Tour del relitto 146: Il Borneo

Tour del relitto 146 Il Borneo
Tour del relitto 146 Il Borneo

JOHN LIDDIARD ha contribuito a identificare il relitto di questo peschereccio al largo del Sussex, quindi è in una posizione ancora migliore del solito per essere la nostra guida turistica. MAX ELLIS ha prodotto l'illustrazione

QUESTO MESE TOUR DEL RELITTO è uno di quelli in cui sono coinvolto più personalmente del solito.

Fino a un paio di anni fa era un altro dei tanti relitti sconosciuti al largo di Beachy Head, a cui ci si riferiva solitamente come DS271 dopo il suo riferimento in Immersione nel Sussex.

Poi mi sono immerso con Jamie Smith del Tunbridge Wells SAC e gli appunti che ho preso durante l'immersione hanno fornito gli indizi finali che hanno permesso a Jamie di identificare il relitto come il peschereccio dell'Ammiragliato della Prima Guerra Mondiale. Borneo.

Come il nostro Tour dei relitti lo fanno spesso, questo inizia vicino alla caldaia. Le caldaie sono solitamente il bersaglio più grande e riconoscibile su un ecoscandaglio e, con il relitto che giace a prua a nord e al di là della marea, il colpo raggiunge la falchetta di sinistra. (1) dall'estremità anteriore della caldaia.

Fate attenzione negli ultimi metri di discesa, perché quando mi sono immerso nel relitto una pesante rete da pesca è rimasta impigliata sopra la caldaia e sostenuta da galleggianti. Se il tiro fosse avvenuto qualche metro più a poppa, la linea sarebbe passata attraverso la rete.

È a causa di questo pericolo che ho aumentato il grado di difficoltà del nostro tour del Borneo a 4, altrimenti avrei dato un grado di difficoltà medio di 3.

Le forche da traino sono cadute su una mastra sul lato sinistro, appena davanti all'albero.
Le forche da traino sono cadute su una mastra sul lato sinistro, appena davanti all'albero

Il ponte è a livello a 37 m e le travi del ponte sono generalmente intatte. Immediatamente davanti alla caldaia c'è una sezione in acciaio leggermente rialzata con un foro ovale per la canna fumaria (2), poi immediatamente davanti a questo c'è il verricello da traino (3). Questo è stato il primo indizio sull'identità. Sulla maggior parte dei pescherecci a vapore ci sarebbe una timoneria tra la canna fumaria e il verricello, quindi questo scafo non è configurato come la maggior parte dei pescherecci a vapore.

Proseguendo in avanti, apri le mastre del ponte (4) condurre giù alla stiva. Successivamente in avanti sulla linea centrale, un trio di dissuasori a rulli (5) disposti a forma di gallone avrebbero guidato i cavi dal verricello. Sul lato sinistro, parte del piano di calpestio comincia a marcire.

Un lucernario e un ventilatore sopra il gavone di prua hanno piccoli oblò ai lati
Un lucernario e un ventilatore sopra il gavone di prua hanno piccoli oblò ai lati

Ora superiamo un altro portello aperto e il piede cilindrico d'acciaio dell'albero di prua (6).
A sinistra, la forca da traino di prua (7) è caduto sul ponte. Non c’è traccia di una forca corrispondente sul lato di dritta, o di un basamento rotto, anche sul fondale sottostante – ma non fare questa deviazione adesso, lo controlleremo più tardi.

Questo era un altro indizio sull'identità, perché il Borneo era attrezzato per funzionare solo dal lato sinistro della barca. La forca caduta attraversa anche un'altra mastra del portello, questa volta dando accesso al gavone di prua e agli alloggi dell'equipaggio a prua.

Proseguendo verso prua la coperta è a filo, senza castello di prua rialzato. Una coppia di bitte è fissata sul lato di dritta (8), ma non esiste una coppia corrispondente alla porta.

C'è un piccolo lucernario rialzato a forma di scatola quadrata al centro della prua con un unico oblò su ciascuna faccia (9).

Questo caratteristico lucernario è mostrato sulle planimetrie del Borneo ed è un altro indizio sull'identità del relitto.
Il verricello dell'ancora (10) è ribaltato dalla sua posizione a prua del lucernario e ora riposa tra il lucernario e la falchetta di sinistra. I supporti per l'argano sono leggermente spostati a sinistra e hanno una guida unica (11) conduce ad un foro di cubia sul lato sinistro della prua.

Non c'è un foro di cubia corrispondente sul lato di dritta della prua (12), e nessun segno di ancore sul fondale a 40 m. Ancora una volta, confrontando questo con i piani del Borneo aiuta a confermare l'identità di questa disposizione insolita.

Guida per la catena dell'ancora a babordo della prua
Guida per la catena dell'ancora sul lato sinistro della prua

Come ulteriore verifica dell'assetto asimmetrico del trawler, il nostro percorso di ritorno a poppa segue il lato di dritta dello scafo, verificando che nulla di importante sia caduto e ora poggi sul fondale.

Tornando al verricello, un piccolo portello sul lato di dritta del ponte funge da portello del bunker per il caricamento del carbone. (13).

La caldaia (14) occupa la maggior parte della larghezza dello scafo, con meno di 1 m di ponte su entrambi i lati. È stato spostato nei suoi supporti, con l'estremità di poppa leggermente più alta di quella di prua.

Aragosta che corre lungo il gunnel
Aragosta che corre lungo la falchetta

Su entrambi i lati, piccoli fori rotondi con maniche nel ponte sono le basi per i ventilatori, un altro piccolo indizio che si collega con il Borneoi piani di.

Dietro la caldaia, lo spazio che sarebbe dovuto essere la sala macchine (15) è un groviglio di macchinari e strutture della nave, il tipo di danno che potrebbe derivare solo dall'esplosione di una mina o di un siluro.

La mina ha colpito il Borneo a poppa e lo affondò all'istante. L'unico sopravvissuto era in piedi in avanti ed è stato spazzato via e gettato in acqua.

Il groviglio di rottami scende lentamente su un ponte di poppa leggermente meno danneggiato (16), con la curvatura della poppa intatta e più vicina al fondale di 40 metri.

Una scia di detriti conduce a tribordo e a poppa della poppa: una copertura del portello di ventilazione della sala macchine e del lucernario (17), poi il piede dell'albero di poppa (18) e, cosa più significativa, il doppio arco rovesciato dell'elmo (19).

È stato l'identificazione del timone così a poppa che per Jamie ha scatenato l'associazione di questo relitto con il Borneo, dove la timoneria era insolitamente situata a poppa del motore e in alto sopra la poppa.

Con questa associazione in atto, tutti gli altri indizi sono stati verificati rispetto a Borneoi piani di, e l'identità è stata debitamente confermata.

Attorno alla poppa, i detriti sul lato sinistro sono limitati al resto dell'albero (20). Poi, tornando sul ponte, a sinistra della caldaia, troviamo un paio di bitte (21) – quasi un anti-climax dopo il timone, ma questo è il punto in cui inizia il nostro giro del peschereccio Borneo estremità.

Bitte per il passaggio dei cavi da traino, appena a poppa dell'albero
Bitte per il passaggio dei cavi da traino, appena a poppa dell'albero

Fai attenzione quando invii un SMB ritardato per decomprimerti, perché la rete da pesca potrebbe comunque rappresentare un pericolo.

Probabilmente è più sicuro nuotare appena fuori poppa prima di risalire, oppure nuotare verso prua, entrambe le opzioni ora sono al sicuro lontano dalla rete sopra la caldaia.

UNA CARRIERA OSCURA

IL BORNEO, peschereccio. COSTRUITO 1906, affondato 1917

È STATA DEPOSITA COME UNA NAVE DA PESCA con la sua maggiore potenza proveniente dalle sue vele. La sua lunghezza era di 115 piedi, larghezza 20 piedi e pescaggio 10 piedi. Con una stazza lorda di 211 tonnellate, fu robustamente costruita in acciaio nel 1906 per Cook Wellington e Gemmell Ltd di Beverley, scrive Kendall McDonald.

I Borneo era dotato di un motore monovite tre cilindri a tripla espansione da 60 cavalli che alimentava un'unica caldaia.

Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale venne assunta dalla Royal Navy come peschereccio da traino dalla Grant & Baker Steam Fishing Co Ltd che, in qualità di armatore, aveva registrato la nave a Grimsby.

Ha colpito una mina al largo di Beachy Head tre anni dopo, mentre era in zavorra, ed è stata ritrovata dai subacquei in anni molto più recenti. Sembra che non ci fossero dettagli sull'equipaggio coinvolto nel disastro.

GUIDA TURISTICA

La guida turistica del Borneo
La guida turistica del Borneo

ARRIVARCI: Il porto turistico di Brighton si trova a est del centro città, vicino alla A259 per Newhaven ed Eastbourne. Sovereign Marina si trova a est di Eastbourne. Dalla A27, prendi la A259 attraverso Pevensey verso Eastbourne da est e Sovereign Harbour è sulla sinistra. A Newhaven, il porto turistico e gli scali di alaggio si trovano a est del fiume, direttamente di fronte al molo dei traghetti.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 37.930N, 000 13.170E (gradi, minuti e decimali). L'arco punta a nord.

MAREE: Con una bassa marea è sufficiente immergersi circa un'ora prima di Newhaven con acque basse o un'ora e mezza prima di Newhaven con acque alte.

IMMERSIONE: John Liddiard si è immerso con il SAC di Tunbridge Wells. Le barche charter sono disponibili da Brighton, Newhaven e Eastbourne.

ALLOGGIO: Tanti hotel e B&B tra cui scegliere vicino al mare del Sussex.

ARIA: Centro subacqueo di Newhaven, Centro immersioni di Brighton.

QUALIFICHE: È meglio immergersi con una ricca miscela di decompressione, quindi si consiglia un minimo di procedure di decompressione o autonomia estesa con una delle agenzie tecniche.

LANCIO: Lo scalo più vicino è a Newhaven.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Grafici dell'Ammiragliato 1652, Selsey Bill a Beachy Head e 536, Beachy Head a Dungeness. Mappe di indagine sugli ordigni 198, Brighton e Lewis, Worthing, Horsham e Haywards Heathe 199, Eastbourne e Hastings, Crowborough, Battaglia e Heathfield. Immersione nel Sussex, di Kendall McDonald. Relitti del canale della prima guerra mondiale di Neil Maw. Museo locale e marittimo di Newhaven.

PRO: Una configurazione insolita del peschereccio dell'Ammiragliato della Prima Guerra Mondiale.

CONS: Il pericolo rappresentato dalla rete vicino alla caldaia rende questo relitto più impegnativo di quanto sarebbe altrimenti.

PROFONDITÀ: 35-45m

GRADO DI DIFFICOLTÀ:

Grazie a Jamie Smith e ai membri del Tunbridge Wells SAC.

Apparso su DIVER febbraio 2011

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x