Che tipo di subacqueo sei: uno che ama il rischio?

Sei un amante del rischio?
Sei un amante del rischio?

L'esperto educatore subacqueo MARTIN SAMPSON considera la natura del rischio e spiega perché è così popolare computer da immersione guadagnato una reputazione ingiustificata. Fotografie di MARK EVANS

Le persone corrono dei rischi quando fanno immersioni subacquee. È un'affermazione radicale, te lo concedo, e immagino che molti di voi stiano pensando: "Non lo so, sono un subacqueo sicuro". In sostanza, tuttavia, ci affidiamo a una tecnologia intelligente e ci immergiamo deliberatamente in un fluido spesso freddo che non possiamo respirare. 

Un numero considerevole di proprietari terrieri là fuori ci guarda con un misto di timore reverenziale e invidia, per non parlare della completa derisione perché pensano che siamo matti come una scatola di gamberi.

Il resto di noi, con gli stivali e la tuta in neoprene, pensa di essere normale. Naturalmente esiste il rischio di danni e lesioni, ma tutti noi intendiamo immergerci in sicurezza, no? È solo che a volte, nel sito di immersione, questo non accade.

Che tipo di sub sei?
Partenza per un'immersione sicura

Il mio primo viaggio 

In partenza per una spedizione subacquea
Immersioni in barca

Nel 1986 mi sono tuffato con attrezzatura subacquea che includeva una delle prime decompressioni computer. Si chiamava Edge. A quel tempo erano solo tre computer sul mercato. L'Edge e il Decobrain costavano entrambi circa £ 600 all'epoca, e il terzo era il Dive Dynamics Aladin, che costava circa £ 250.

'Se hai avuto una malattia da decompressione durante l'utilizzo di a computer da immersione, era molto più probabile che fosse con un Aladin al polso’

Un malinteso popolare su computer subacquei a quel tempo era che permettevano di effettuare qualsiasi tipo di profilo di immersione, compresi i profili “a dente di sega” che prevedevano più risalite e discese. 

Dopo che alcuni casi di malattia da decompressione dimostrarono che l'idea era sbagliata, la frase popolare "ee era piegato su un Aladin!" è stato coniato.

Fare il tuffo nell'oceano
Fare il grande passo

I sospetti caddero sull'affidabilità del marchio, ma vendeva più delle altre due unità perché costava più di £ 300 in meno. Perché ce n'erano così tanti in giro, se avessi avuto una malattia da decompressione mentre usavi un computer da immersione, era molto più probabile che fosse con un Aladin al polso – per questo motivo.

Ci è voluto un po' più di tempo per il immersione comunità ad apprezzare che migliaia di immersioni venivano condotte con maggiori livelli di sicurezza semplicemente perché, per la prima volta, disponevamo di un modo affidabile per monitorare la nostra velocità di risalita.

Strofinando la mia attrezzatura 

Andiamo avanti di 30 anni fino al 2016. Alcuni degli incidenti mortali accaduti quell'anno utilizzando i rebreather riguardavano alcuni errori piuttosto elementari, come non aver sostituito in tempo utile un contenitore di lavaggio o omesso di seguire una lista di controllo pre-immersione e poi scoprire un grave colpa – nel peggiore dei modi possibili.

L'uso dei rebreather è un aspetto rapidamente emergente immersione, ma i rischi potenziali inerenti all'uso dei rebreather stessi, come la tossicità dell'anidride carbonica, non sono specifici per nessun tipo di unità, non più di quanto DCI sia mai stata collegata a qualsiasi marca di computer subacqueo.

Negli ultimi 30 anni e passa, la qualità del design, dell'ingegneria, dei materiali e dell'ergonomia immersioni subacquee le attrezzature sono tutte migliorate. Ma non importa quale kit scegli, è probabile che abbia una limitazione di qualche tipo.

Potrebbe essere uno di design, forse un peso leggero regolatore progettato pensando ai viaggi in acque calde piuttosto che all'Oceano Artico. È qui che entrano in gioco la formazione e l’informazione. Un'istruzione di buona qualità ti aiuta a prendere consapevolezza non solo dei limiti della tua attrezzatura, ma anche dei tuoi.

Non importa quanto sia buona la formazione fornita da a immersione istruttore, la tua capacità di trattenerla diminuisce drasticamente senza una pratica continua. Allora sei quel tipo di sub che pensa: “Sono mesi che non vado sott'acqua, prenoterò un corso di aggiornamento!”

La mia lista di cose da fare

Negli ultimi trent’anni anche la pressione del tempo è cambiata, anche se non in meglio. Tendiamo a condurre vite più impegnate, rese ancora più immediate dalle comunicazioni 30 ore su 24, 7 giorni su XNUMX e dai social network.

Esplorazione del relitto
Esplorare un relitto

Molti subacquei superano lo stress quotidiano dal lunedì al venerdì promettendosi un fine settimana di immersioni. Un venerdì sera tardi alimentato da grandi aspettative (tra le altre cose) è seguito da una partenza anticipata sabato e da un viaggio di 200 miglia fino alla costa. I possibili risultati sono vari, ma potrebbero includere:

  • Prendi una multa per eccesso di velocità mentre andavi al sito di immersione perché hai dormito troppo.
  • Non immergerti affatto, perché hai lasciato il tuo regolatore appeso nel capannone.
  • Non essere in grado di ottenere il giusto controllo dell’assetto perché non puoi rilassarti.
  • Passare tutta la responsabilità della navigazione e della pianificazione al tuo amico o immersione istruttore perché sei troppo stanco per pensarci.
  • Hai un problema con un pezzo del kit perché ti sei dimenticato di controllarlo.
  • Immergersi con quel kit difettoso perché: “Ehi, è tutta la settimana che aspetto con ansia questa immersione!”
  • Avere freddo, disidratazione o semplicemente troppo stanco per fare una seconda immersione.
  • Completare un'immersione scomoda senza incidenti gravi e accettare di essere sopravvissuto, quindi devi esserti divertito, perché lo hanno fatto tutti gli altri.
  • Rendendosi conto che in realtà, proprio oggi, non ti senti all'altezza, quindi non ti immergerai.

Quest’ultimo risultato avrebbe potuto essere migliorato solo rendendosi conto il venerdì sera che ciò di cui avevi più bisogno erano 12 ore di sonno e una dormita il sabato mattina. Forse un giorno di immersioni rilassanti la domenica sarebbe stato meglio che cercare di stipare due giorni di immersioni.

Controllando la barriera corallina
Controllando la barriera corallina

I miei pensieri d'addio

Le immersioni e altri sport d'avventura sono popolari perché quando sono adeguatamente pianificati e condotti devi concentrarti per raggiungere i tuoi obiettivi. Mentre ti concentri su questi obiettivi ti liberi dallo stress dal lunedì al venerdì. Dalla scuola di psicologia degli adesivi per auto: “Lascia tutto sopra di te – vai”. immersioni in subacquea."

Ad un certo punto del tuo addestramento quasi sicuramente ti è stato detto di interrompere un'immersione se non sei soddisfatto. Sarebbe ancora meglio sviluppare la consapevolezza di sé e il coraggio di poter dire al tuo amico: "Mi dispiace, semplicemente non sono pronto per questo oggi". Se il tuo amico non riesce a gestirlo, trovane uno diverso.  

Stiamo entrando in un'era entusiasmante con i moderni rebreather dotati di sistemi di sicurezza molto intelligenti integrati. Tutto ciò di cui hanno bisogno per funzionare è un utente rilassato, attivo e concentrato. Potresti essere tu! Rimani al sicuro.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x