Tour del relitto 122: Karlsruhe

Il tour del relitto di Karlsruhe
Il tour del relitto di Karlsruhe

Ti stai riscaldando per immergerti nei relitti di Scapa Flow nelle Orcadi? Ci sono pochi relitti migliori di questo, il più superficiale degli incrociatori tedeschi della Prima Guerra Mondiale, per questo scopo, afferma JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

QUANDO DECIDI QUALE DELLO SCAPA FLUSSO relitti da presentare quest'anno Tour dei relitti, mi restava solo una piccola scelta da presentare: l'incrociatore Grand Fleet della Prima Guerra Mondiale Karlsruhe, o la nave di scorta della Seconda Guerra Mondiale F2.

Alla fine, ho deciso di completare il set delle cruiser, quindi il tour di questo mese è l’SMS Karlsruhe, a 26 metri dal fondale marino, pochi metri meno profondo rispetto agli altri incrociatori, un'immersione di riscaldamento popolare e comoda come seconda immersione dopo uno dei relitti più profondi.

Le Karlsruhe è più rotto degli altri incrociatori, ma questo è uno dei suoi pregi. Molti dettagli nascosti nel profondo degli altri sono in bella vista sul Karlsruhe.

Come su tutti i relitti di Scapa, una boa è fissata in modo permanente. Sul Karlsruhe è attaccato alla parte anteriore di un paio di pesanti torri di trivellazione (1) sul lato sinistro, appena a prua del centro nave a soli 14 metri. Al di sotto di questo, le corrispondenti gru di tribordo sono crollate sul fondo del mare (2) tra una scala sostanziale e un albero a 26 m.

La strada da seguire è con il mazzo sulla spalla sinistra. Anche gli alberi sono caduti sul fondo del mare, poi un'ampia sezione del piano di calpestio rivestito in teak è leggermente scivolata via a causa del crollo dello scafo (3).

Questa non è una parte così importante del relitto in sé, ma segna il punto da cui iniziare a cercare la chiesuola del timone. (4), una sezione a forma di cono semisepolta nel fondale marino, tra la sezione del ponte che abbiamo appena superato e la torre di comando corazzata (5).

This latter feature is unmissable, a heavy steel cylinder a few metres in diameter and height, with smaller rings on top to protect the captain during battle as he commanded the ship.

Rimanendo sul fondo del mare, il nostro giro si svolge ora presso la lunga e affusolata prua dell'incrociatore. Due torrette da 5.9 pollici (6) sono rimasti vagamente collegati alle basi, agli alberi delle torrette e al ponte circostante, mentre il ponte è crollato. Questa coppia originariamente sarebbe stata affiancata, forse leggermente sfalsata in modo che potessero sparare contemporaneamente sullo stesso lato della nave.

Albero del caricatore sotto una delle due torrette anteriori
Magazine shaft beneath one of a pair of forward gun-turrets

Come sugli altri incrociatori Scapa Flow, il retro delle torrette è aperto, rivelando i dettagli dei meccanismi di sfondamento e di elevazione dei cannoni.

Il modo in cui la coperta si è piegata diventa più evidente un po' più a prua, dove si trovano una coppia di argani per l'ancora (7) giacciono quasi uno sopra l'altro con i propri frammenti di ponte rivestito in teak, dove originariamente sarebbero stati fianco a fianco.

bobine di cavo
Bobine di cavo

Dai cabestani, la catena dell'ancora pende allentata prima di scomparire lungo le cubie, con coppie di grandi bitte di ormeggio su entrambi i lati (8).

catena di ancoraggio
Catena d'ancoraggio

La prua stessa è sorprendente, in quanto le piastre dello scafo sono marcite lasciando solo uno scheletro della prua (9), zona privilegiata per alcuni grandi anemoni piumati dove la corrente quasi trascurabile si accumula attorno all'estremità del relitto.

Ora andiamo a poppa, oltrepassiamo le gru della barca, una piastra con un portello ovale (10) segna un'area che un tempo sarebbe stata una sovrastruttura non corazzata, ora in gran parte degradata.

Il nostro percorso ora attraversa un'altra grande sezione di ponte rivestito di assi di teak, prima di arrivare a un mucchio sparso di carbone (11).

Uno sguardo alle fotografie del Karlsruhe rivela che ancora una volta c'erano delle armi da fuoco in quest'area, ma il massimo che sono riuscito a trovare è stato uno dei fusti (12) che avrebbe sostenuto un cannone fino alla chiglia della nave.

Una di una coppia di torrette anteriori
Uno di una coppia di torrette anteriori

Appena sotto ci sono alcune delle caratteristiche del Karlsruhe sarebbe stato all'interno di uno qualsiasi degli altri relitti: un fornello da cucina (13) e un armadio in metallo.

Qui il relitto fa un tuffo nel punto in cui lo scafo è stato aperto per essere recuperato, ma il percorso a poppa è facile da seguire proseguendo lungo il bordo del relitto. Ora sul ponte di poppa c'è un'altra torretta (14) è caduto sul fondo del mare e si è appoggiato su un lato, con la canna del fucile quasi oscurata dal limo.

la pistola e lo scudo
La pistola e lo scudo

Un altro piano di calpestio rivestito in teak conduce a poppa verso un unico argano per l'ancoraggio (15).

Su entrambi i lati del ponte ci sono coppie di bitte (16), quindi coppie di ritagli semicircolari (17), ciascuno di poco meno di 1 m di diametro. Devo ancora identificarne lo scopo: potrebbe essere sofisticato come la posa di mine, o semplice come le baracche dei servizi igienici appese a poppa. Mi piacerebbe saperlo con certezza. Non c'è nulla di paragonabile sugli altri relitti di incrociatori, ma il Karlsruhe è una generazione diversa di cruiser.

Proprio a poppa c'è un unico tubo di cubia per l'ancora (18).

Girando la poppa e rimanendo vicino al fondale, il timone si è staccato e poggia sul fondale (19). Così facendo, ha aperto un buco nello scafo attraverso il quale si possono vedere la parte superiore dell'albero del timone e gli enormi cilindri del motore del timone.

Rimanendo sullo scafo, sull'albero dell'elica di tribordo e sul telaio ad A (20) aprire la strada, scomparendo solo per un attimo prima di arrivare al buco di recupero. I salvatori cercavano metalli non ferrosi, ma nel caso del Karlsruhe non erano particolarmente efficienti, perché diversi tratti dell'anello della turbina erano rotti (21) riposa tra i detriti all'estremità poppiera di questo buco.

In attesa, caldaie (22) può essere visto sotto lo scafo.

Telaio ad A dall'albero dell'elica di babordo.
Telaio ad A dall'albero di trasmissione di babordo

L'immersione potrebbe terminare qui con il lancio di un SMB ritardato, ma il lato sinistro dello scafo è profondo solo 14 metri ed è facile da seguire fino alla boa (23).

Con un computer da immersione che calcola le soste profonde, un paio di minuti a 14 metri potrebbero effettivamente essere obbligatori.

Telegrafo
Telegrafo

SCOTTATO A SCAPA

LA KARLSRUHE, incrociatore leggero. COSTRUITO 1916, affondato 1918

LA KARLSRUHE È STATO LANCIATO presso i cantieri Kaiserliches di Wilhelmshaven il 31 gennaio 1916.

Era uno dei tre incrociatori leggeri che rimpiazzarono le perdite subite dalla marina tedesca durante la prima guerra mondiale. scrive Kendall McDonald.

Tutte e tre le navi erano della classe Konigsberg II, ma rappresentavano un notevole miglioramento rispetto alle navi che sostituirono. Karlsruhe si unì alla flotta d'alto mare quel novembre dopo essere stato allestito.

Karlsruhe era grande: 5354 tonnellate, pesantemente corazzato e con due serie di turbine a ingranaggi che azionavano due eliche che potevano darle 28 nodi. Era lunga 497 piedi con una larghezza di 47 piedi e un pescaggio di 21 piedi.

Era armata con otto cannoni da 5.9 pollici su supporti singoli sul castello di prua e sul cassero, e due cannoni antiaerei da 3.5 pollici.

On deck she had two 19.7in torpedo tubes, one either side of the funnel, and two more tube were fitted under water on the platform deck. She could carry and lay 200 mines from ramps on each side of the stern. There were 475 men and 25 officers in the crew.

KarlsruheIl servizio di guerra di iniziò quando si unì alla 2a divisione di ricognizione e fu incaricata di coprire i dragamine che operavano nella baia tedesca.

Si unì alla flotta tedesca in azione contro le isole baltiche per sostenere l'8a armata, che aveva avanzato verso il Golfo di Riga. IL Karlsruhe guidò un'invasione delle isole e fece sbarcare truppe tedesche che distrussero la guarnigione russa.

Successivamente andò a posare mine nel Baltico e il suo ultimo servizio attivo fu come guardia contro qualsiasi attacco da parte di navi britanniche durante l'evacuazione delle basi degli sottomarini a Bruges e Zeebrugge nell'ottobre 1918.

Karlsruhe fece il suo ultimo viaggio dopo l'armistizio nel novembre 1918, quando era la nave di testa di una linea di incrociatori che si arrendevano alle navi della Royal Navy, portando il totale a 74 navi da guerra tedesche internate a Scapa Flow.

La mattina del 21 giugno 1919, Karlsruhel'equipaggio l'ha affondata ed è affondata nei fondali al largo dell'isola di Cava.

Era uno dei quattro incrociatori e delle tre corazzate che non furono mai sollevati, sebbene furono eseguiti pesanti lavori di salvataggio con esplosivi, in particolare a centro nave e alle sezioni anteriori.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Traghetti Northlink opera servizi da Scrabster a Stromness e da Aberdeen a Kirkwall, 0845 6000 449.

La guida turistica del relitto di Karlsruhe
La guida turistica del relitto di Karlsruhe

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 58 53.357 N, 003 11.394 W (gradi, minuti e decimali) con prua a Nord-Ovest. IL Karlsruhe è abbastanza facile da trovare dalle coordinate con un GPS e un ecoscandaglio, soprattutto perché c'è una boa attaccata al relitto.

MAREE: L'SMS Karlsruhe è possibile immergersi con qualsiasi stato della marea.

IMMERSIONE E ARIA: Most diving in Scapa is from large hardboats, many with liveaboard “floating bunk-room” accommodation. Boats are generally based in Stromness, but may tie up overnight at other harbours. Air is provided by on-board compressors. Nitrox can be mixed on most boats for an extra charge. Air, weights and cylinders are usually included in the price, so travelling light and using the boat’s equipment is always an option. Scapa Flow Charters operates the boats Jean Elaine ed Sharon Rose, 01856/850879.

ALLOGGIO: Dormi a bordo, oppure soggiorna in un hotel o B&B. C'è un campeggio a Stromness, anche se campeggiare in questo clima non è raccomandato. Isole Orcadi Ente per il turismo, 01856/872856.

QUALIFICHE: An easy dive for a PADI Acqua aperta avanzata or BSAC Sports Diver. Technical diving is not required, but the Karlsruhe è a una profondità ideale per prolungare il tempo di fondo con una miscela nitrox.

LANCIO: Se vuoi traghettare una barca, ci sono una serie di piccoli posti barca. Il più vicino al Karlsruhe è a Houton. Scapa Flow è un porto funzionante, quindi chiedi in anticipo il permesso per immergerti alla capitaneria del porto.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 35, Scapa Flow e approcci. Mappa dell'Ordnance Survey 6, Orcadi – Terraferma, Mappa dell'Ordnance Survey 7, Orcadi – Isole del Sud. Immersione a Scapa Flow, di Rod Macdonald. I relitti di Scapa Flow, di David M. Ferguson. I relitti navali di Scapa Flow, di Peter L. Smith. I relitti di Scapa Flow, di Lawson Wood.

PRO: Il relitto più superficiale dell'incrociatore, un popolare riscaldamento o una seconda immersione.

CONS: Il relitto dell'incrociatore più rotto.

Grazie ad Andy Cuthbertson, Kieran Hatton, Kevin Heath e vari subacquei di Swansea e Leeds.

Apparso su DIVER marzo 2009

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x