Il ritorno degli anfibi

0819 Anfibio Alf Goodwin
L'anfibio Alf Goodwin sta per immergersi con l'elmo del bidone della spazzatura a Souterhead, aiutato da Les McCoss e Laurie Donald, nel 1946.

Apparso su DIVER agosto 2019

Scozia 2019

Sto per immergermi nel Mare del Nord, con il mio nuovo muta stagna e il resto del mio kit, fresco di manutenzione. Mentre scendo sotto la superficie, rifletto sulla straordinaria facilità delle immersioni subacquee oggi, rispetto alle esperienze del mio amico appena 74 anni prima.

Credo che quell'amico, Ivor Howitt, sia un vero pioniere della subacquea ricreativa sia nel Regno Unito che in Australia. Eppure fino alla fine degli anni Novanta la sua storia era rimasta in gran parte non raccontata. E che storia è...

Scozia 2019

Lauren Smith sta per tuffarsi al largo di Peterhead con Chris Rickard, un altro anfibio. Il cane di Lauren è rimasto a terra
Lauren Smith sta per tuffarsi al largo di Peterhead con Chris Rickard, un altro anfibio. Il cane di Lauren è rimasto a terra

Scozia 1945

Un adolescente alla fine della guerra, entusiasta delle descrizioni del mondo sottomarino di William Beebe, Ivor era determinato a fare immersioni. Temperature scozzesi, mancanza di attrezzatura e formazione ha fatto ben poco per scoraggiarlo. Invece ha improvvisato con i materiali a portata di mano.

Ha modificato un gas della Protezione Civilemaske lo collegò alla pompa a pedale di un'autovettura con un pezzo di tubo di gomma.

Poi, insieme al suo amico Hamish Gavin, si recò presso la diga di una fattoria in una giornata invernale con il terreno ghiacciato.

Si spogliarono e, a turno, si immergerono nell'acqua gelata, battendo i denti e quasi paralizzati dal freddo, per completare le loro immersioni inaugurali.

A questa esperienza seguirono molte altre invenzioni e avventure. Un casco da sub in stile anni '1920 era realizzato con un foglio di rame avvolto attorno al coperchio di un bidone della spazzatura, con 60 libbre di pesi di piombo imbullonati sul posto.

L'aria veniva fornita tramite un tubo da giardino collegato a due paia di pompe a pedale per pneumatici di automobile. Tutta questa attrezzatura è stata trasportata su biciclette a spinta a Souterhead, un'insenatura riparata poche miglia a sud di Aberdeen, che è diventata un luogo privilegiato per testare l'attrezzatura.

Un altro amico, Les McCoss, installò all'interno dell'elmetto un telefono da campo residuo di guerra, collegato ad un altoparlante a terra in modo che il subacqueo potesse essere ascoltato.

Le immersioni stavano rapidamente diventando un'attività fondamentale di Ivor e dei suoi amici, insieme alle loro altre attività, che includevano l'alpinismo (erano tutti membri del Cairngorm Club), l'arrampicata sulle scogliere marine, lo sci e la canoa.

E così, nel 1948, formarono un piccolo club noto come The Amphibians. Sarebbe il primo club amatoriale del Regno Unito a includere sia immersioni in acqua dolce che marine: il primo club di immersioni in acqua dolce, il Cave Diving Group, era stato formato negli anni '1930 da Graham Balcombe e Jack Sheppard.

Ivor si è divertito nel compito di progettare e realizzare tutte le attrezzature per la respirazione subacquea del club.

Nel 1949 scrisse alla Dunlop Rubber Company, chiedendo informazioni sulla produzione di fini, perché aveva realizzato sommozzatori navali fini durante la guerra.

Ha risposto, ma ha affermato che “non poteva vedere alcun mercato commerciale per il nuoto fini in tempo di pace”. La risposta, come ha notato Ivor, rifletteva la virtuale inesistenza della subacquea sportiva nel Regno Unito a quel tempo.

Le imprese degli Anfibi portarono presto il club ad una maggiore attenzione, e i membri furono invitati a vedere una squadra navale incaricata di identificare il relitto di un galeone spagnolo del XVI secolo, il Florencia, che era stato affondato al largo di Tobermory, sull'isola di Mull.

1952 – Bill Young, Ivor Howitt (al centro) e Ted Eldred ad Apollo Bay, Victoria in Australia. Howitt ha il suo allestimento Siebe-Gorman Air-Scuba, forse il primo del suo genere ad essere portato in Australia.
1952 – Bill Young, Ivor Howitt (al centro) e Ted Eldred ad Apollo Bay, Victoria in Australia. Howitt ha il suo allestimento Siebe-Gorman Air-Scuba, forse il primo del suo genere ad essere portato in Australia.

Nel corso di questa visita Ivor ha commentato il lusso di immergersi con una bella muta calda. Ciò fu notato da un giovane ufficiale e non molto tempo dopo l'Anphibians Club divenne l'orgoglioso proprietario di due vecchie tute da rana di gomma.

Questi, insieme a un paio di caschi da sub in rame standard condannati dall'amministrazione portuale locale come non sicuri per un ulteriore utilizzo, erano abbinati a pinne da nuoto (di un sommozzatore della marina smobilitato). I kit in eccedenza di guerra progettati per la fuga dei sottomarini furono utilizzati come economizzatori, con l'aria fornita dalle pompe costruite in casa.

È stato con questo assetto che i membri del club hanno iniziato ad immergersi in una piscina locale e hanno potuto iniziare a sperimentare fotografia subacquea e alloggi fatti in casa.

Un enorme passo avanti avvenne nel 1949, quando Ivor acquistò la versione britannica dell'autorespiratore Cousteau-Gagnan. Si trattava dell'autorespiratore ad aria compressa Siebe-Gorman (CABA) con bombole montate su un telaio posteriore, con valvole di riduzione e domanda e un manometro. Tubi dell'aria corrugati collegati ad un semplice boccaglio.

Riempire le bombole non era semplice, le normative del Ministero degli Interni non consentivano di riempirle con aria per uso civile, quindi la British Oxygen Company fornì ossigeno puro, il che significava che le immersioni erano limitate a meno di 10 metri.

Australia 1950

Entro la fine del 1950 Ivor aveva completato i suoi studi di ingegneria e formazione, e ha deciso di emigrare in Australia. Era giunto il momento di realizzare il suo sogno e provare il suo Siebe-Gorman in acque più calde.

Mentre era in Australia, iniziò ad aiutare la polizia nelle operazioni di ricerca e recupero in caso di annegamenti, perché all'epoca la polizia non aveva attrezzatura subacquea.

Nel maggio del 1952, Ivor scattò le sue prime fotografie a colori mentre si immergeva al largo dell'isola Lindeman, nelle Whitsundays, con la sua preziosa macchina fotografica e la sua pellicola racchiuse nella sua custodia "pentola" fatta in casa.

Nel novembre del 1953, insieme a Bill Young, Ivor scattò alcune delle prime fotografie subacquee a colori della Grande Barriera Corallina, utilizzando la sua fotocamera Robot 35mm inserita in una custodia subacquea di nuova concezione fatta in casa.

La custodia subacquea fatta in casa per la fotocamera Robot 35mm utilizzata per scattare le prime fotografie a colori della Grande Barriera Corallina.
La custodia subacquea fatta in casa per la fotocamera Robot 35mm utilizzata per scattare le prime fotografie a colori della Grande Barriera Corallina.

Questo alloggiamento presentava un "mirino inverso", che Ivor aveva progettato per consentire lo spazio aereo all'interno mask.

C'era un parasole per la finestra dell'esposimetro, una valvola per pneumatici montata per consentire la pressurizzazione e controlli push-pull per messa a fuoco, apertura e tempo di esposizione.

Ivor ha anche avuto la lungimiranza di includere un contenitore coperto di garza per la calce sodata per prevenire l'accumulo di condensa.

Alla fine del 1954, un'emergenza familiare vide Ivor tornare in Scozia. Successivamente si recò in Nuova Zelanda, dove si stabilì nel 1956 con sua moglie Mary. Le sue imprese pionieristiche e quelle degli altri anfibi rimasero in sospeso fino al 1999, quando Dive New Zealand pubblicò il suo Memories of an Aberdeen Amphibian.

Ciò è stato successivamente seguito dalla pubblicazione nel 2007 di un libro, Fathomeering - An Amphibian's Tale. Questo, secondo le parole di Ivor, è "principalmente un resoconto personale delle avventure condivise e dell'attrezzatura utilizzata da alcuni subacquei dilettanti in Scozia e Australia dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e prima dell'esplosione dell'interesse per le immersioni ricreative a metà del 2. 1950”.

Tutto questo è successo molto prima che conoscessi Ivor, ma dopo aver saputo di lui (chiacchierando con qualcuno al DIVE 2014, il NEC Dive Show) mi sono messo in contatto.

Ho divorato i racconti di scoperte e avventure dell'Anphibians Club e presto mi sono reso conto che, essendomi trasferito ad Aberdeen nel 2005, avevo condiviso molti degli stessi luoghi di immersioni ed escursioni, anche se a distanza di qualche anno!

Quando i paralleli tra i nostri interessi sono diventati chiari, e dopo essere venuto a conoscenza degli incredibili risultati di Ivor e dei suoi amici, all’inizio di quest’anno ho chiesto il suo permesso per ripristinare l’Anphibian’s Club.

La mia missione è continuare le nostre avventure all'aria aperta e onorare l'eredità dei membri originali. Se desideri saperne di più sull'Anphibians Club o metterti in contatto, visita amphibiansclub.co.uk o trovaci su Twitter @AmphibiansClub

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x