Tour del relitto 104: L'Unità

Tour del relitto L'Unità
Tour del relitto L'Unità

Questo mese porta con sé un tour di un piccolo relitto con una grande reputazione sulla costa orientale della Scozia: un peschereccio affondato negli anni '1990. JOHN LIDDIARD guida il tour, illustrazione di MAX ELLIS.

AVENDO FONDATO A POCHE MIGLIA fuori da Lossiemouth, il peschereccio con lo scafo d'acciaio Unità è praticamente la barriera corallina. Il fondale è a 24 metri, quindi il Unità è accessibile a tutti i subacquei che hanno progredito oltre il livello base acqua aperta titoli di studio.

Come nella stragrande maggioranza del Moray Firth, non c'è corrente o acqua stagnante di cui preoccuparsi, quindi l'Unity può essere immerso in qualsiasi stato della marea, sia come una rapida uscita per una singola immersione o come una comoda seconda immersione sulla via del ritorno da un relitto più profondo.

Di solito c'è una boa attaccata alla prua, quindi è qui che inizia il nostro tour (1).

banchi di pesci e anemoni a prua
Banchi di pesci e anemoni a prua

O meglio, è qui che inizia il vero e proprio tour, perché la prima cosa a cui prestare attenzione quando ci si immerge è il Unità sono i famosi delfini del Moray Firth, che cavalcano l'onda di prua della barca per le immersioni durante il viaggio in partenza da Lossiemouth.

Fotografia sulla ringhiera ricoperta di anemoni a prua
Fotografia sulla ringhiera di prua ricoperta di anemoni

Comunque, torniamo al relitto. La ringhiera attorno alla prua è per lo più intatta e sia la ringhiera che la prua stessa sono ricoperte di anemoni. A 20 metri, questo è il punto meno profondo del relitto.

La poca corrente che c'è concentra una nuvola di pesci sulla punta della prua. Al centro qui c'è anche un vecchio pneumatico utilizzato come parafango: una disposizione non fuori luogo su una barca funzionante come la Unità, anche se mi stupisce che i vecchi pneumatici siano ancora usati come parabordi su navi molto più eleganti.

Suppongo che qualsiasi alternativa moderna e alla moda costruita appositamente finirebbe per sembrare comunque un vecchio pneumatico.

Più indietro, sul lato di dritta della prua, le ringhiere sono crollate verso l'interno. Al centro del mazzo, una base quadrata disposta diagonalmente (2) è il punto di montaggio per un piccolo verricello per ancora.

Dietro questo, appena prima che il castello scenda sul ponte principale, un foro circolare segna il punto in cui sarebbe stato l'albero di prua.

Come molti altri raccordi, i gradini sono stati rimossi quando il Unità è stato smontato a Lossiemouth prima che lo scafo fosse rimorchiato al cantiere dei demolitori. Fortunatamente per noi subacquei, il Unità affondò al traino, quindi la rottura definitiva non avvenne mai.

Oltre il lato della prua e circa all'altezza della base del verricello dell'ancora, ciascun lato del castello di prua è forato da un piccolo oblò (3), con un altro vecchio pneumatico fissato come parafango nella parte posteriore del castello di prua.

Dietro il castello di prua, i portelli curvi riconducono all'interno (4), anche se non c'è niente da vedere oltre al limo accumulato.

Il portello della prima stiva viene fatto scorrere in avanti, lasciando la stiva aperta. Anche la seconda stiva è aperta, senza alcun segno del relativo portello.

Come nel castello di prua, nelle stive comincia ad accumularsi del limo, anche se si intravedono ancora le nervature dello scafo.

Supporto per vecchi macchinari e accesso alla stiva.
Supporto per vecchi macchinari e accesso alla stiva

Una pesante struttura a forma di H è posizionata diagonalmente sul ponte tra queste due stive (5), la base di una parte dei macchinari per la cernita e la lavorazione.

Una serie di tre tubi paralleli conduce da qui e fuori attraverso il trincarino sul lato sinistro (6). Le corde in decomposizione sono nascoste sotto la falchetta per gran parte della distanza a poppa.

Il relitto viene ruotato leggermente a sinistra in modo che il ponte principale di sinistra sia un metro o due più vicino al fondale rispetto al lato di dritta. Verso poppa del ponte principale, questo porta il lato sinistro quasi al livello del fondale marino.

Dall'altra parte del relitto, sul lato di tribordo, una morsa da ingegnere, simile a quelle che si potrebbero trovare in un'officina domestica, è saldata al trincarino di tribordo (7).

Proseguendo verso poppa è aperta anche la terza ed ultima stiva, senza traccia del portello.

Un treppiede caduto sul ponte ostacola l'accesso alla stiva (8). Originariamente sarebbe stato appoggiato alla parte anteriore della timoneria, con le due gambe più corte che lo sostenevano contro il tetto della timoneria.

La timoneria è stata rimossa in modo che il motore potesse essere smontato dallo scafo, lasciando un grosso buco dove un tempo si trovavano la timoneria e il motore (9).

Generatore nella sala macchine.
Generatore nella sala macchine

Scendendo nello spazio vuoto del motore, un generatore è ancora montato in basso sul lato di dritta.
Dietro lo spazio motore, una sezione intatta del tetto della cabina abbraccia lo scafo, lasciando però lo spazio per l'accesso a prua e a poppa sul lato di dritta.

Diviso sul lato sinistro c'è la vista preferita dai subacquei, un gabinetto, con un piccolo oblò per fornire luce e ventilazione (10).

sul lato sinistro, la toilette è quasi sepolta nella sabbia e nel limo
Sul lato sinistro, la toilette è quasi sepolta nella sabbia e nel limo

La cabina a prua di questo gabinetto sul lato sinistro era ancora intatta quando il Unità affondò, ma il muro esterno e il tetto ora sono crollati verso l'esterno e si sono posati sul fondo del mare (11).

Dietro le cabine, su entrambi i lati, si trovano le crocette per la rete da traino (12), pilastri solidi con le parti superiori inclinate e carrucole appese alle estremità.

Il centro del ponte di poppa è segnato dal contorno da cui sarebbe stata fissata in posizione la base del verricello della rete da traino (13).

La poppa è sprofondata nella sabbia più della prua, ma lo sbandamento a sinistra lascia appena lo spazio sufficiente per passare sotto il lato di dritta (14). Come ci si aspetterebbe da una nave smontata prima della rottura, l'elica era stata rimossa prima della rottura Unità affondò.

tubazioni e valvole nella sala macchine
Tubazioni e valvole nella sala macchine

Un po' più avanti e lo sfiato per l'acqua di raffreddamento del motore è esposto appena sopra il fondale marino.

Nel punto finale del nostro tour, anche se difficilmente sarà la fine dell'immersione, una corda da 10 cm viene legata alla crocetta di dritta e galleggia per diversi metri prima di rompersi. (15).

Già ricoperto di grandi anemoni piumati, sospetto che alla fine il peso del limo accumulato e della vita marina li porterà sul fondo del mare.

Le Unità è solo un piccolo relitto, quindi anche un'immersione senza sosta ti darà il tempo di nuotare lungo il relitto e tornare a prua con molto da fare.

Senza corrente di cui preoccuparsi, la risalita è facile tramite la boa a prua.

Grazie a Simon Few, Bill Ruck e Tim Walsh.

ANCORA PESCANDO PESCE

UNITA ', peschereccio. COSTRUITO 1975, affondato 1994

È STATA UN BUON ESEMPIO di un peschereccio Peterhead, ma nonostante il suo ottimo record di sbarchi, alla fine non ebbe più tempo, scrive Kendall McDonald.

Unità era il suo nome, PD209 il suo numero. Lunga ventiquattro metri e di 75 tonnellate, era un peschereccio da 600 cavalli, costruito a Peterhead e di proprietà di David Foreman. Lossiemouth, all'estremità orientale del Moray Firth, era il suo porto di origine.

Nel 1994 il suo tempo scadeva e fu dismessa. Il suo motore fu portato fuori nel porto di Lossiemouth, poi fu portata al rimorchio per finire i suoi giorni come rottame a Invergordon nel Cromarty Firth. Ma non ce l'ha mai fatta.

Aveva appena iniziato l'ultimo viaggio quando il rimorchio si spezzò e affondò a poche miglia di distanza, diventando una delle immersioni più popolari della zona. La gente del posto considera il Unità come il loro, una sorta di “relitto domestico” per tutti i subacquei nel raggio di miglia.

GUIDA TURISTICA

La mappa del tour del relitto dell'Unità
La mappa del tour del relitto dell'Unità

ARRIVARCI: Prendi la A941 da Elgin a Lossiemouth. Una volta lì, segui il lungomare lungo il lato ovest del fiume, oltre la prima parte del porto, poi a sinistra fino alla seconda parte del porto. Top Cat è ormeggiato all'estremità del pontile sul lato nord del bacino.

COME TROVARLO: Le Unità si trova a prua a nord-est. La posizione GPS è 57 45.304N, 003 13.326W (gradi, minuti e decimali).

MAREE: C'è poca corrente in qualsiasi stato della marea.

IMMERSIONE E ARIA: Moray Immersioni, Top Cat, skipper Bill Ruck, 01309/690421 or 07775/802963.

ALLOGGIO: Ente del turismo di Aberdeen & Grampian, ufficio di Elgin, 01343/542666

QUALIFICHE: Adatto per PADI Acqua aperta avanzata/BSAC Sport Diver o equivalente.

LANCIO: I RIB possono essere varati nel porto di Lossiemouth.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 115, Moray Firth. Carta dell'Ammiragliato 222, Buckie a Fraserburgh. Carta dell'Ammiragliato 223, Dunrobin Indica Buckie. Mappa dell'Ordnance Survey 28, Elgin e Dufftown.

PRO: Conveniente per Lossiemouth, con molta vita marina.

CONS: Un piccolo relitto, quindi può diventare piuttosto affollato.

PROFONDITÀ: -20m, 20m-35m

GRADO DI DIFFICOLTÀ:

Versione PDF del tour del relitto dell'Unità

Apparso su DIVER ottobre 2007

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x