“Troppo facile”: ritrovato in Florida un relitto spagnolo del XVI secolo

archivio – Diving News'Troppo facile': ritrovato in Florida un relitto spagnolo chiave del XVI secolo

Un terzo relitto di una flotta spagnola del XVI secolo collegata a una spedizione dal Messico verso quella che oggi è la città di Pensacola è stato ritrovato da sommozzatori archeologici dell'Università della Florida occidentale (UWF).

Il ritrovamento nella baia di Pensacola si trova vicino ai primi due relitti legati alla flotta, guidata dal conquistatore spagnolo Tristán de Luna y Arellano. Uno è stato trovato nel 1992 e il secondo dall'UWF 10 anni fa.

L'ultima scoperta, denominata Emanuel Point III, è stata fatta durante una gita quest'estate.

La base terrestre di Luna a Pensacola, il primo insediamento europeo pluriennale negli Stati Uniti, è stata scoperta dai ricercatori dell'UWF solo l'anno scorso, consentendo al team di sub di restringere l'area di ricerca dei relitti rimanenti.

"Abbiamo scelto un punto poco profondo con un fondale sabbioso per immergerci e dare agli studenti una pausa dopo che eravamo stati in un'altra parte della baia dove era più profondo e più buio", ha detto il dottor Greg Cook, investigatore principale del relitto. Il team di indagine aveva riscontrato un'anomalia ma non aveva grandi aspettative e “ha deciso di lasciare che gli studenti si divertissero a indagare”.

“Nel giro di due minuti, i subacquei si sono avvicinati e hanno detto di aver sentito le pietre con le loro sonde. Più tardi quel pomeriggio furono ritrovati i primi reperti. Quel giorno ho detto: ‘Sai, non dovrebbe essere così facile’”.

Oltre alle pietre di zavorra, il team ha trovato concrezioni di ferro, strutture e fasciame dello scafo della nave e resti di ceramica. Ora pianificano di effettuare scavi di prova per determinare l’estensione del relitto e il tipo di legno presente, poiché ciò indicherà se fu tra le prime navi ad essere costruite nel Nuovo Mondo.

"Poiché è stato trovato in acque meno profonde rispetto agli altri, potrebbe essere più piccolo, forse quella che chiamavano barca", ha detto il co-investigatore principale Dr John Bratten. “Questa scoperta è significativa per comprendere 16thcostruzione navale del secolo”.

La spedizione Luna del 1559 comprendeva 1500 soldati, coloni, schiavi e indiani aztechi che viaggiarono su 11 navi dal Messico per colonizzare la costa settentrionale del Golfo. Un uragano un mese dopo il loro arrivo affondò sei navi e devastò le scorte di cibo. Dopo due anni, le navi spagnole salvarono i resti della colonia e li riportarono in Messico.

"Finché abbiamo avuto solo due naufragi, ciò potrebbe significare che il resto della flotta era da qualche altra parte", ha detto il dottor John Worth, ricercatore principale dell'insediamento terrestre. “Ora sappiamo che abbiamo davvero la flotta”.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

28-Ott-16

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x