Tour del relitto 126: Il Bangor

Tour del relitto 126 Il Bangor
Tour del relitto 126 Il Bangor

Questo piccolo coaster si trova a Strangford Lough ed è possibile immergersi con qualsiasi stato della marea, afferma JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

LA NOSTRA TOUR DEL RELITTO QUESTO MESE è un simpatico piccolo sottobicchiere dal classico layout con motore posteriore che è cambiato poco dall'inizio alla fine di Age of Steam.

Situato appena fuori Strangford Lough, ma privo di corrente, il Bangor rende l'immersione comoda senza dover viaggiare così lontano in barca.

Il nostro tour inizia dal troncone dell'albero dell'elica (1), che emerge dalla parte posteriore del motore. Qui è dove solitamente viene legata la boa.

La macchina a vapore composta a due cilindri (2) è caduto in porto, ma per il resto è intatto. Anche quando i motori a tripla espansione divennero comuni sulle navi più grandi, molti sottobicchieri furono ancora costruiti con i motori a due cilindri meno efficienti, perché occupavano meno spazio.

Il motore composito a due cilindri si è ribaltato rivelando l'albero motore e l'albero dell'elica
Il motore composito a due cilindri si è ribaltato rivelando l'albero motore e l'albero dell'elica

A parità di lunghezza complessiva della nave, la stiva poteva essere qualche metro più lunga e la maggiore fame di carbone non era critica nei brevi viaggi costieri.

A prua del motore, la caldaia (3) è a livello, ma leggermente inclinato rispetto alla linea della chiglia.

Lo scafo è crollato verso l'esterno sotto il peso del carico di pietra di Portland e il ponte è crollato di conseguenza.

Il Bangor trasportava pietra di Portland
Il Bangor trasportava pietra di Portland

Una sezione di mastra (4) dalla stiva di poppa più grande corre in parte attraverso il relitto e in avanti lungo il lato sinistro, dove il ponte rimane intatto.

Al centro della stiva, i grandi blocchi di pietra (5) sono ammassati in un cumulo che si innalza a pochi metri dal fondale marino a 31 metri, formando un reef artificiale di pietra naturale all'interno del reef di acciaio che il relitto ha creato.

Proseguendo lungo il lato sinistro del relitto, il ponte e lo scafo vengono demoliti sul fondo del mare per la parte prodiera della stiva (6). Lo scafo riprende quindi tra le stive, dove sarebbero stati posizionati l'albero e il verricello. Un argano da carico (7) è inclinato in avanti e l'albero giace parzialmente sepolto a dritta.

Verricello da carico
Verricello da carico

La mastra per la stiva anteriore più piccola (8) è intatto, con un'area circostante del ponte, sebbene spinto verso l'alto dallo scafo dal mucchio di blocchi di pietra all'interno della stiva, e trattenuto all'estremità prodiera da una paratia.

Il ponte di prua è in gran parte scomparso, con il verricello dell'ancora (9) inclinato all'indietro e sottosopra.

Verricello da carico
Verricello da carico

Alcuni detriti dal ponte sono caduti e il lato sinistro e le piastre superiori della prua si sono piegati (10) per lasciare una piccola nuotata. Una leggera abrasione a prua (11) dà una profondità massima di 32 m.

la prua è piegata a sinistra
La prua è piegata a sinistra

Ritornando a poppa lungo il lato di dritta, lo scafo è meno intatto. Una rete da pesca (12) è stato trascinato a strascico sul lato di dritta dello scafo, al livello del verricello da carico.

Forse la pesca a strascico ha causato parte del danno alla prua, o forse si è trattato di un danno di salvataggio mentre il Bangor riposato sulle rocce. O forse il danno è venuto dall'impatto originario con le rocce, oppure quando il Bangor scivolò in acque più profonde.

Lo scafo sul lato sinistro della stiva principale è sepolto sotto pile di blocchi di pietra eruttati sulle piastre rotte dello scafo (13).

Oltre la stiva, il lato di dritta dello scafo fino a poppa (14) è stato attorcigliato quasi perpendicolarmente alla linea principale del relitto.

Questo mi porta a pensare che il Bangor finalmente si sistemò a poppa, strappando via il lato di dritta mentre il resto dello scafo proseguiva a poppa. C'è poco da vedere a tribordo e sotto il punto in cui è caduto il motore (15).

Su qualsiasi relitto così danneggiato, vale la pena dare un'occhiata più lontano per trovare altri detriti. Fuori dal quartiere di sinistra ci sono un paio di bitte (16) dal ponte di poppa. Poi, a pochi metri, quasi in linea con la chiglia, c'è il timone mal piegato (17).

Dissuasori tra le stive
Dissuasori tra le stive

Più al largo, il fondale sabbioso lascia il posto ad una zona pianeggiante di barriera corallina (18), con alcuni frammenti di rottami. Non aspettarti altro; il motore era montato a poppa, quindi praticamente è tutto.

Una boa legata all'albero dell'elica o al motore dovrebbe essere abbastanza facile da trovare per la risalita e per qualsiasi deco necessaria.

DESTINO SCRITTO NELLA PIETRA

LA BANGOR, portatore di pietre. Costruito nel 1894, affondato nel 1934

L'HANNO COSTRUITA IN ACCIAIO nel Bowling Yard di Scott & Sons nel 1894. Finì per essere lunga 147 piedi, con una larghezza di 22 piedi e un pescaggio inferiore a 9 piedi. Tuttavia, il suo pescaggio ridotto non la salvò quando colpì una roccia nello Strangford Lough, nella contea di Down, 40 anni dopo. scrive Kendall McDonald.

Ma avevano costruito bene la piccola nave. Ross & Duncan di Glasgow era stata responsabile dell'installazione dei suoi macchinari.

La sua singola elica era azionata da un motore composto a due cilindri da 67 CV posizionato a poppa, con un'unica caldaia. La disposizione significava che aveva molto spazio nelle sue stive.

L'armatore Stephen Gray era soddisfatto e spesso veniva visto studiare il suo piroscafo da 340 tonnellate al suo ormeggio nel porto di Beaumaris, che si trova ad Anglesey attraverso lo stretto di Menai da Bangor, da cui prese il nome.

Non che Mr Gray avesse molto tempo per guardarla, perché lavorava Bangor duro nei prossimi 40 anni.

Nel 1930 aveva formato un'associazione con le società di cava di pietra di Portland e Bangor viaggiava regolarmente, prima in zavorra verso Portland, e poi pesantemente carico di pietra di Portland verso i clienti abituali del settore edile.

Il suo ultimo viaggio, il 26 febbraio 1934, seguì questo schema. Andò prima a Portland e, una volta piena di pietre, si diresse a Belfast passando per Strangford Lough. Arrivò in una fitta nebbia e colpì Butter Pladdy Rock, vicino a Ballyquinton Point.

All'inizio rimase bloccata, ma la marea si stava alzando e il peso del suo carico faceva sì che la sua chiglia fosse piegata e lei stava imbarcando l'acqua velocemente. Il capitano e il suo equipaggio non aspettarono e salirono sulla loro barca.

Erano saggi. IL Bangor galleggiò via dalla roccia, ma non andò lontano prima di affondare rapidamente in acque profonde. I blocchi di pietra nelle sue stive la bloccarono sul fondo del mare a quella che la gente del posto descrisse come “oltre 100 piedi”.

Il tour del relitto di Bangor
Il tour del relitto di Bangor

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Servizi di traghetti Norfolkline Irish Sea, da Liverpool (Birkenhead) a Belfast, 0844 499 0007. Da Belfast prendi la A20 per Portaferry.

COME TROVARLO: I Bangor si trova con prua a nord al GPS 54 19.706N, 5 26.602W (gradi, minuti e decimali). I subacquei locali spesso lasciano una piccola boa attaccata al motore.

MAREE: I Bangor può essere immerso durante tutta la marea. Un po' di corrente spesso aiuta a eliminare il limo.

IMMERSIONI, ARIA E ALLOGGIO: Immersioni DV, 02891/861686 / 464671.

QUALIFICHE: Una profondità confortevole per un PADI Acqua aperta avanzata / BSAC Sports Diver e una profondità ideale per sfruttare al massimo il nitrox.

LANCIO: Le barche possono essere varate al molo dei traghetti di Portaferry, prestando però attenzione a non ostruire il traghetto.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Grafici dell'Ammiragliato 2156, Strangford Lough e 2093, Approcci meridionali al Canale Nord. Indice dei naufragi d'Irlanda, di Richard e Bridget Larn. Relitti irlandesi in linea di Randall Armstrong.

PRO: Comodo per pianificare una giornata insieme ad un'immersione in acque stagnanti nella parte esterna dello Strangford Lough.

CONS: Un piccolo coaster può sembrare un po' affollato quando una barca piena di subacquei vi scende sopra.

GAMMA DI PROFONDITÀ: 20-35m

Grado di difficoltà:

Grazie a David Vincent, Tony Vincent e Steve Phillips.

Apparso su DIVER luglio 2009

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x