Cosa sta succedendo al mio udito?

archive – Medical/HealthWhat’s happening to my hearing?

La perdita improvvisa dell'udito non riguarda solo i subacquei, ma i cambiamenti di pressione possono talvolta causare problemi all'orecchio a lungo termine, afferma CAREN LIEBSCHER, che ha un caso clinico campione

GABRIEL, UN ESPERTO Spanish diving istruttore in his 40s, had travelled to Italy with friends by car. He was enjoying his first dive of the day using a closed-circuit rebreather. He was on trimix (oxygen, helium and nitrogen) and wearing a Petrel dive-computer.
By the end of his dive, he had clocked up a total bottom time of 95 minutes at a depth of 40m (with 45m as the maximum depth). His dive was uneventful, but during his ascent he felt a muffled sensation in his right ear, an effect that didn’t disappear right away.
Non era la prima volta che sperimentava qualcosa di simile, quindi non se ne preoccupava troppo.
Immaginò che la sensazione si sarebbe attenuata nelle ore successive, come sempre. Trascorsero comunque 30 ore senza alcun miglioramento. Sfortunatamente, Gabriel si sentì peggio.

TRATTAMENTO
Due giorni dopo, Gabriel si è reso conto che non riusciva a sentire nulla dal suo orecchio destro dopo aver provato a usare il cellulare.
Adesso cominciava a preoccuparsi e avvertiva anche qualche vertigine posturale.
Gabriel si sentiva infelice e voleva tornare a casa. Ha deciso di tornare in Spagna il giorno successivo e di farsi curare lì.
Back in Spain, Gabriel went along to the ER of a hospital, where the doctors diagnosed an ear barotrauma and recommend ibuprofen. Being an experienced diver and istruttore, Gabriel tried to explain that he didn’t believe it was any “common” ear barotrauma that was causing the problems.
Sfortunatamente, i medici gli consigliarono semplicemente di tornare il giorno successivo per un controllo più dettagliato dell'orecchio, del naso e della gola (ORL). Era già sera tardi, quindi cos'altro poteva fare? È tornato a casa.
La mattina dopo, Gabriel ha deciso di chiedere una seconda opinione a medici specializzati in malattie legate alle immersioni e cure iperbariche in un altro ospedale. Non fu affatto sorpreso di ricevere una nuova diagnosi: sordità improvvisa.
Il medico spiegò che la sordità improvvisa in un subacqueo non era la conseguenza di una malattia da decompressione ma il risultato di un problema al nervo neurosensoriale stato-acustico.
Non è necessariamente una condizione correlata all’immersione. Chiunque, anche i non subacquei, può soffrirne, ma a causa degli sbalzi di pressione può capitare anche ai subacquei.
Il medico iperbarico ha prescritto 20 sedute di ossigenoterapia iperbarica (HBOT). Ha spiegato inoltre che la sordità improvvisa non può essere trattata con i classici trattamenti ORL ma che talvolta l'HBOT produce miglioramenti o addirittura un completo recupero.
Il miglioramento non si verifica mai dopo una singola sessione di HBOT, ha detto, ma sono stati registrati buoni risultati con trattamenti di tre settimane. A volte si verificava un improvviso recupero dell'udito verso la metà o la fine del periodo di trattamento. Gabriel è stato avviato sull'HBOT.
 
SORDITÀ IMPROVVISA
Nella "perdita uditiva neurosensoriale improvvisa" (sordità improvvisa) il nervo neurosensoriale stato-acustico è interessato per qualche motivo inspiegabile e causa una rapida perdita dell'udito, di solito in un orecchio, contemporaneamente o nell'arco di diversi giorni.
Se ciò si verifica, è fondamentale che i pazienti consultino immediatamente un medico. Ritardare la diagnosi e il trattamento può ridurre l’efficacia di qualsiasi trattamento.
Le persone spesso notano la perdita dell'udito quando cercano di usare l'orecchio sordo, ad esempio usando il telefono. I sintomi possono essere vertigini e/o ronzii nelle orecchie (tinnito).
In genere ne sono colpiti gli adulti tra i 40 e i 50 anni. Circa la metà di loro recupera l'udito spontaneamente, di solito entro una o due settimane. L’XNUMX% dei pazienti che ricevono il trattamento recuperano almeno una parte dell’udito.
In about 15% of the cases the cause can be identified as an infectious disease, head injury or brain trauma, an auto-immune disease, drugs that harm the sensory cells in the inner ear, blood circulation problems, a tumor on the nerve that connects the ear to the brain, neurologic disorders like multiple sclerosis, or disorders of the inner ear.
The condition means complete and permanent hearing loss and therefore impairment for most activities. It’s a rare problem but it has been known in the diving field for many years as being triggered by pressure changes.

HBOT
L'ossigenoterapia iperbarica è un approccio, ma un altro trattamento comune tra i non subacquei è con i corticosteroidi. Questi riducono l’infiammazione e il gonfiore e aiutano il corpo a combattere le malattie.
Gli steroidi possono essere assunti per via orale o iniettati direttamente dietro il timpano nell'orecchio medio (terapia corticosteroidea intratimpanica). Potrebbe essere necessario un trattamento aggiuntivo se viene scoperta una causa sottostante effettiva.
Infezioni, allergie ai farmaci o disturbi autoimmuni possono far sì che il sistema immunitario attacchi l’orecchio interno. Gli antibiotici, la soppressione del sistema immunitario o altri trattamenti farmacologici possono essere d’aiuto.

METODO DI DIAGNOSI
Un test dell'udito chiamato audiometria tonale pura è il metodo di scelta.
Ciò aiuta a determinare se la perdita dell'udito è causata dal suono che non raggiunge l'orecchio interno perché qualcosa ostruisce il passaggio, o da un deficit neurosensoriale, ovvero che l'orecchio non può elaborare il suono.
La diagnosi è positiva se il test evidenzia una perdita di almeno 30 decibel in tre frequenze collegate.
Sfortunatamente, abbiamo sentito da Gabriel che, nonostante il trattamento HBOT, il suo udito non era ancora tornato. Gli auguriamo il meglio e speriamo che il suo udito alla fine si riprenda.

CHIEDI agli ESPERTI di DAN

Capisco che la sensazione di stanchezza dopo un'immersione possa essere un sintomo di malattia da decompressione, ma mi sento quasi sempre stanco dopo l'immersione. Dovrei preoccuparmi?

The expectation of normal (non-pathological) tiredness following diving varies from person to person. Factors such as individual fitness, thermal stress, gear constriction, diving skill, work done on the dive, psychological stress (positive or negative) and distraction can all affect how tired one feels.
Queste variabili rendono difficile quantificare la stanchezza come sintomo di MDD, ma l’affaticamento insolito è stato a lungo documentato in associazione con altri sintomi di MDD.
Il meccanismo alla base della fatica come sintomo della MDD rimane sfuggente, ma è possibile che si tratti di una risposta a una cascata di eventi fisiologici che si verificano in vari tessuti. Potrebbe avvenire attraverso la stimolazione diretta dei tessuti nervosi o indirettamente attraverso la stimolazione di altri tessuti.
È possibile che l’attenzione attualmente rivolta all’identificazione dei marcatori biochimici DCI aiuterà a risolvere le domande. Nel frattempo, è giusto dire che la DCI rappresenta una risposta complessa e multifocale a una lesione da decompressione.
L'affaticamento insolito o “indebito” (affaticamento superiore al normale per un dato individuo/esposizione subacquea) è un sintomo riconosciuto.

VISTA MEDICA
DAN Europe è un'organizzazione mondiale senza scopo di lucro che fornisce consulenza medica di emergenza e assistenza per infortuni subacquei. Promuove inoltre la sicurezza subacquea attraverso la ricerca, l'educazione, prodotti e servizi

Apparso su DIVER giugno 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x