Tour del relitto 121: Il Greatham

Tour del relitto 121 Il Greatham
Tour del relitto 121 Il Greatham

Vittima di un sottomarino nell'ultimo anno della Prima Guerra Mondiale al largo del Devon, questo piroscafo in gran parte intatto rappresenta una sfida interessante, afferma JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

UN PO' DI CONFUSIONE NEL PASSATO ha portato all'identificazione del relitto in questa posizione come Elsa, e il relitto al Elsala posizione di identificata come Greatham. Tuttavia, l' Elsa è stato identificato con certezza come l'altro relitto e il relitto in questa posizione corrisponde alle dimensioni, alla progettazione e al danno subito dal Greatham, Così Greatham è. I relitti sono distanti meno di un terzo di miglio nautico.

Il nostro tour inizia all'estremità prodiera della sovrastruttura a centro nave (1) ad una profondità di 36 metri, dove la parte di poppa intatta del relitto lascia il posto alla stiva numero 2 rotta. Per vedere l'intero relitto, il nostro percorso si sposta prima verso prua, poiché questa richiede la parte più profonda dell'immersione, attraversando la stiva.

Dal lato sinistro della sovrastruttura, segui lo scafo rotto in basso e in avanti (2), dove la profondità massima toccherà i 48m.

Rottura dello scafo sul lato di dritta della seconda stiva
Rottura dello scafo sul lato di dritta della seconda stiva

I detriti possono quindi essere seguiti lungo la stiva e attraverso verso il lato di dritta, dove il ponte e la mastra della stiva vengono attorcigliati nella stiva. (3).

Risalendo nuovamente al livello generale del ponte principale a 44 m, la sezione inferiore dell'albero di prua si trova pochi metri sopra il ponte tra le stive (4), con un unico verricello da carico immediatamente davanti al piede dell'albero.

Dietro l'albero c'è un piccolo portello con ringhiere arcuate su entrambi i lati, e il troncone rotto di una scala che pende nella stiva sottostante.

Scaletta appesa alla stiva
Scaletta appesa alla stiva

La mastra della stiva di prua si è divisa nell'angolo di poppa a dritta (5), ma il divario è solo di un metro circa ed è abbastanza facile da attraversare, anche in condizioni di scarsa visibilità.

La stiva è piena di limo fine proveniente dal fiume Dart, arginato lontano dalla spaccatura.

A prua della stiva, gradini intonacati con anemoni (6) salire sul castello di prua e sul ponte di prua a 40 m.

Ringhiera sul retro del castello di prua
Ringhiera sul retro del castello di prua

Tra i gradini, una porta aperta conduce all'interno, ma con il limo fine che domina l'area, entrare significherebbe un'esplorazione a visibilità zero.

La ringhiera lungo i lati della prua e sul retro del castello di prua è straordinariamente intatta, con piccoli spazi vuoti in modo che l'equipaggio potesse fissare le corde su coppie di bitte. Al centro del ponte, una cuddy rivolta a poppa protegge un portello sottostante (7).

A prua c'è un verricello per l'ancora, completo di maniglie dei freni, quindi una piccola torre di trivellazione per sollevare le ancore sul ponte. (8). Manca l'ancora di tribordo, molto probabilmente sepolta nel limo a 50 metri, ma l'ancora di sinistra è ancora stretta nella sua cubia.

Per ritornare alla parte poppiera del relitto, il nostro percorso segue il lato sinistro del ponte a poppa (9), oltrepassando coppie di bitte finché la rottura nello scafo non scende più in basso.

Quindi seguire il lato sinistro rotto del numero 2 da tenere premuto (10) e a poppa fino alla paratia fino alla stiva.

Invece di salire immediatamente sul ponte, ora è il momento di puntare una torcia subacquea attraverso le fessure della paratia (11) dare un'occhiata alle estremità delle caldaie.

Ora salendo sul ponte della barca, vedrai le torri curve delle scialuppe di salvataggio che sono cadute sul ponte (12).

Dietro questi, un portello aperto fornisce un passaggio sopra le caldaie. C'è fango, ma i danni allo scafo e alla paratia hanno impedito che la cabina si riempisse di roba, quindi c'è la possibilità di infilare la testa all'interno e vedere le caldaie sottostanti.

Dietro questa cabina, un buco ovale (13) avrebbe supportato l'imbuto. Su entrambi i lati, delle nervature angolari avrebbero sostenuto un ponte superiore in legno o una tenda da sole.

Successivamente a poppa c'è il portello di ventilazione simile a una serra sopra la sala macchine (14). Lo spazio del motore è ben interrato, anche se alcune parti della parte superiore del motore possono essere individuate in basso.

portello e lucernario di ventilazione della sala macchine
Portello e lucernario di ventilazione della sala macchine

Un'altra bella ringhiera intatta attraversa la parte posteriore del ponte della barca (15), quindi i gradini su entrambi i lati conducono al ponte principale (16) a 44m. La sezione del ponte che porta alla stiva numero 3 è costituita da nervature aperte, quindi forse originariamente era un rivestimento in legno che ora è marcito.

Accanto alla stiva, riprende il ponte in acciaio ed è abbastanza intatto. La stiva è piena di limo fine.

Tra le stive, due argani da carico attraversano il ponte, con un piede d'albero in mezzo (17). Su entrambi i lati si trovano coppie di bitte di ormeggio.

dissuasori
Bballatoi

La stiva numero 4 di poppa è similmente riempita di limo, quindi i gradini su entrambi i lati (18) conducono al cassero.
I portelli accanto ai gradini conducono a cabine molto ben insabbiate e con visibilità zero istantanea, come nel castello di prua.

Piuttosto che salire i gradini (18), o per chi non disdegna un po' più di profondità verso la fine dell'immersione, ora è il momento di fare una breve escursione all'elica e al timone (19) ad una profondità massima di 51 metri dal fondale marino, anche se a questa profondità potrebbero essere tolti un paio di metri.

Il timone è leggermente a sinistra. Salendo a poppa oltre una ringhiera intatta fino a 40 m, una barra dello sterzo (20) attaccato alla parte superiore del montante del timone è anch'esso ruotato a sinistra.

Barra di sterzo
Barra di sterzo

Lungo il centro del ponte, una piccola scatola con coperchio inclinato (21) è l'armadietto delle munizioni per il GreathamLa sua pistola da 12 libbre. Un cuddy rivolto a poppa protegge un portello sottostante.

cuddy sopra un portello nel cassero
Cuddy sopra un portello nel cassero

La scatola rinforzata della piattaforma delle armi (22) è intatto, con il mozzicone del cardine al centro, ma non c'è traccia dell'arma, che presumibilmente è stata recuperata.

La ringhiera vicina costituisce un punto ideale in cui rilasciare un SMB ritardato e salire per decomprimersi.

CARBONATO E FORATO

LA GREATAM, piroscafo armato. COSTRUITO 1890, affondato 1918

IL PICCOLO BRITANNICO DA 2338 TONNELLATE piroscafo armato di goletta Greatham lasciò Grimsby il 16 gennaio 1918. I suoi ordini erano di trasportare il suo carico di 3100 tonnellate di carbone a Blaye, vicino a Bordeaux, scrive Kendall McDonald.

Anche se la Greatham era descritta come "armata" - c'era un cannone da 12 libbre a poppa e due cannonieri navali al suo servizio - il suo comandante Robert Harrison era molto contento che la sua nave fosse anche sotto la protezione di molti altri cannoni. Questi erano a bordo della scorta della Royal Navy del piccolo convoglio a cui si unì non appena lasciò il porto.

Sarebbe stato meno contento se avesse saputo che, non appena il convoglio iniziò ad attraversare la Start Bay, sei giorni dopo, le navi furono avvistate da un sottomarino in attesa vicino a Dartmouth per affondare qualsiasi traffico in quel porto.

Oberleutnant Theodor Beber, comandante UB31, trovò facile tenere il passo con quel convoglio la mattina del 22 gennaio.

Si trattava per lo più di vecchie navi che, pur viaggiando alla massima velocità, avanzavano lentamente.
I Greatham era uno dei più vecchi di tutti, anche se lungi dall'essere il più lento. Era stata costruita nel cantiere di Hartlepool di W Gray & Co e varata nell'aprile 1890 come Bussora.

La nave da 290 piedi, con una larghezza di 38 piedi, fu ribattezzata Greatham quello stesso anno, quando fu acquistata dalla compagnia di spedizioni del Middlesbrough Coombes, Marshall & Co.

Ha lavorato duro, ma i suoi motori a tripla espansione le hanno dato una velocità massima di 9 nodi, che poteva mantenere per ore. Quando scoppiò la guerra le furono date le lettere di segnalazione LORP.

Alle 1.55:XNUMX, con il convoglio tre miglia a sud-est di Dartmouth, Bieber portò il sottomarino alla profondità del periscopio e lanciò entrambi i siluri di prua. Il siluro del tubo di sinistra si allontanò dal convoglio, ma quello di tribordo colpì Greatham nella parte poppiera della stiva n. 2, causando ingenti danni.

Quando la sua nave iniziò ad inclinarsi pesantemente, il capitano Harrison ordinò al suo equipaggio misto di 26 persone (17 britannici, due russi e sette arabi) e ai due artiglieri di salire sulle barche. Sette persone morirono quando la nave affondò 35 minuti dopo.

Le navi della marina iniziarono subito la carica di profondità, ma Bieber e il suo equipaggio riuscirono a scappare con poco più che un leggero scuotimento.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Dalla M5 e poi dalla A38, svoltare a sinistra sulla A380 e sulla A3022 per Torquay.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 18.284 N, 003 30.422 W (gradi, minuti e decimali). IL Greatham si trova al di là della marea con la sua prua appena a sud di est in una perlustrazione profonda ben 6 metri.

MAREE: Il rallentamento è tre ore dopo l'acqua alta di Devonport o due ore prima dell'acqua alta di Devonport, con la migliore visibilità che di solito arriva dopo l'acqua alta.

IMMERSIONE: Jennifer Anna, Torbay, 01803/607704.

ARIA: Nautica, 01803/550278. Immersioni e sport acquatici in Riviera, 01803/607135.

ALLOGGIO: Tordean Hotel, 01803/294669.

QUALIFICHE: Un'immersione in aria avanzata adatta per PADI Esperto di immersioni/BSAC Dive Leader o equivalente con procedure nitrox e deco avanzate.

LANCIO: Scivola a Paignton, Brixham e Dartmouth.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 3315, Berry Dirigiti a Bill of Portland. Mappa dell'Ordnance Survey 202, Torbay e zona sud di Dartmoor. Relitti del canale della prima guerra mondiale, di Neil Maw. Immersioni nel sud del Devon, di Kendall McDonald.

PRO: A parte la stiva numero 2 rotta, il relitto è ragionevolmente intatto e per lo più a una profondità inferiore a 45 m.

CONS: La visibilità può essere scarsa, soprattutto dopo forti piogge.

PROFONDITÀ: 35-45 metri+

Grado di difficoltà:

Grazie a Steve Mackay, Andy Micklewright e Rick Parker

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x