L'incendio di una nave da crociera nel Mar Rosso ha lasciato i subacquei incagliati

archivio – Notizie sulle immersioni Un incendio a bordo di una crociera nel Mar Rosso ha lasciato i subacquei incagliati

Una nave da crociera subacquea nel Mar Rosso ha dovuto essere evacuata sabato 13 maggio dopo che è scoppiato quello che sembrava essere un incendio in una cucina.

Secondo uno dei 23 ospiti, a cui erano rimasti pochi averi, non c’erano stati briefing sulla sicurezza prima o dopo la partenza della nave da Hurghada.

La barca all'estero (in precedenza Città delle immersioni) e i suoi otto membri dell'equipaggio erano stati noleggiati per un itinerario tra le barriere coralline e i relitti del Mar Rosso settentrionale da una compagnia chiamata Port Ghalib Divers di Marsa Alam, secondo Ben Low, uno degli ospiti britannici a bordo della nave. Il gruppo di 23 persone comprendeva sub francesi, indiani, russi e turchi e avevano assunto la propria guida subacquea egiziana. 

Dopo una partenza ritardata, la barca è partita per un viaggio di 90 minuti fino al primo sito di immersione. "Circa 45 minuti dopo abbiamo visto un leggero fumo bianco proveniente dalla cucina verso prua e odore di olio da cucina bruciato", ha detto Low a Divernet. “Nessuno dell’equipaggio ci ha parlato: sono semplicemente scomparsi sottocoperta con un minuscolo estintore e un secchio d’acqua. 

“Subito dopo ci siamo accorti che il fumo era denso e nero e le fiamme avevano inghiottito la cambusa e uscivano dalle finestre – sembrava che l’acqua fosse stata gettata su un fuoco di olio da cucina. Eppure non ci è stato detto nulla. 

"Il capitano aveva spento un motore e aveva virato controvento, facendo incanalare il fuoco e il fumo denso attraverso la barca verso il punto in cui eravamo a poppa." 

Low ha cercato di scendere sottocoperta per avvertire un amico che dormiva nella sua cabina, ma il fumo soffocante lo ha costretto a ritirarsi. Un altro ospite ha dovuto gridare all'equipaggio di varare i gommoni ed evacuare la barca. 

L'ospite addormentato “è stato molto fortunato” a svegliarsi, avendo impostato la sveglia, ha detto Low. "Nessuno dell'equipaggio ha mai provato a controllare le cabine o ad assicurarsi che tutti fossero presenti." Secondo Low non c'era stato alcun briefing sulla sicurezza prima della partenza e nessun segno di attrezzature antincendio oltre all'unico estintore. 

La maggior parte degli ospiti indossava solo il costume da bagno e solo tre sono riusciti a riprendersi borse con passaporti, contanti, cellulari e altri oggetti di valore, 

L'equipaggio di un peschereccio ha prelevato rapidamente i passeggeri e l'equipaggio, che sono stati successivamente trasferiti da una nave da guerra alla base di Hurghada. "Alla fine era arrivata una nave antincendio, ma presto aveva rinunciato a cercare di spegnere l'incendio: avrebbe potuto essere troppo pericoloso o intenso", ha detto Low a Divernet. 

Alla base navale ha detto che al gruppo non è stata data alcuna informazione ma è stato tenuto in una stanza con solo “un paio di sedie, acqua limitata e alcuni datteri”. 

Alla fine sono stati prelevati da un rappresentante del consolato britannico e, essendo stato assicurato che l'operatore della barca avrebbe pagato alloggio e rimborso, sono stati portati in un albergo. 

"Era un edificio fatiscente con poche stanze e senza articoli da toeletta, inclusi carta, asciugamani, luci o aria condizionata", ha detto Low. “Abbiamo dovuto procurarci cibo e acqua per la prima notte con i fondi molto limitati risparmiati dai tre borsee nessun contatto da parte dell'azienda. 

Dopo che la guida subacquea si è lamentata con l'operatore, i subacquei sono stati infine trasferiti al Le Pacha Resort: "era un hotel migliore e il personale era eccezionale", ha detto Low. "Una signora di nome Esra che era sulla barca ha anche donato vestiti e scarpe dal suo negozio LC Waikiki a Hurghada per aiutarci."

Alcuni giorni dopo i subacquei appresero che il all'estero era stato rimorchiato a Hurghada e incagliato su un banco di sabbia. Secondo Low un'altra barca era rimasta ormeggiata accanto al relitto e le cabine sommerse erano state perquisite dai subacquei, ma quando lui e un altro ospite furono portati sul posto disse di aver trovato aperto borse e solo pochi oggetti fradici e rotti. 

Two passports had been recovered but, according to their owners, they had been in zipped borse with money and other valuables that were missing. 

La guida subacquea successivamente si è immersa nel relitto alla ricerca di proprietà, compresa la sua, e, secondo quanto riferito, ha trovato tutte le cabine vuote. 

Secondo Low l'operatore della nave da crociera, Ibrahim Ahmed Galal, aveva promesso al gruppo di fornire un risarcimento per il viaggio perduto "ma solo se avessimo firmato un contratto che lo sollevasse da ogni responsabilità", cosa che, a suo dire, si sono rifiutati di fare. 

Ci è voluta più di una settimana per rimpatriare tutti gli ospiti. 

“Vorremmo avvisare tutti coloro che desiderano immergersi nel Mar Rosso di fare attenzione con chi prenotano e di assicurarsi per la propria sicurezza che la loro barca sia adatta a trasportare passeggeri e disponga di attrezzature antincendio e altre attrezzature di sicurezza a bordo – a differenza del nostro”, ha detto Low. Divernet ha chiesto un commento a Port Ghalib Divers ma non ha ancora ricevuto risposta.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

23-mag-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x