La popolazione oceanica "verminosa" del 2099

archive – Diving NewsThe ‘verminous’ ocean population of 2099

More grim news for divers of the future: ocean acidification will reduce fish diversity significantly, with small ‘weedy’ species – the equivalent of what are regarded as ‘vermin’ on land – dominating marine environments, according to the Environment Institute at South Australia’s University of Adelaide.

Gli scienziati hanno studiato l’impatto dei cambiamenti climatici sugli oceani per diversi decenni, ma la maggior parte degli esperimenti precedenti si erano concentrati su singole specie in laboratorio piuttosto che su interi ecosistemi in un ambiente naturale.

I ricercatori hanno trascorso tre anni studiando le interazioni tra le specie nelle bocche vulcaniche sottomarine della Nuova Zelanda, dove le concentrazioni di anidride carbonica corrispondono a quelle previste per gli oceani alla fine del 21° secolo. Li hanno poi confrontati con le interazioni delle specie negli ambienti marini adiacenti con gli attuali livelli di CO2.

Negli ambienti ad alto contenuto di CO2 prosperarono una o due specie di pesci più piccoli e comportamentalmente dominanti, mentre le specie meno aggressive e meno comuni scomparvero.

Il leader del progetto, il professor Ivan Nagelkerken, ha affermato che allo stesso tempo l’acidificazione sta trasformando gli ecosistemi da alghe a basse zolle erbose, rendendo più difficile il sostentamento dei predatori intermedi che tradizionalmente avevano contribuito a tenere sotto controllo le specie infestanti.

"Sulla terra ci riferiremmo a specie infestanti come scarafaggi, topi e formiche", ha detto.

"Sotto l'acqua si vede la stessa cosa: molte specie sono molto sensibili e attaccate a un tipo specifico di habitat, mentre altre specie sono molto adattabili in ciò che mangiano e in come usano il loro habitat."

Il professor Nagelkerten ha affermato che, sebbene il numero totale di pesci potrebbe aumentare con l’acidificazione degli oceani, la biodiversità locale andrebbe persa. Lo studio si era concentrato sui piccoli pesci al livello inferiore della rete alimentare, e ora vuole testare i risultati su specie di pesci più grandi da cui gli esseri umani dipendono per le proteine.

Gli effetti dell’acidificazione combinati con la pesca eccessiva di molte specie predatrici potrebbero avere un doppio impatto sulla biodiversità oceanica, ha affermato il professor Nagelkerten.

“If we take out the predatory fish that feed on these weedy species you get explosions, and the only way to keep those down is by reducing the overfishing of those important predatory species, and that’s a big problema, "Ha detto.

“Sentiamo tante storie su come stiamo svuotando gli oceani, ma ora stiamo mostrando un altro effetto: se si rimuovono quelle specie predatrici, il pericolo derivante dal cambiamento climatico è ancora maggiore.

“Quindi esiste un’interazione tra la pesca eccessiva e gli impatti dei cambiamenti climatici e questo è piuttosto nuovo – non è stato identificato in altri studi”.

Il rapporto “Le interazioni tra le specie determinano la perdita di biodiversità dei pesci in un mondo ad alto contenuto di CO2”. appena stato pubblicato in biologia attuale.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

17-lug-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x