafo. Un portello simile si trova sul lato di dritta.

Il motore a tripla espansione (13) has broken and fallen to port, leaving the crankshaft exposed and the cylinders mostly cracked open or destroyed, though the crowns of the pistons are still easily identified among the debris.

Parte di un pistone a bassa pressione
Parte di un pistone a bassa pressione

Sempre a sinistra del motore, la pompa di circolazione (14) stands upright just out from the remains of the low-pressure cylinder. A little further out and just aft is the helm (15), che originariamente sarebbe stato sopra e a proravia delle caldaie.

La pompa di circolazione si trova sul lato di tribordo del motore
La pompa di circolazione si trova sul lato di tribordo del motore

Tornando sulla linea centrale della nave, come indicato dall'albero motore, il cuscinetto reggispinta collega il motore all'albero dell'elica, conducendo a poppa nel tunnel dell'albero dell'elica (16). Sopra il tunnel, una coppia di argani (17) segnare la linea tra la terza e la quarta presa. Sempre dal ponte, tra le stive di poppa, un avvolgicavo (18) può essere trovato parzialmente sepolto un po' a sinistra.

Riprendendo la rotta verso poppa, l'albero dell'elica riappare presto dal suo tunnel (19), poi si rompe dove la chiglia si restringe per la poppa (20). Qui infatti si rompe l'intero relitto, con una scia di detriti che si dirige verso ovest.

Albero dell'elica e tunnel
Albero dell'elica e tunnel

Appena fuori dal lato sinistro, l'albero di poppa (21) angoli fuori tra le stive.

Una ricerca verso l'esterno rivela una sezione della mastra del portello (22), poi il timone (23). A circa un metro dalla base del timone, la base della pala di un'elica si solleva dalla sabbia. La punta della lama è in basso e la base è stata tranciata vicino al mozzo.

Questo aiuta a illustrare come Orfordness si ruppe mentre affondava. Quando la nave fu silurata da U60 on 20 July, 1918, the torpedo struck aft and the Orfordness scese velocemente a poppa.

La poppa avrebbe colpito per prima il fondo del mare, l'elica e il timone sarebbero affondati. La pala e il timone si sarebbero tagliati via, poiché qualsiasi avanzamento rimanente e la marea continuavano a spostare la nave in avanti, inclinandola a dritta.

Successivamente, una parte maggiore della poppa si sarebbe staccata mentre il relitto si stabilizzava, con il corpo principale che si sarebbe finalmente stabilizzato circa 30 metri più avanti.

Devo confessare che non ho visto il grosso pezzo di poppa che manca al nostro giro. Mentre stavo disegnando il relitto, ho effettuato diverse ricerche dal corpo principale, ma ho finito per esaurire il tempo di fondo e l'acqua stagnante prima di poterlo trovare, quindi ho dovuto tornare allo scatto per risalire.

I rapporti dicono che si trova da qualche parte a sinistra, dalla stiva di poppa (24).

GUIDA TURISTICA

Guida turistica di Orfordness
Guida turistica di Orfordness

ARRIVARCI: Seguire la M5 fino a Exeter, poi la A30 oltre Bodmin fino a Indian Queens. Quindi svoltare a nord sulla A392 verso Newquay.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 24.685N, 005 11.212W (gradi, minuti e decimali). La prua è a nord-est e il relitto è a pochi metri da un fondale di 32 metri con l'acqua bassa. 

MAREE: Durante le grandi maree al largo della costa settentrionale della Cornovaglia, l'acqua stagnante è essenziale. Si verifica mezz'ora dopo l'alta e la bassa acqua di Newquay, con il rilassamento dell'acqua bassa che è considerevolmente meno profondo.

IMMERSIONE E ARIA: tuffatore atlantico, lo skipper Chris Lowe, 01637 850 930. Sono disponibili nitrox, ossigeno e trimix, ma controlla in anticipo per assicurarti che sia disponibile gas sufficiente.

ALLOGGIO: Chris Lowe può fornire sistemazione in camere a castello. Ci sono molte altre opzioni Newquay.

LANCIO Scivolare a Newquay.

QUALIFICHE: Adatto per PADI Acqua aperta avanzata or BSAC Sports Diver. It’s an ideal depth to extend bottom times with nitrox.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1149, Pendeen to Trevose Head. Mappa dell'Ordnance Survey 200, Newquay, Bodmin e dintorni. Immersioni nelle Isole Scilly e nella Cornovaglia settentrionale, di Richard Larn e David McBride

PRO: Tipicamente buona visibilità su fondali di dura sabbia granitica.

CONS: Just too deep for PADI Acqua aperta avanzata Divers without a deep speciality.

PROFONDITÀ: 20-35m

GRADO DI DIFFICOLTÀ:

Grazie a Chris Lowe.

Apparso su DIVER maggio 2011

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x