Il traffico marittimo sta assordando i mammiferi marini del Regno Unito

archivio – Diving NewsIl traffico marittimo sta assordando i mammiferi marini del Regno Unito

Secondo una nuova ricerca dell’Università di St Andrews, le foche potrebbero subire una perdita dell’udito a causa del rumore delle navi sottomarine.

Lo studio, condotto dall’ecologista Esther Jones, ha scoperto che i livelli di rumore nelle rotte marittime del Regno Unito possono influenzare il modo in cui le foche e altri mammiferi marini come i delfini e le balene trovano cibo e comunicano tra loro.

"Come gli esseri umani che vivono in città trafficate e rumorose, alcune foche vivono in aree dove c'è molto traffico marittimo e rumore associato", ha affermato il dottor Jones, che lavora presso il Centro per la ricerca sulla modellazione ecologica e ambientale (CREEM) dell'università.

“Il Regno Unito ha alcune delle rotte marittime più trafficate del mondo e il rumore sottomarino è aumentato negli ultimi 30 anni”.

Il team di St Andrews ha mappato il rischio di esposizione a questo frastuono per le foche grigie e portuali in tutto il Regno Unito e ha scoperto che il livello era elevato in 11 delle 25 aree speciali di conservazione (ZSC) associate alle foche, in particolare per le popolazioni di foche portuali in declino. .

"Il rischio di esposizione è stato massimo entro 50 km dalla costa e qualsiasi impatto avrà l'effetto maggiore sulle foche, poiché generalmente rimangono vicino alla terra", ha affermato il dottor Jones.

Utilizzando modelli acustici predittivi, il team ha osservato 28 animali esposti al rumore sottomarino generato dalle navi nel Moray Firth, nel nord-est della Scozia.

Per 20 animali i livelli di rumore previsti erano sufficientemente elevati da causare una perdita temporanea dell’udito, sebbene non vi fossero prove di un rischio di danni permanenti. L'accuratezza delle previsioni è stata verificata rispetto alle misurazioni del registratore di suoni.

Vengono ora utilizzati tag ad alta risoluzione per il suono e il movimento per studiare l'esposizione totale al rumore delle singole foche e il loro conseguente comportamento.

Il dottor Jones ha suggerito che il rumore cronico dell’oceano “dovrebbe essere incorporato esplicitamente nei piani di pianificazione e gestione dello spazio marino per le aree marine protette esistenti”.

Lo studio, Seals and Shipping: Quantifying Population Risk and Individual Exposure to Vessel Noise, è pubblicato sul Journal of Applied Ecology qui

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

07-mag-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x