Tour del relitto 100: Hathor e Plympton

Tour del relitto di Hathor e Plympton
Tour del relitto di Hathor e Plympton

Questo tour è una doppia sorpresa, poiché JOHN LIDDIARD campiona due relitti riuniti in un sito di immersione sud-ovest adatto a tutti i livelli di immersione. Illustrazione di MAX ELLIS.

Ultimi momenti del Plymton.jpg
Gli ultimi istanti del Plympton

PER CELEBRARE LA CONCLUSIONE DEL NOSTRO PRIMO SECOLO DI TOUR DEL RELITTO, non solo abbiamo un nuovo look ma due per uno.

Due relitti in un tour, cioè, e due relitti in un'immersione. Loro sono il Hathor ed Plympton nelle Isole Scilly, in quest'ordine perché Hathor domina il sito, appoggiandosi e oscurandone gran parte Plympton.

In 1909 l' Plympton si è spinto sul pinnacolo più meridionale di Lethegus Rocks da sud-est, inizialmente posandosi quasi in posizione verticale sulle rocce, successivamente capovolgendosi e successivamente rotolando lungo la barriera corallina per rompersi a testa in giù.

Undici anni dopo, nel dicembre 1920, la Hathor più grande era al traino verso Portland quando le tempeste fecero sì che i rimorchiatori la liberassero. Fu trascinata a poppa sullo stesso pinnacolo del Letego da sud-ovest, fermandosi dall'altra parte del fiume. Plympton.

Se consideri che Plympton è per lo più schiacciato sotto il Hathor, sono più dei relitti unici che stiamo effettivamente visitando.

Il nostro giro inizia in un canalone sul versante sud-est della roccia che ha devastato entrambi i relitti, dove si trova l'albero dell'elica del Hathor si rompe a una profondità di 20 m (1).

Il tratto integro dell'albero conduce verso poppa mentre, in direzione opposta, al di sotto dell'estremità dell'albero, tratti di albero motore e pistoni provenienti dal HathorIl motore è disteso sul fondo del burrone (2).

Proseguendo verso il mare la linea del relitto è abbastanza evidente e facile da seguire. A prua del motore ci sono i Hathorle caldaie (3). Piuttosto che indugiare, vale la pena proseguire avanti e indietro a un ritmo ragionevole per eliminare prima la parte più profonda dell'immersione.

Quando la barriera corallina scende, la strada è contrassegnata da una sezione della mastra del portello della stiva, quindi da una piastra del ponte con un argano da carico ancora montato (4) ad una profondità di 28 m.

Seguendo il lato sinistro del ponte c'è un secondo argano da carico (5) e una coppia di bitte al bordo del ponte.

Una carrucola incatenata al ponte dell'Hathor
Puleggia incatenata al ponte del Hathor

Qui il nostro percorso lascia il Hathor e scende lateralmente sul fondo del mare a 35 m, dove la sezione di coda del PlymptonL'albero dell'elica emerge da sotto il Hathorlo scafo (6). Questo albero conduce ad una breve sezione della chiglia, seguita dal ritaglio dell'elica con il PlymptonL'elica di ferro è ancora al suo posto. A un paio di metri da questo, il Plymptonil suo timone giace piatto sulla sabbia (7). Ora torniamo verso il Hathor, la parte superiore dell'albero di prua e una coppia di torri (8) sporgono dal profilo generale dello scafo.

Lo scafo del Hathor ora è quasi pianeggiante fino al fondale pianeggiante fino alla prua, che è caduta a sinistra. La fessura in cui l'arco si è ribaltato consente un facile accesso all'interno e rivela alcuni anemoni colorati.
Il verricello dell'ancora (9) è caduto dal ponte, capovolto sotto la piastra di montaggio, con tubi d'acciaio che avrebbero guidato la catena che stava sopra di esso.

La punta della prua è a 48m, con uno dei Hathorci sono le ancore appoggiate su un lato (10). Sopra l'ancora, la catena esce dal tubo della cubia sulla faccia superiore di dritta della prua.

Dopo aver seguito principalmente il lato sinistro del relitto, la nostra rotta è sbilanciata verso tribordo per tornare in acque meno profonde. L'albero che abbiamo superato prima giace sul relitto, seguito da un argano da carico (11).

Quando la profondità diminuisce, guardando oltre il lato di dritta del Hathor rivelerà lo scafo rovesciato, schiacciato e rotto del Plympton (12), dove è caduto lungo l'altra faccia della roccia. Da qui l'immersione potrebbe proseguire verso prua (13), ma essendo stato in profondità a prua del Hathor, un percorso meno profondo e più interessante è proseguire su questo relitto verso poppa.

Come lo scafo rotto del Hathor risale la parete della roccia, un'altra caldaia è orientata verso il basso lungo il relitto (14) per un totale di quattro. IL Hathor è elencato come avente due, quindi perché quattro?

Le caldaie extra potrebbero provenire da Plympton, che ne aveva anche due? È un'idea divertente, ma non è possibile che siano finiti sul Hathorlo scafo. Sono schiacciati e rotti sotto.

È rimasto coinvolto un terzo relitto non identificato? A parte le caldaie, non ci sono segni di rottami che non possano essere facilmente inseriti come parte del Plympton or Hathor.

La caldaia (14) ha un aspetto leggermente diverso dalle due dietro, anche se ciò potrebbe essere dovuto al fatto che hanno rotolato diversamente. Più probabile, penso, è che il Hathor aveva una coppia di caldaie a doppio attacco, ciascuna costruita come due "quasi caldaie", una dietro l'altra.

A 7060 tonnellate, Hathor era abbastanza grande da utilizzare così tanto vapore. Quando il relitto si è rotto, le caldaie a doppia estremità si sono staccate e ora sembrano quattro caldaie più piccole.

Ora, dietro le caldaie, il nostro percorso incrocia il nostro punto di partenza, dove l'albero dell'elica è rotto. Il pozzo riconduce lungo il fianco della roccia in un tratto intatto di galleria (15).

Dalla fine di questo, il Hathorè l'elica di riserva (16) si trova in fondo al canalone a 24m. A questo punto i rottami generali si rompono, anche se l'albero di trasmissione conduce più indietro prima di terminare sopra una cresta di roccia a 16 m. (17).

Bitte-dentro-la-prua-Hathors
Bitte-dentro-la-prua-Hathors

Questo dà la direzione generale per continuare verso poppa, scendendo nuovamente a 22 metri fino a un mucchio di catena (18), poi una piccola torre di trivellazione e un tratto curvo della ringhiera di poppa (19). Sospetto che come Hathor affondò e si fermò parzialmente su questa cresta. Quando la poppa si separò dal resto del relitto, l'albero di trasmissione fu estratto per rimanere con la parte anteriore del relitto.

La ringhiera continua attorno alla poppa oltre il motore dello sterzo (20), sollevato quando la poppa si è appoggiata sull'albero del timone, quindi termina con le parti rotte di un argano (21), dimostrando che la poppa aveva girato leggermente, rispetto alla direzione generale della nave mentre si stabilizzava.

Se non ci sono onde, una possibilità per salire è tornare al punto di partenza e risalire le rocce.

Tuttavia, anche nelle giornate più calme è probabile che si verifichi una discreta ondata, quindi decompressioni più lunghe saranno più sicure e più confortevoli su una SMB ritardata.

Il che ci porta alla fine del nostro primo secolo di Tour dei relitti. Nessuno sa quanti naufragi ci siano nel Regno Unito. Gli esperti generalmente concordano sul fatto che ce ne siano più di 100,000.

Ciò lascia il 99.9% da perdere e mi mantiene in un lavoro per i prossimi 8332 anni.

Grazie a Richard Ross e Tim Walsh.

DOPPIO SBARCO

PLYMPTON, piroscafo da carico, COSTRUITO 1893, affondato 1909

HATHOR, piroscafo da carico, COSTRUITO 1912, affondato 1920

Non capita spesso di poter esplorare due relitti che sono davvero uno sopra l'altro.

Ma l' Plympton e la Hathor sulle Lethegus Rocks al largo di St Agnes nelle Isole Scilly forniscono esattamente quel tipo di autobus a due piani, scrive Kendall McDonald.

Il primo ad affondare fu il piroscafo da 2869 tonnellate Plympton, costruito da Furness Withy a West Hartlepool. La nave monoelica era alimentata da motori a tre cilindri a tripla espansione con due caldaie che le davano 256 CV. Era lunga 314 piedi con una larghezza di 40 piedi.

Era capitanata da Alexander Stewart con un equipaggio di 24 persone e un passeggero quando fece scalo a Falmouth da Rosario, in Argentina. Lì ricevette l'ordine di imbarcare il suo carico di 4100 tonnellate di mais borse a Dublino e scaricarlo lì.

A mezzanotte del 13 agosto 1909 si imbatté in una fitta nebbia che durò per tutto il giorno successivo. Stewart sapeva di essere nei guai.

Il piombo veniva utilizzato a brevi intervalli e la sirena suonava quasi ininterrottamente. Dalle 4 del mattino del 14 agosto, il Capitano Stewart ha istituito una guardia d'ascolto, con tutte le mani sul ponte nel tentativo di sentire la sirena da nebbia di Bishop Rock. Non l'avevano ancora sentito quando il Plympton corse fino a Lethegus Reef, si riempì d'acqua e fu abbandonato. L'equipaggio e i passeggeri sono atterrati sani e salvi a St Agnes.

Una volta che gli isolani furono soddisfatti che tutti fossero al sicuro, iniziarono l'antica pratica Scilly di spogliare il relitto, che trovarono incagliato vicino alla prua. Tuttavia, mentre lavoravano il Plympton si alzò con la marea e, senza preavviso, si capovolse e affondò. Due uomini che erano di sotto furono annegati.

Undici anni dopo, il 2 dicembre 1920, una nave più grande affondò in cima alla Plympton. Il tedesco da 7060 tonnellate Hathor Era lungo 465 piedi e largo 60 piedi, costruito nel 1912 con motori a tripla espansione da 482 CV e due caldaie. Fu internata in Cile durante la Prima Guerra Mondiale, quando il suo motore principale fu trascurato e considerato molto sospetto.

Nonostante ciò, dopo l'armistizio salpò per Portland con un carico pieno di nitrato di soda e panelli di olio, ma il suo motore si ruppe al largo delle Azzorre.

Fu presa al seguito da due rimorchiatori, che la persero due volte quando le gomene si aprirono, e alla fine divenne ingestibile al largo delle Isole Scilly il 1 ° dicembre 1920. Il rimorchio fu sfilato al largo di St Agnes. Hathor si arenò e alla fine affondò per mescolarsi al relitto della Plympton.

GUIDA TURISTICA

Mappa del relitto di Hathor-Plympton
Mappa del relitto di Hathor-Plympton

ARRIVARCI: I Scilloniano salpa tutti i giorni da Penzance, 01736 334220. In alternativa vola da Land's End con Skybus, 08457 105555, o in elicottero da Penzance, 01736 363871. Per un gruppo con kit per immersioni, è possibile prenotare un container per il trasporto Scilloniano.

MAREE: La corrente non è mai abbastanza forte da impedire le immersioni, anche se in alcuni punti si incanala tra le rocce, essendo più forte appena prima dell'acqua alta di St Mary.

COME TROVARLO: I Plympton ed Hathor si trovano contro Lethegus Rocks a sud dell'isola di St Agnes. Le coordinate GPS del pinnacolo più meridionale delle rocce sono 49 52.85 N, 6 20.85 W (gradi, minuti e decimali). Questo sale ad una profondità di 1.2 me il punto di partenza per la nostra immersione sul Hathor è a sud-est di questo, mentre la roccia cade dentro

IMMERSIONI, ALLOGGIO E ARIA: Servizi subacquei di St Martin, 01720/423420/ 422848.

QUALIFICHE: La variazione di profondità rende questi relitti adatti ai subacquei che desiderano acquisire la propria esperienza di profondità senza impegnarsi in un'immersione con profilo rettangolare.

LANCIO: La strada è lunga rispetto allo scalo di Penzance, ma il viaggio è fattibile per un grande gommone in buone condizioni di mare, soprattutto se i subacquei prendono il traghetto.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 34, Isole Scilly. Strada di Santa Maria. Mappa 101 di Ordnance Survey Explorer, Isole Scilly. Immergiti nelle Isole Scilly e nella Cornovaglia settentrionale, di Richard Larn e David McBride. Naufragi intorno alle isole Scilly, Gibson di Scilly. Informazioni turistiche sulle Isole Scilly.

PRO: Due bei relitti che offrono immersioni che coprono la consueta diffusione dell'esperienza del club di immersione.

CONS: Esposto a Sud-Ovest.

PROFONDITÀ: 20-35 – 35-45 metri

Grado di difficoltà

Apparso su DIVER giugno 2007

Versione PDF del Wreck Tour 100 Hathor e Plympton

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x