La rivoluzione della subacquea tecnica – parte 1

Il dottor Bill Stone ispeziona l'habitat di Wakulla Springs a 18 m durante la seconda immersione di prova del Cis-Lunar MK 75 da 1 kg, noto anche come Failsafe Rebreather for Exploration Diving (FRED).
Il dottor Bill Stone ispeziona l'habitat di Wakulla Springs a 18 m durante la seconda immersione di prova del Cis-Lunar MK 75 da 1 kg, noto anche come Failsafe Rebreather for Exploration Diving (FRED).

SUBACQUEO TECNICO

I Consulenza Rivoluzione subacquea - parte 1

MICHAEL MENDUNO è l’uomo che ha coniato i termini “immersione tecnica” e “tekkie”. Nella prima di una serie in tre parti, il tuffatore statunitense ripercorre le origini e lo sviluppo di questa branca di tendenza di questo sport e ricorda alcuni dei momenti salienti del suo primo decennio.

Leggi anche: I subacquei tecnici di Guz fissano l'appuntamento invernale

Wings Stocks si prepara ad immergersi sul relitto dell'Andrea Doria.
Wings Stocks si prepara ad immergersi sul relitto dell'Andrea Doria.

Sebbene sia ancora considerato un pazzo da alcuni nei circoli militari e della subacquea commerciale, la subacquea tecnica, che ha appena compiuto 30 anni a seconda di come la si conta, non è più considerata la frangia radicale. Ha preso il posto che le spetta come avanguardia della subacquea sportiva.

Oggi, il nitrox è quasi onnipresente tra i subacquei sportivi e l’elio è il gas preferito per le immersioni profonde: le immersioni profonde in aria non sono più ritenute praticabili.

La tendenza oggi è che i subacquei limitino le immersioni con nitrox (compresa l'aria) a 30 metri e utilizzino una miscela di elio oltre quella profondità per compensare gli effetti della narcosi da azoto e della densità del gas.

In fact, some training agencies have even begun to adapt helium mixes for recreational divers. Mixed-gas dive-computer sono all'ordine del giorno, e anche i subacquei sportivi hanno ormai superato i militari diventando il più grande gruppo di utenti di rebreather a circuito chiuso su questo pianeta acquatico.

La situazione era molto diversa quando queste tecnologie erano appena state introdotte nella subacquea sportiva, in quella che allora chiamai la “rivoluzione della subacquea tecnica”.

A quel tempo, 40 metri erano considerati il ​​limite massimo di profondità per le immersioni subacquee. Le immersioni con decompressione erano rigorosamente vietate e l'unica miscela respiratoria riconosciuta era l'aria.

L’emergere della subacquea tecnica nel decennio che va dalla metà degli anni ’1980 alla metà degli anni ’1990 è stato senza dubbio uno dei capitoli più emozionanti e profondi della storia della subacquea.

“Ci sono posti in cui nessuno è stato dalla notte dei tempi. Non possiamo vedere cosa c'è.

Possiamo vedere cosa c'è sul lato oscuro della Luna o cosa c'è su Marte, ma non puoi vedere cosa c'è nel fondo di una grotta a meno che non ci vai.'

Sheck Exley, Exley su Mix, aquaCorps #4, gennaio 1992

Al tempo, Come fondatore ed editore di aquaCorps: The Journal for Technical Diving (1990-1996), ho descritto la transizione come una rivoluzione tecnologica simile alla rivoluzione dei PC nel mondo dell'informatica.

Copertine dell'influente rivista di immersioni tecniche aquaCorps di Michael Menduno del 1992 e 1993.
Copertine dell'influente rivista di immersioni tecniche aquaCorps di Michael Menduno del 1992 e 1993.

Come il PC, il gas misto o “mix” era chiaramente una tecnologia dirompente. In meno di un decennio, i subacquei sportivi e i loro colleghi della subacquea scientifica sono passati dall’immersione con aria – un unico gas per gestire tutte le esposizioni – all’immersione con gas misti.

In tal modo, abbiamo spinto collettivamente il nostro involucro di immersione autonomo da esposizioni “no-stop” a un massimo di 40 metri a immersioni con decompressione completa a profondità di 75-90 metri e oltre.

Nelle parole del pioniere delle immersioni tecnologiche, il capitano Billy Deans: "Abbiamo raddoppiato il nostro parco giochi sottomarino". Anche se all'epoca i subacquei tecnici stavano effettuando alcune immersioni sotto i 90 metri, molti di noi pensavano che fossero eccezionali e oltre la portata affidabile delle immersioni a circuito aperto.

C’era anche un enorme interesse per la tecnologia dei rebreather, che all’epoca era essenzialmente di competenza esclusiva dei subacquei militari. Ci vorrebbe quasi un altro decennio per sviluppare le infrastrutture necessarie (per il gas misto), la formazione e la base di produzione orientata al consumatore affinché i rebreather diventino uno strumento comune per l’esplorazione ed estendano ulteriormente la nostra portata.

In retrospettiva, era inevitabile che i subacquei sportivi passassero alla tecnologia a gas misto, sviluppata per la prima volta dalla Marina degli Stati Uniti negli anni ’1930 e successivamente adattata dagli appaltatori di immersioni commerciali negli anni ’60 per migliorare la sicurezza e le prestazioni dei subacquei.

Come le comunità militari e di subacquei commerciali prima di loro, gli esploratori dilettanti stavano spingendo i limiti fisiologici delle immersioni in aria e di conseguenza cercavano i mezzi per estendere tali limiti. Essendo subacquei autonomi, dovevano anche trovare un modo per estendere le scorte di gas mentre si avventuravano più in profondità e rimanevano più a lungo.

Tuttavia, a differenza delle comunità di subacquei militari e commerciali, che disponevano di tasche profonde, infrastrutture estese e operazioni di immersione strettamente controllate, la transizione delle comunità di subacquei sportivi al gas misto e ai rebreather è stata in gran parte un’impresa improvvisata.

Di conseguenza, la rivoluzione della subacquea “tecnologica” fu controversa e un numero sproporzionato di subacquei perse la vita nei primi anni mentre la comunità tecnologica cercava di elaborare standard operativi e procedure affidabili.

La storia delle immersioni è la storia della ricerca per andare più in profondità e rimanere più a lungo. Il gas misto è una delle tecnologie abilitanti per farlo.

La Marina degli Stati Uniti è stata la prima a sviluppare protocolli di immersione con gas misti, in particolare con elio, negli anni '1930 per poter salvare i marinai dai sottomarini abbattuti.

Negli anni '60 seguirono i subacquei commerciali, sviluppando i propri protocolli e metodi mentre le immersioni nei giacimenti petroliferi si spingevano oltre i limiti affidabili delle immersioni in aria.

All'epoca, le immersioni aeree commerciali erano limitate a circa un'ora o meno, fino a una profondità di 75 metri.

Blueprint for Survival 2.0 di aquaCorps, un aggiornamento del libro di Sheck Exley A Blueprint for Survival sull’analisi degli incidenti nelle immersioni in grotta, dell’ottobre 1995.
Blueprint for Survival 2.0 di aquaCorps, un aggiornamento del libro di Sheck Exley A Blueprint for Survival sull’analisi degli incidenti nelle immersioni in grotta, dell’ottobre 1995.

Al contrario, la motivazione dei subacquei tecnici è stata riassunta in termini semplici dal famoso speleo-subacqueo Sheck Exley nella sua citazione all’inizio di questo articolo. Penso che sia giusto dire che senza questa predisposizione genetica all’esplorazione, non discuteremmo affatto della storia della subacquea tecnologica, e forse nemmeno della subacquea sportiva; e non sono solo gli esploratori ad essere soggetti a questo impulso.

Propongo che i subacquei ricreativi siano attratti da questo stesso impulso quando scendono su una barriera corallina o in una foresta di alghe per la prima volta, o la decima volta, e così facendo sono in grado di toccare indirettamente la natura selvaggia che ci circonda.

Questa necessità di “andare dove nessuno è mai stato prima” è stata una forza trainante negli anni ’1980, un periodo di intensa esplorazione subacquea, in particolare nella comunità dei subacquei in grotta.

All'epoca non era raro che gli esploratori conducessero immersioni relativamente lunghe, tra i 60 ei 125 metri, in aria utilizzando l'ossigeno per la decompressione, a proprio rischio e pericolo.

Inutile dire che i dettagli di molte di queste immersioni furono tenuti segreti dalle persone coinvolte, per timore che gli innocenti venissero condotti al massacro. Anche nella comunità speleologica, dove queste immersioni erano più o meno accettate come necessarie per spostare la frontiera, non esistevano linee guida per le immersioni oltre i 40 metri.

Tra la metà e la fine degli anni 1980, piccoli gruppi di subacquei esperti guidati da pionieri come Dale Sweet, Jochen Hasenmayer, Sheck Exley, Bill Gavin, Parker Turner, Bill Main, Lamar English, Stuart Clough, Rob Palmer, Olivier Isler, Billy Deans e altri iniziarono a sperimentare miscele di elio per spingere ulteriormente i limiti delle immersioni autonome.

Sotto dall'alto: i primi protagonisti nello sviluppo della subacquea tecnica: il dottor Bill Hamilton (a destra) con Kathy Hamilton e Michael Menduno nel 1993; Kevin Gurr (a sinistra) presenta alla conferenza aquaCorps tek.93; Il fondatore di Carmellan Research Stuart Clough (a sinistra) e Rob Palmer si preparano a immergersi con il rebreather CR155 di Carmellan sull'isola di Andros alle Bahamas.
Sotto dall'alto: i primi protagonisti nello sviluppo della subacquea tecnica: il dottor Bill Hamilton (a destra) con Kathy Hamilton e Michael Menduno nel 1993; Kevin Gurr (a sinistra) presenta alla conferenza aquaCorps tek.93; Il fondatore di Carmellan Research Stuart Clough (a sinistra) e Rob Palmer si preparano a immergersi con il rebreather CR155 di Carmellan sull'isola di Andros alle Bahamas.

Il fisiologo subacqueo Dr RW "Bill" Hamilton e altri come l'anestesista John Crea, l'ingegnere britannico Kevin Gurr e il consulente subacqueo COMEX Jean Pierre Imbert li hanno aiutati fornendo tabelle di decompressione con miscele speciali.

Se andassi a cercare l’aiuto del dottor Bill per un’immersione mista, lui prima cercherebbe di dissuaderti e ti spiegherebbe tutti i rischi. Se non fosse riuscito a dissuaderti ed fosse convinto che non ti saresti ucciso, avrebbe accettato di aiutarti.

Sembra straordinario oggi che esploratori come Exley conducessero immersioni in grotte con gas misto fino a 189-274 m di profondità tra la metà e la fine degli anni '80, prima che la maggior parte della comunità dei subacquei sportivi potesse anche solo pronunciare il nitrox, per non parlare di apprezzarne l'uso. .

Il fatto che l’ambiente della grotta offrisse acqua confinata e ampie aree per la sosta dei cilindri (e la decompressione) lo rendeva un terreno di prova più accessibile per la tecnologia della miscelazione rispetto a acqua aperta.

Anche la comunità dei subacquei sui relitti era impegnata in esplorazioni approfondite e stava spingendo i limiti aerei con immersioni relativamente brevi di 15-25 minuti fino a 61-79 m. La maggior parte di queste immersioni sono state condotte in aria utilizzando tabelle della Marina americana o computer subacquei, e all'inizio pochi, se non nessuno, sommozzatori di relitti utilizzavano l'ossigeno per la decompressione.

Billy Deans, proprietario di un negozio di immersione a Key West in Florida, iniziò a sviluppare protocolli di miscelazione dopo aver perso il suo migliore amico durante un'immersione aerea sul relitto dell'Andrea Doria nel 1985.

Nello stesso anno, aiutò il capitano Steve Bielenda a installare un sistema di decompressione dell'ossigeno sulla barca di Bielenda, il camper Wahoo, con sede a Montauk, New York, che ha permesso ai subacquei di uscire dall'acqua più velocemente e con meno curve.

Ben presto tutti si decomprimevano con l'ossigeno. Deans creò il primo centro di addestramento per immersioni tecniche e addestrò molti subacquei su relitti del nord-est alle immersioni miste.

Probabilmente il bambino-poster Per le immersioni con miscele di gas c'era il Wakulla Springs Project, organizzato dallo speleologo e ingegnere Dr Bill Stone nell'autunno del 1987. Il progetto catturò l'immaginazione della comunità subacquea, o almeno di quelli che ne erano informati.

In due mesi e mezzo, Stone e i suoi colleghi sono riusciti a mappare circa 3.7 km di passaggi sotterranei a una profondità compresa tra 79 e 98 metri.

Jill Heinerth fa volare il Digital Cave Mapper di Bill Stone nel sistema di grotte di Wakulla Springs in Florida durante la spedizione di Stone Wakulla 2 del 1997.
Jill Heinerth fa volare il Digital Cave Mapper di Bill Stone nel sistema di grotte di Wakulla Springs in Florida durante la spedizione di Stone Wakulla 2 del 1997.

Hanno utilizzato una serie di nuove tecnologie e tecniche, tra cui eliox a circuito aperto con nitrox e ossigeno per la decompressione, bombole ad alta pressione, scooter di lunga durata e un habitat di decompressione sottomarino.

Rispetto alle immersioni sportive dell'epoca, Wakulla era l'equivalente di un lancio subacqueo sulla luna. Essendo la prima spedizione su larga scala nel suo genere, è ragionevole riconoscere il progetto Wakulla di Stone come il punto di partenza per l'emergere delle immersioni tecnologiche.

Sebbene le immersioni a Wakulla Springs fossero state effettuate utilizzando immersioni a circuito aperto, Stone si rese conto che alla fine sarebbero stati necessari i rebreather per superare i limiti della logistica del gas a circuito aperto per le immersioni in grotta profonde.

Di conseguenza, Stone e il suo team hanno costruito un prototipo da 75 kg, il rebreather completamente ridondante MK-1, soprannominato FRED (Failsafe Rebreather for Exploration Diving), che Stone ha provato in un'immersione di 24 ore. E Stone non era solo.

Stuart Clough, direttore della Carmellan Research, e l'esploratore britannico Rob Palmer, con l'aiuto dell'ingegnere Kevin Gurr, in seguito presidente della VR Technology, stavano utilizzando rebreather militari Mk-15 modificati insieme all'eliox a circuito aperto per esplorare i Blue Holes di Andros nel 1987. .

E in Europa, l'esploratore di grotte Olivier Isler ha collaborato con l'ingegnere Alain Ronjat per costruire il rebreather semichiuso RI 2000, che ha utilizzato per spingere il sifone La Doux de Coly nel 1989.

L'habitat di decompressione del progetto Wakulla, dove i subacquei hanno condotto la maggior parte della loro decompressione. I controlli di bordo consentivano a un massimo di sei subacquei di risalire da poco più di 20 metri fino alla superficie.
L'habitat di decompressione del progetto Wakulla, dove i subacquei hanno condotto la maggior parte della loro decompressione. I controlli di bordo consentivano a un massimo di sei subacquei di risalire da poco più di 20 metri fino alla superficie.
Il dottor Bill Stone ispeziona l'habitat di Wakulla Springs a 18 m durante la seconda immersione di prova del Cis-Lunar MK 75 da 1 kg, noto anche come Failsafe Rebreather for Exploration Diving (FRED).
Il dottor Bill Stone ispeziona l'habitat di Wakulla Springs a 18 m durante la seconda immersione di prova del Cis-Lunar MK 75 da 1 kg, noto anche come Failsafe Rebreather for Exploration Diving (FRED).
A sinistra: il primo rebreather ridondante dell'esploratore Olivier Isler a Ressel in Francia nel 1990. A destra: Michael Menduno con una muta stagna DUI CF200 al Key West Diver in Florida, 1991.
A sinistra: il primo rebreather ridondante dell'esploratore Olivier Isler a Ressel in Francia nel 1990. A destra: Michael Menduno con una muta stagna DUI CF200 al Key West Diver in Florida, 1991.

Allora, cos’è l’immersione tecnica?

Alla fine degli anni '1980 e all'inizio degli anni '90, l'immersione tecnica era distinta da quella ricreativa. All’epoca aquaCORPS offriva questa definizione:

“L’immersione tecnica è una disciplina che utilizza metodi, attrezzature, addestramento e competenze speciali per migliorare la sicurezza e le prestazioni subacquee, consentendo ai subacquei di esplorare un’ampia gamma di ambienti sottomarini e di svolgere attività che vanno oltre la gamma dell’immersione ricreativa.

"Ciò comporta tipicamente esposizioni a 'raggio d'azione esteso' al di fuori dell'ambito ricreativo (immersioni no-stop nell'intervallo 0-40 m) e viene solitamente condotta in un 'ambiente sopraelevato' di un relitto, grotta o soffitto di decompressione dove il subacqueo non può risalire liberamente in superficie."

Successivamente, Lamar Hires, fondatore e CEO di Dive Rite, ha offerto una definizione semplificata di immersione tecnica: “A technical dive is any dive where you have to switch regolatori, ie make a gas switch”.

Oggi la distinzione tra immersioni tecniche e ricreative è diventata più sfumata. Esiste un continuum di livelli di abilità dei subacquei, dai subacquei ricreativi appena certificati ai tekkies veterani, e un uso diffuso di quelle che una volta erano considerate tecnologie avanzate come le miscele respiratorie di nitrox ed elio, computer e rebreather.

Leggi le parti 2 e 3 qui:

I Consulenza Rivoluzione subacquea - parte 2

I Consulenza Rivoluzione subacquea - parte 3

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x