Risolto: il mistero di St Ives

Subacqueo del relitto del Regno Unito

Risolto: il mistero di St Ives

MARK MILBURN diventa nuovamente detective per affrontare l'enigma di un relitto nella baia di Falmouth che abbraccia due guerre mondiali

1218 st ives principale

‘Alla ricerca di un ago in un pagliaio’. Nel riquadro: St Ives.

LE DUE GUERRE MONDIALI vide un gran numero di navi britanniche non navali richiamate in servizio.

Molti pescherecci e pescherecci furono trasformati in dragamine, che pattugliavano i porti britannici.

La posa di mine ormeggiate da parte dei tedeschi fu incessante, così come la loro ricerca e distruzione. In un periodo di due settimane tra il 15 e il 31 dicembre 1916 nella zona di Falmouth ne furono distrutti 89.

Il peschereccio da traino St Ives H145 da 11 tonnellate fu requisito il 3 marzo 1915, convertito in pattugliatore ausiliario ed entrò in servizio navale a maggio, designato 1192.

L'HM Trawler St Ives contribuì al salvataggio della SS Keltier l'11 e il 12 dicembre 1916. L'equipaggio avrebbe ricevuto una parte del premio per il salvataggio, una volta che la questione fosse stata risolta con gli assicuratori.

Poi colpì una mina posta dall'UC17 da qualche parte nella baia di Falmouth, con la perdita dell'ufficiale in comando e di 10 marinai.

Nel corso degli anni, i subacquei hanno cercato i St Ives. Ci è voluto del tempo per trovare la notifica del Commodoro di Falmouth all'Ammiragliato nell'archivio nazionale. Diceva: "Mi rammarico di segnalare il peschereccio 1192 St Ives fatto saltare in aria da una mina a due miglia a ovest di St Anthony Falmouth".

St Anthony Point, con il suo faro, si trova sul lato orientale dell'ingresso al porto di Falmouth ed è spesso utilizzato come punto di riferimento. L'area due miglia a ovest-ovest è costituita da sabbia grossolana ed è stata dragata per le capesante per molti anni, quindi eventuali resti sarebbero stati conosciuti come terreno disgustoso o dove le cose erano state trascinate a strascico.

Alla fine, dopo molte immersioni in quella zona, ho trovato 12 blocchi di ghisa. Circa 30 cm su ciascun lato e 10 cm di spessore sembravano troppo grandi per la zavorra, che deve essere mobile, ma troppo pochi per il carico. Cosa potrebbero essere?

Alla fine qualcuno che conosceva i vecchi pescherecci a vapore fornì una risposta plausibile. Quando un peschereccio aveva un motore a vapore e una caldaia montati verso poppa, il peso faceva sollevare la prua.

Una nave delle dimensioni della St Ives avrebbe bisogno di circa 12 tonnellate per compensare questo, il peso approssimativo dei blocchi.

Poi un ex subacqueo locale mi ha raccontato la storia di un altro relitto avvenuto nella zona, una petroliera chiamata Caroni Rivers.

Costruita nel 1928 e con un peso di 7807 tonnellate, aveva lasciato il porto di Falmouth per le prove in mare il 20 gennaio 1940, dopo i lavori di riparazione. Dirigendosi verso la baia di Falmouth appena spazzata dalle mine, colpì una mina posata dall'U-34.

Tutte le 55 persone a bordo furono salvate ma i tentativi di rimorchiare la Caroni Rivers in porto fallirono e la nave affondò.

Le sezioni giacevano molto vicine alla superficie, ma il grande relitto trascorse gran parte della guerra con boe attaccate al centro della rotta di navigazione nel porto di Falmouth.

Nel 1948, la Marlene da 7450 tonnellate fu gravemente danneggiata quando colpì il relitto, quindi l'anno successivo la HMS Caldy ripulì l'area fino a una profondità di 17 metri.

All'interno dei resti appiattiti dei fiumi Caroni, ha detto l'ex subacqueo, si trovano parti di una piccola caldaia, che si dice provenga da un vecchio peschereccio a vapore o da un rimorchiatore. Pensava che questa nave fosse affondata mentre aiutava nei lavori di salvataggio della petroliera, ma che un cannone di bronzo fosse stato rimosso da essa negli anni '1960 e venduto come rottame.

L'unico peschereccio armato di cui non si disponeva a Falmouth Bay era il St Ives, ma secondo quanto riferito era affondato a quasi due miglia di distanza.

Apparso su DIVER dicembre 2018

POI HO AVUTO UN MESSAGGIO dal ricercatore di relitti Kevin Heath, che mi chiedeva cosa sapevo dell'HMT St Ives. Il nome era emerso nel corso delle sue ricerche e mi inviò due documenti che aveva trovato, entrambi relativi allo sminamento del dicembre 1916. Non vi vidi nulla di nuovo, a parte una mina esplosa a 1 miglio e mezzo a sud-ovest da W. di Sant'Antonio Point.

Pochi giorni dopo, Kevin mi ha inviato la tabella di posa delle mine della UC17 relativa alla sua missione poco prima della scomparsa della St Ives. Mostrava la posizione di due mine ormeggiate che aveva posato vicino a Falmouth il 18 dicembre 1916, scritte sulla mappa come “18 XII 16”.

Ho creato una sovrapposizione di questo grafico su uno di Falmouth Bay. Lo schizzo dell'U-Boot era sorprendentemente accurato e mostrava che le due mine erano state collocate a circa 100 metri dalla posizione dei fiumi Caroni.

Rileggendo i registri dello spazzamento delle mine, all'improvviso qualcosa mi è saltato all'occhio. Un documento affermava: “Il 18 dicembre una mina nemica è stata spazzata via e distrutta un miglio a est-sud della Manacles Buoy. Il 21 dicembre, HMT

Piastra terminale caldaia 1218 st ives
Un pezzo della piastra terminale della caldaia di St Ives.

St Ives ha colpito una mina 2 miglia a sud-ovest di St Anthony Point. L'ufficiale in comando e 10 uomini furono persi. Dopo questo rapporto, una mina ormeggiata è stata distrutta 1 miglio e mezzo a sud-ovest di St Anthony Point il 30 dicembre. Questa era una mina a cinque corni con un corno al centro della parte superiore.

Quindi, “2 miglia SSW di St Anthony Point”, non “WSW” come nel rapporto del Commodoro all’Ammiragliato. Questo ora avvicinava il peschereccio ai fiumi Caroni.

L’appiattimento dei fiumi Caroni sarebbe stato così violento da aver raso al suolo anche qualsiasi cosa vicino ad esso, compreso ciò che restava del fiume St Ives.

Nel corso degli anni il fiume Caroni è stato immerso migliaia di volte. L'ho fatto io stesso più di 20 volte.

Ora che sono consapevole che all'interno del relitto probabilmente ci saranno i resti della St Ives e del suo equipaggio, penserò a loro e al loro sacrificio nelle immersioni future.

Tutti i subacquei in visita saranno inoltre informati dei due relitti mescolati e delle vite perse a St Ives.

Il St Ives colpì una mina nel 1916, il Caroni Rivers ne colpì una nel 1940 – a 24 anni di distanza, in guerre separate ma nello stesso luogo. Non è raro che due relitti vengano trovati nello stesso posto, soprattutto in un posto come Falmouth Bay, con il suo stretto canale di navigazione.

Dove è meglio piazzare una mina ormeggiata nella seconda guerra mondiale? Probabilmente lo stesso posto in cui si trovava durante la Prima Guerra Mondiale.

NON MI AVEVO IMMERSO i fiumi Caroni dal 2010, quando un altro skipper mi aveva portato sul posto. Guardando le mie foto mi ero tuffato in due sezioni e avevo visto questi pezzi di caldaia, ma dove si trovavano?

Quando porto i subacquei sui fiumi Caroni, di solito li lascio nella sezione più vicina alla riva, che si ritiene sia la prua. Questo copre un'area molto vasta di fondale marino, quindi ci è sembrato il posto migliore per iniziare qualsiasi nuova ricerca di segni del St Ives.

Relitto di 1218 st ives Caroni
Relitto di Caroni con qualche rete fantasma.

Il fiume Caroni si trova a 21-25 metri, non è l'ideale per una lunga immersione di ricerca con una sola bombola. Avevo invitato il dottor Dan Reynolds di Lungfish Dive Systems a unirsi a me per l'immersione e lui ha portato con sé due dei suoi rebreather a circuito chiuso per rendere l'immersione più facile.

Ho abbassato la linea di tiro sul bordo meridionale del relitto più interno, in modo che quando fosse iniziata la marea ci avrebbe portato lungo il relitto. La visibilità non era eccezionale.

Un enorme banco di pettorali ci circondava. Un'aragosta si è nascosta sotto un rottame, non apprezzando la mia brillante novità video leggero.

Diversi gronghi, per i quali è noto il relitto, hanno fatto capolino con la testa da tubi e pezzi di relitto. Gli altri subacquei si unirono a noi e partimmo per coprire più terreno possibile.

Ricordavo che la caldaia era stata vicina al bordo dei rottami, ma ovunque giaceva una grande quantità di metallo contorto e piegato. Abbiamo coperto il versante orientale, rimanendo vicini e in vista del bordo, e i sommozzatori a circuito aperto gradualmente si sono staccati e si sono diretti verso l'alto.

Man mano che ci spostavamo più a nord, la visibilità peggiorò e restammo senza vita marina e relitti. Avevamo passato 62 minuti a cercare il relitto e non avevamo visto nulla fuori posto.

QUALCHE SETTIMANA DOPO, Dan era nel Devon e mi ha chiesto se avevo in programma qualche immersione. Ho detto che avevo un giorno libero e volevo dare un'occhiata al lato occidentale dei fiumi Caroni.

Questa volta eravamo più vicini all'alta marea, quindi qualche metro più in profondità. Potremmo puntare all'estremità nord e lasciare che la marea ci porti a sud. Ho riunito lo stesso gruppo e siamo partiti.

Ho lasciato cadere l'inquadratura nel punto in cui Dan e io avevamo terminato l'immersione precedente. La visibilità era più o meno la stessa di prima, a 3-4 metri. La quantità di vita marina è aumentata man mano che procedevamo, questa volta con più labridi.

Abbiamo notato alcuni pezzi di rete molto grandi che erano lì da molto tempo: ci sarebbero volute diverse grandi barche per recuperare una tale quantità. Una volta superate le reti la visibilità è aumentata leggermente e ho notato molti relitti che non avevo riconosciuto in nessuna delle mie immersioni precedenti.

Ormai eravamo rimasti solo io e Dan, ma dopo 67 minuti siamo saliti. Non eravamo a corto di rottami, solo di entusiasmo.

Forse dovrei provare gli altri tratti dei fiumi Caroni? Ho contattato Gary, lo skipper che mi aveva portato lì nel 2010.

Non mi aspettavo che si ricordasse dove ci aveva lasciati, ma sarebbe stato utile confrontare le sue coordinate, e pochi giorni dopo mi ha inviato i numeri.

La settimana successiva, alcuni subacquei erano interessati a un'immersione infrasettimanale. C'era la mia compagna Ruth vacanza e avevo anche voglia di fare un tuffo. Ho detto a tutti cosa cercare mentre lasciavamo il porto e sembravano tutti piuttosto entusiasti della loro missione.

Mentre ci avvicinavamo al sito, ho pensato che avrei potuto cercare altri relitti più a sud sul mio ecoscandaglio.

C'era un'altra scritta sulla sirena: “Caroni 2”. Recentemente avevo sostituito lo strumento e ricaricato il mio vecchio set di dati ma ero sicuro che Caroni 2 non fosse mai stato lì prima, quindi doveva essere qualcosa che avevo precedentemente cancellato.

Ho girato lentamente intorno al punto di passaggio. Il sonar ha mostrato che c'erano dei rottami lì, quindi ho lasciato cadere la linea di tiro sul pezzo più alto.

I subacquei entrarono in acqua e 40 minuti dopo il DSMB di Ruth raggiunse la superficie. Ho preso nota mentalmente di dove si trovava, in relazione alla mia linea di tiro.

Ruth emerse. Ho spostato la barca e lei ha detto: "Penso di averla trovata".

Ho raccolto il resto dei subacquei, poi ho dato una rapida occhiata alla macchina fotografica di Ruth. Le immagini sembravano promettenti.

Mi sono diretto più o meno dove era emersa e ho contrassegnato il punto come "St Ives", sfidando il destino.

Tornato a terra, ho rivisto le foto di Ruth e video-clip. Mostravano molte file di fori circolari, oltre a quello che sembrava un focolare. Avevo bisogno di verificarlo.

DAN HA PORTATO I REBREATHER lungo la settimana successiva e ci siamo diretti verso il nuovo waypoint “St Ives”. Siamo scesi lungo la linea dei 23 metri e verso il fondo abbiamo potuto vedere che questa parte del relitto del Caroni Rivers sembrava più interessante e offriva una migliore visibilità.

Abbiamo iniziato a guardarci intorno, a guardare

da gronghi e labridi. A pochi metri dalla linea di tiro vidi quello che aveva visto Ruth: un paio di piastre piene di file e file di fori, con un ritaglio circolare.

I fori sarebbero stati i punti in cui si collegavano i tubi all'interno delle caldaie, e il ritaglio era il focolare in cui sarebbe stato spalato il carbone.

Provenivano sicuramente da una nave diversa; fatto di un metallo molto più spesso e perfino avente una concrezione più spessa. Guardandomi intorno, ho visto un pezzo di metallo ricurvo che sembrava l’involucro esterno di una caldaia.

Ho continuato a girare intorno alla zona, tenendomi alla larga da alcuni grossi gronghi. Abbiamo visto il massiccio albero motore dei fiumi Caroni, molto vicino alle parti della caldaia.

C'erano anche alcuni pezzi di carbone sul fondo del mare, l'unico carbone che avevo visto sopra o vicino ai relitti.

Un branco di pettorali volteggiava mentre coprivamo ancora una volta l'area, ma non c'erano altre prove visibili dei St Ives. Abbiamo terminato la nostra immersione dopo 71 minuti.

Avevamo trovato quello che stavamo cercando, la prova di un relitto più antico laddove i dati storici dicevano che dovrebbe essercene uno. Non c'erano altri relitti perduti nella zona, e questo spiegherebbe perché il St Ives non era mai stato ritrovato prima.

Anche se sembra che il mistero di St Ives possa finalmente essere stato risolto, lascia una domanda.

Cosa sono quei 12 blocchi di ghisa a WSW di Sant'Antonio?

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x