Perché le barche per le immersioni dovrebbero trasportare aceto

archivio – Diving NewsPerché le barche per le immersioni dovrebbero trasportare aceto

Le punture di medusa sono uno dei problemi più comuni sperimentati dai subacquei, ma il miglior trattamento per loro è sempre stato oggetto di accesi dibattiti. Ora uno studio scientifico ha suggerito non solo che il risciacquo con aceto seguito dall’applicazione di calore è l’approccio più efficace, ma che altri trattamenti possono peggiorare la situazione.

Lo studio si è concentrato sui rimedi per le dolorose punture dell’uomo portoghese (Physalia physalis, in senso stretto un sifonoforo piuttosto che una medusa) e della sua controparte del Pacifico, il moscone (Physalia untriculus). Finora si raccomandava di non utilizzare l'aceto per curare le punture di Physalia.

Lo studio è stato stimolato dall’afflusso di navi da guerra portoghesi dello scorso anno lungo la costa atlantica della Francia. Come altri cnidari (meduse, coralli, anemoni e idre), i loro tentacoli portano minuscole capsule chiamate cnidi che possono scaricare il veleno nella vittima.

Quando i tentacoli toccano una vittima, solo una piccola parte degli cnidi viene scaricata immediatamente, ma se non vengono rimossi possono continuare a sparare il loro veleno per due settimane o più.

La ricerca prevedeva di testare una varietà di soluzioni di risciacquo per vedere se causavano la fuoriuscita del veleno dagli cnidi. Quelli che non hanno causato una scarica immediata e significativa sono stati ulteriormente studiati per vedere se potevano effettivamente inibire tale scarica.

Undiluted vinegar, the main constituent of which is acetic acid, was shown to prevent further discharge and to allow safe removal of tentacles and cnidae. Any dilution reduced these protective effects. If the affected area was afterwards immersed in 45 degree C water, or a heatpack applied, fewer of the red-blood cells used in the tests were killed by the venom.

I trattamenti inefficaci includevano la raschiatura dei tentacoli, perché l'aumento della pressione provocava la fuoriuscita degli cnidi. Il risciacquo con acqua di mare ha semplicemente diffuso gli cnidi su un'area più ampia e gli impacchi di ghiaccio ne hanno reso più probabile lo scarico.

I trattamenti comunemente raccomandati, tra cui urina, alcol, bicarbonato di sodio, schiuma da barba, sapone, succo di limone, alcol e cola, causavano tutti quantità variabili di secrezioni immediate e non riuscivano a inibire ulteriori secrezioni, quindi probabilmente peggioravano le punture. 

Lo studio è frutto della collaborazione tra due scienziati dell'Università delle Hawaii a Manoa, che ha svolto precedenti ricerche sulle meduse, e due dell'Università Nazionale d'Irlanda a Galway. Hanno in programma di continuare la loro ricerca utilizzando la medusa criniera di leone.

Il loro articolo è pubblicato da MDPI qui

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

11-mag-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x