Tour del relitto 125: La Siracusa

Tour del relitto 125 La Siracusa
Tour del relitto 125 La Siracusa

Questo piroscafo, naufragato 112 anni fa al largo di Newquay, è giustamente popolare, ma assicurati che le condizioni siano giuste prima di immergerti, avverte JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

OGNI TRATTO DI COSTA ha il suo caratteristico relitto. È quello in cui tutti si immergono per il suo splendore come relitto, per la sua comodità o semplicemente perché cattura l'immaginazione dei subacquei. Da Newquay questo relitto è il Siracusa, un piroscafo da 1234 tonnellate che affondò nel 1897.

Il relitto è stato recuperato e decomposto vicino al fondale marino di 34 metri, quindi il nostro tour inizia nel punto più alto del relitto, vicino alle caldaie (1), le cui cime arrivano a poco meno di 30 m.

La caldaia di sinistra è praticamente intatta, mentre quella di tribordo è aperta per mostrare un groviglio di tubi della caldaia.

Appena a poppa della caldaia di tribordo, un piccolo motore a vapore monocilindrico avrebbe azionato una pompa (2).

L'intero motore è caduto a tribordo, piegando le aste delle valvole.
L'intero motore è caduto a tribordo, piegando le aste delle valvole

La parte superiore del motore a vapore principale a tripla espansione (3) è caduto a tribordo, lasciando le bielle attorcigliate e il lato sinistro dei montanti di supporto del motore rimasto in posizione verticale.

Dietro il motore l'albero motore è ancora collegato al cuscinetto reggispinta (4), con l'albero dell'elica che emerge dai resti della paratia della sala macchine e prosegue verso poppa.

Restando sul lato di dritta della nave, un argano da carico che avrebbe servito le stive di poppa viene rotto con la base capovolta, quindi i fuselli si allargano accanto alla base (5). I lati dello scafo sono caduti verso il fondo del mare, lasciando solo un accenno del punto in cui si innalza il profilo originale dello scafo.

Mandrini del verricello
Mandrini del verricello

Lo scafo inizia presto a restringersi verso la poppa, con un paio di bitte cadute da un ponte a lungo decaduto ma ancora in piedi appena all'interno dello scafo. Il carbone rimasto dal carico è sparso nelle vicinanze. Lo scafo termina con una rottura nell'albero dell'elica (6).

la poppa è rotta nel punto in cui la chiglia si restringe
La poppa è rotta nel punto in cui la chiglia si restringe

A pochi metri da poppa, e leggermente a dritta, si trova la parte superiore del montante del timone e il meccanismo di governo (7), un interessante involucro a forma di pattumiera che avrebbe contenuto gli ingranaggi per la rotazione dell'albero del timone tramite la rotazione di un albero di governo orizzontale.

ingegneria insolita: il meccanismo dello sterzo è un gruppo di ingranaggi in un involucro delle dimensioni di un bidone della spazzatura
Ingegneria insolita: il meccanismo dello sterzo è un gruppo di ingranaggi racchiuso in un involucro delle dimensioni di un bidone della spazzatura

Un po' più fuori, a sinistra, c'è la sezione di coda della chiglia, con l'ultima sezione dell'albero dell'elica, il premistoppa di poppa e l'elica (8). Dietro c'è il timone, perfettamente posizionato rispetto all'elica, ma con la parte superiore dell'albero piegata di quasi 90°.

Questo suggerisce che il Siracusa scese di poppa con la marea corrente, così che il timone e l'elica si impigliarono nel fondo del mare e furono strappati dalla nave mentre si stabilizzava con la marea.

Ora, seguendo l'albero dell'elica in avanti, conta i blocchi di cuscinetti che lo sostengono sopra la chiglia. Subito dopo il terzo blocco, a pruavia di poppa, e parzialmente nascosta sotto l'albero, c'è una grande chiave ad anello (9), dimensionato per adattarsi al grosso dado che fissa l'elica all'estremità dell'albero.

Con una chiave del genere portata con sé, mi sarei aspettato anche il Siracusa avevo con me un'elica di riserva, ma non sono riuscito a trovarla. Forse è parzialmente sepolto da qualche parte tra i detriti, forse è stato recuperato, o forse... Siracusa stava già funzionando con la riserva.

Il lato sinistro della stiva contiene un'ulteriore quantità di carbone proveniente dal carico. Poi, quando ci avviciniamo alla paratia della sala macchine, il lato sinistro dello scafo rimane intatto e sale al livello del ponte principale (10).
Questo continua oltre le caldaie, poi scende nuovamente sul fondo del mare dove il lato dello scafo è caduto verso l'esterno.

Un paio di paratie che attraversano il relitto qui segnano lo spazio del bunker, dove sarebbe stato conservato il carbone per alimentare le caldaie della nave. Al centro di questo spazio e verso la paratia di prua si trovano il timone e il motore dello sterzo (11), caduto dalla timoneria che si trovava sopra questa parte della nave.

Il timone e il motore dello sterzo, a prua delle caldaie
Il timone e il motore dello sterzo, a prua delle caldaie

A prua di questa paratia e lungo la stiva, un paio di argani (12) poggiare verticalmente su entrambi i lati del piede d'albero che sporge dalla chiglia. A babordo, il lato dello scafo è di nuovo intatto, con persino un frammento del ponte principale sostenuto da esso, anche se leggermente cadente.

Proseguendo lungo la stiva di prua, il salpa-ancora (13) è caduto per riposare sulla chiglia. Il lato di tribordo della prua è caduto verso l'interno (14), mentre il lato sinistro della prua è caduto verso l'esterno per appoggiarsi sul fondale.

Proprio all'estremità della prua, è scomposta fin quasi alla chiglia (15). Una coppia di dissuasori (16) stare in piedi sulla sabbia granitica grossolana un paio di metri a sinistra.

La parte superiore dell'arco è cariata
La parte superiore dell'arco è cariata

Una distanza simile a dritta è una piccola torre di trivellazione (17). Questo sarebbe stato originariamente situato al centro del ponte di prua e utilizzato per sollevare le ancore sul ponte dopo che il verricello dell'ancora le aveva sollevate.

Il nostro percorso verso le caldaie e la linea di tiro segue il lato di dritta rotto dello scafo (18). Poco prima di tornare alle caldaie, una piastra caduta ha sopra una piccola valvola (19). Tutto il tempo rimanente prima di risalire sulla linea di tiro può essere speso alla ricerca di gronghi tra i tubi della caldaia di tribordo.

RAGEDY FUORI NEWQUAY

LA SIRACUSA, piroscafo da carico. COSTRUITO 1879, affondato 1897

LA GOLIA DA 1243 TONNELLATE ATTREZZATA vaporiera con vite di ferro Siracusa è stato costruito nel 1879 come Baviera alla Flensburger Geschaft per la linea Amburgo-America, scrive Kendall McDonald.

Fu solo quando fu venduta a Robert Sloman di Amburgo qualche anno dopo che diventò la Siracusa, che naviga sotto bandiera tedesca con porto di origine indicato come Amburgo. Il suo capitano allora era Karl Rendey, e i suoi 24 membri dell'equipaggio erano regolari in tutti i suoi viaggi. Sarebbero stati uccisi tutti insieme quando il Siracusa naufragò il 6 marzo 1897.

Il viaggio durante il quale fu fatta a pezzi era uno di quelli che avevano intrapreso molte volte prima. Le stive della nave erano piene di carbone gallese proveniente da Newport da consegnare a Napoli.

La prima a individuare “un grande piroscafo dall’aspetto straniero” in difficoltà è stata la Guardia costiera di Newquay. Siracusa sembrava incapace di avanzare quando si trovava a cinque o sei miglia dalla costa, e alle 4:XNUMX, quando si trovava a quattro miglia a NNO di Towan Head, iniziò a lanciare razzi di soccorso.

Cinque minuti dopo, l'equipaggio della scialuppa di salvataggio Willie Rogers furono chiamati e nel giro di 30 minuti era a galla. Il tempo era così brutto fuori dal promontorio che il Willie Rogers fu respinto due volte e quasi naufragò all'imboccatura del porto. Il suo timoniere è stato gravemente ferito prima che quasi 100 pescatori la trascinassero in salvo. IL Siracusa a quel punto era andato alla deriva di cinque miglia, inclinandosi pesantemente verso il porto.

La tempesta ora aumentò finché le guardie costiere, gli equipaggi missilistici e gli spettatori dovettero strisciare su mani e ginocchia attraverso Towan Head. Alle 11, tre bagliori luminosi partirono dal Siracusa; poi l'oscurità rimase ininterrotta. Da ciò si supponeva che la nave fosse affondata.

I Willie Rogers si lanciarono di nuovo, dirigendosi ora verso le grandi scogliere a nord di Newquay. Si è imbattuto nel relitto di un ketch, ma non ha avuto modo di impedirne il ribaltamento. Fu fatto in frammenti e i tre uomini a bordo furono tutti uccisi.

All'alba, il SiracusaGli alberi superiori di sono stati trovati sporgenti dalle onde a circa 300 metri da Towan Head.

Relitti, tonnellate di carbone, una barca con il nome della nave e 25 salvagenti anulari, ciascuno con il nome di un uomo diverso, furono portati a riva.

GUIDA TURISTICA

La guida turistica del relitto di Siracusa
La guida turistica del relitto di Siracusa

ARRIVARCI: Seguire la M5 fino a Exeter, prendere la A30 oltre Bodmin fino a Indian Queens, quindi svoltare a nord sulla A392 fino a Newquay.

COME TROVARLO: I Siracusa si trova appena fuori Newquay a 50 26.33 N, 005 06.64W (gradi, minuti e decimali). La prua è a est e il relitto si eleva a 5 metri da un fondale di 34 metri in alta marea.

MAREE: Nelle grandi maree della Cornovaglia settentrionale, l'acqua stagnante è essenziale. Si verifica a Newquay con acque alte e basse, con il rilassamento delle acque basse che è considerevolmente meno profondo.

IMMERSIONE E ARIA: tuffatore atlantico, lo skipper Chris Lowe, 01637 850 930. Sono disponibili Nitrox, ossigeno e trimix, ma controlla in anticipo per assicurarti che sia disponibile gas sufficiente.

ALLOGGIO: Chris Lowe può fornire sistemazione in camere a castello. Ci sono molte altre opzioni Newquay.

QUALIFICHE: Adatto per PADI Acqua aperta avanzata Subacqueo/Subacqueo sportivo BSAC. Un buon relitto su cui sfruttare il nitrox.

LANCIO: Scivolare a Newquay.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1149, Pendeen a Trevose Head. Mappa dell'Ordnance Survey 200, Newquay, Bodmin e dintorni. Indice dei naufragi delle isole britanniche, volume 1, di Richard e Bridget Larn. Immergiti nelle Isole Scilly e nella Cornovaglia settentrionale, di Richard Larn e David McBride.

PRO: Un relitto facile e divertente che è ragionevolmente accessibile. Di solito gode di visibilità fessurata.

CONS: Le grandi maree rendono fondamentale la tempistica dell'acqua stagnante.

GAMMA DI PROFONDITÀ: 20-30m

Grado di difficoltà:

Grazie a Chris Lowe.

Apparso su DIVER giugno 2009

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x