Un subacqueo non qualificato è rimasto senza aria durante una risalita poco profonda

archivio – Diving News Un subacqueo non qualificato è rimasto senza aria durante una risalita poco profonda

Un coroner neozelandese ha pronunciato un verdetto di annegamento per un uomo che non era qualificato come subacqueo ma utilizzava attrezzatura a circuito aperto per immergersi a Lyall Bay, Wellington nel dicembre 2015, ma ha suggerito che la morte avrebbe potuto essere evitata.

Il coroner Tim Scott ha detto che se i due amici di Willie Collins non si fossero separati da lui, il 39enne allenatore di boxe e fitness potrebbe essere ancora vivo, secondo un rapporto del NZ Herald.

Gli amici di Collins, Wade Summers e Apakuki Soro, erano entrambi subacquei esperti. Soro ha detto che aveva creduto che Collins fosse capace dell'immersione dalla riva perché era un apneista e aveva già raggiunto la profondità massima prevista di 9 metri.

Non è chiaro se sia stato effettuato un controllo di coppia, ma secondo Soro tutti e tre i subacquei trasportavano bombole singole riempite d'aria a 200 bar. Il loro piano era quello di nuotare in superficie per 200 metri dalla riva fino a un sito chiamato Sharktooth Point e immergersi fino a 9 metri per raccogliere gamberi e ricci di mare. Al raggiungimento dei 50 bar ogni uomo doveva risalire e nuotare fino a riva con la sua preda.

Summers si separò dagli altri dopo aver completato l'immersione e tornò a riva da solo. Quando Soro controllò il suo manometro dopo circa 20 minuti, mentre si trovava a una profondità di 6 metri, trovò circa 150 bar rimasti, ma vedendo che Collins era già sceso a 50 bar gli fece segno di risalire e di tornare a riva, indicando la direzione sul suo bussola.

Ha riferito che Collins gli aveva dato il segnale del pollice in su, cosa che ha interpretato significasse che aveva capito. Lo osservò nuotare allontanandosi verso la riva, risalendo man mano che procedeva e, sentendosi al sicuro, continuò l'immersione.

Quando Soro raggiunse Summers a terra, si resero conto che Collins non era emerso. Un altro amico ha allertato la Guardia Costiera mentre i due subacquei tornavano a Sharktooth Point, dove Soro ha trovato Collins sul fondo del mare a una profondità di 4-5 metri. I subacquei gli hanno tolto la cintura, lo hanno portato in superficie e lo hanno rimorchiato a riva dove è stata somministrata la RCP, ma era troppo tardi.

Secondo un rapporto dell'agente senior Paul Ferguson della Police National Dive Squad, Collins sembrava aver utilizzato tutta l'aria prima di raggiungere la superficie e, non essendo addestrato, non era riuscito a controllare il suo indicatore del contenuto o ad abbandonare la cintura dei pesi e il dispositivo di cattura.Bags.

Il rapporto affermava che il rapido consumo d'aria di Collins poteva essere attribuito alla mancanza di esperienza, ma che l'affaticamento dopo il nuoto in superficie e un'arteria coronaria moderatamente ristretta riscontrata post mortem avrebbero potuto essere fattori contributivi.

"I subacquei non avrebbero dovuto separarsi e Willie, che era il meno esperto, non avrebbe dovuto essere lasciato a se stesso per raggiungere la riva", si legge nel rapporto. Se almeno due dei sommozzatori fossero rimasti insieme, Ferguson ha detto di ritenere "altamente probabile che la tragedia non sarebbe avvenuta".

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

27-feb-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x