Domande e risposte: con la leggenda delle immersioni in grotta Rick Stanton

Rick Stanton

Scuba Diver chiacchiera con la leggenda delle immersioni in grotta Rick Stanton e scopre cosa lo ha attirato sottoterra, le sfide di alcune delle sue immersioni in grotta più epiche e com'è stato trovarsi nel mezzo del più grande salvataggio subacqueo del mondo .

Fotografie per gentile concessione di RICK STANTON

D: Come hai iniziato a dedicarti alle immersioni o, nel tuo caso, alle immersioni in grotta?

R:  Sono abbastanza grande da essere cresciuto con i programmi televisivi sulle immersioni di Jacques Cousteau degli anni '1960, che mi hanno sempre affascinato, soprattutto sott'acqua. Mi sono sempre piaciute il nuoto e le attività acquatiche, compreso il kayak, ma è stato solo quando avevo 17 anni quando ho visto un programma in TV sulle immersioni in grotta nel Regno Unito che tutto è andato al posto giusto. Sapevo che era quello che volevo fare, poiché mi identificavo totalmente con tutto quello che stava succedendo.

Questo è abbastanza insolito, perché la maggior parte delle persone allora iniziava con la speleologia a secco e poi pochissimi passavano alle immersioni in grotta, ma ho subito capito che volevo diventare un subacqueo in grotta prima ancora di mettere piede in una grotta.

Una volta andato all'università, all'età di 18 anni, mi sono iscritto alla sua filiale BSAC per imparare ad immergermi. Mi sono anche iscritto al club di speleologia. Alcuni anni dopo, ho amalgamato le due attività e ho imparato da solo a immergermi in grotta a piccoli passi incrementali.

D: Le immersioni in grotta sono considerate una delle forme di immersione più pericolose. Cos'è che ti riporta continuamente indietro?

R: Personalmente l'aspetto più importante delle immersioni in grotta è sempre stata la capacità di esplorare dove nessun uomo è mai stato prima. So che è un po' un cliché, ma la speleologia è davvero un'esplorazione che può essere fatta a buon mercato e anche a portata di mano nel Regno Unito. Non c'è bisogno di recarsi su remote vette inviolate, profonde fosse oceaniche o angoli remoti del pianeta... o oltre!

L’altra cosa che dovresti ricordare è che adoro stare nelle caverne, quindi non mi considero particolarmente un sub ma uno speleologo subacqueo a cui capita di usare l’attrezzatura subacquea per facilitare questo stile di esplorazione.

Non ritengo che le immersioni in grotta debbano essere l’attività più pericolosa. Una delle sfide più interessanti è renderla quanto più sicura possibile. Questo aspetto mi piace, così come l’approccio logistico che bisogna adottare durante i grandi progetti.

D: Tu, insieme a pochi altri selezionati, sei la persona a cui rivolgersi quando si tratta di salvataggi in grotta. Com'è la prima volta che ricevi quella chiamata?

R: La cosa principale che dovrei sottolineare è che non accade mai quando te lo aspetti, dove te lo aspetti o in un momento opportuno della tua vita, quindi c’è sempre lo shock iniziale. Non c’è certamente nulla di affascinante in nessuna situazione in quel momento.

Una volta che la realtà ti colpisce, allora devi raccogliere quante più informazioni su ciò che è successo e pensare a cosa farai, come affronterai la situazione e attingerai ad altre persone per aiutarti. Poi si tratta di organizzare le attrezzature e la logistica dei trasporti, niente di tutto ciò è così facile come si potrebbe immaginare, considerando che stiamo effettuando un salvataggio che potrebbe essere fondamentale per la vita.

Rick Stanton arriva al sito della grotta di Tham Luang (Shutterstock)
Rick Stanton arriva al sito della grotta di Tham Luang (Shutterstock)

D: Sei stato un vigile del fuoco per molto tempo: pensi che avere questo background nel salvataggio e in situazioni intense abbia aiutato ad affinare le tue abilità durante un salvataggio in grotta?

R: Sono stato pompiere, ma sostengo sempre che ho fatto lo speleologo per dieci anni prima di entrare nei Vigili del Fuoco e continuo a fare lo speleologo da quando me ne sono andato. In molti modi, la speleologia ha aiutato la mia lotta agli incendi. Ma vedo che ho incontrato situazioni difficili mentre combattevo gli incendi e ho visto come gestire le persone, la folla, la stampa e le aspettative durante i grandi eventi - per ridurre le cose fino alle componenti più essenziali e critiche.

D: Parlando di salvataggi in grotta, arriviamo inevitabilmente all'incidente della grotta tailandese. Com'è stato essere gettato sotto i riflettori dei media internazionali mentre si cercava di affrontare questioni spinose: prima trovare il gruppo e poi, due, capire come districarlo in sicurezza?

R: Dico sempre che, mentre eravamo a conoscenza della stampa che era presente all'incidente e che il salvataggio veniva riportato in tutto il mondo, ciò di cui non eravamo consapevoli era l'immenso coinvolgimento emotivo delle persone nella storia. Non era solo una curiosità passeggera ma un profondo coinvolgimento emotivo. Sono molto bravo a bloccare le distrazioni e a concentrarmi completamente sul compito da svolgere, ed è più o meno quello che dovevo fare in Tailandia. 

Non ci aspettavamo necessariamente di trovare i ragazzi vivi e quando lo abbiamo fatto è stato un momento magico che ovviamente ha risollevato l'umore ovunque, ma da quel momento in poi, in un certo senso ha peggiorato la situazione perché dovevamo escogitare un piano che pensavamo potesse funzionare, quando praticamente tutti gli altri pensavano che i ragazzi sarebbero stati condannati nella loro tomba acquatica.

Ovviamente dovevamo prendere decisioni di vita o di morte e abbiamo cercato di tenerlo il più lontano possibile dalla stampa.

Soccorritori all'interno della grotta di Tham Luang (Shutterstock).
Soccorritori all'interno della grotta di Tham Luang (Shutterstock).

D: Il tuo libro Aquanaut: una vita sotto la superficie si concentra sul salvataggio in grotta tailandese e sull'approfondimento delle tue altre imprese di immersione in grotta. Com'è stato cercare di catturare tutto ciò che accadeva in quel momento? stampare modulo?

R: I miei amici dicevano sempre che avevo un libro dentro di me, ma la visione del mondo dei libri riguardo a questo concetto è che il libro della maggior parte delle persone dovrebbe rimanere lì. Il salvataggio in Tailandia ovviamente mi ha dato una voce più ampia di quella della comunità di speleologi e subacquei, quindi ero insolitamente desideroso di condividere la mia storia. Volevo fornire un resoconto dettagliato di ciò che è realmente accaduto e di come ci si sente ad essere lì. 

Una cosa che mi ostacola è la mia scarsa memoria, ma penso di avere praticamente tutto accurato dal mio punto di vista. Ero anche consapevole che la conoscenza della maggior parte delle persone sul salvataggio era molto limitata a causa degli scarsi resoconti giornalistici e dei primi documentari, quindi volevo colmare quella lacuna di conoscenza.

Sono considerato uno dei migliori speleologi subacquei e volevo scrivere un libro che non solo rendesse giustizia a me stesso e alla mia posizione nel mondo della speleologia e delle immersioni, ma anche al salvataggio stesso e che scrivesse una storia eccezionale che si distinguesse. nel mondo del libro. Era una serie enorme di ostacoli da tentare di raggiungere, poiché non ero uno scrittore naturale.

Un blocco mondiale ha aiutato in termini di tempo, insieme alla mia co-sceneggiatrice Karen. Essendo un perfezionista, anche quando la storia è stata scritta, ci sono voluti mesi di affinamento per perfezionarla e farla leggere nel modo in cui volevamo. 

Il drammatico salvataggio in grotta ridotto a un semplice grafico – ma notate la distanza di 4 km (Shutterstock)
Il drammatico salvataggio in grotta ridotto a un semplice grafico – ma notate la distanza di 4 km (Shutterstock)

D: Hollywood, come previsto, sta girando un film sul salvataggio dei Cinghiali – cosa ne pensi del fatto che Aragorn stesso, Viggo Mortensen, interpreti te? Sei stato arruolato per assistere in qualche modo con la produzione?

R: Ron Howard [il regista] mi ha chiamato lo scorso autunno per dirmi che aveva un attore in lista per interpretarmi, ma che l'attore si sarebbe iscritto al film solo se avesse avuto accesso a me. Voleva conoscermi, come facevo le cose, come parlavo, mi muovevo, pensavo. Da allora ho parlato con Viggo su Zoom per circa sei mesi prima che le riprese principali iniziassero in Australia verso la fine dello scorso marzo. 

Non solo ho fatto da coach a Viggo, ma sono stato coinvolto fin dall'inizio del progetto nel fornire informazioni sull'evento ai ricercatori per gli sceneggiatori, poi agli stessi sceneggiatori. Mi è stato chiesto di essere presente alle riprese non solo per aiutare Viggo nella sua interpretazione di me, ma per consigliare set e scene oltre ad altri aspetti tecnici del salvataggio, o la loro interpretazione, per aiutare il film a essere tanto realistico quanto lo è. forse potrebbe essere.

Calciatori dei Cinghiali salvati dalla grotta dai sommozzatori (Shutterstock)
Calciatori dei Cinghiali salvati dalla grotta dai sommozzatori (Shutterstock)

D: Qual è la tua esperienza subacquea più memorabile?

R: Stranamente, anche se sono noto per essere un subacqueo solitario in quasi tutte le immersioni in grotta che ho fatto, una delle esperienze subacquee più memorabili è stata in una grotta in Australia sotto il deserto di Nullarbor chiamata Cocklebiddy. Si tratta di un tunnel enorme e molto chiaro e, insieme a un gruppo di altri quattro subacquei, tutti buoni amici, ne abbiamo percorso 2.5 km. Ognuno di noi veniva trainato da uno scooter e ci muovevamo in un'unica grande formazione come acrobati volanti, facendo giri e giri, illuminando il passaggio con il massimo effetto. È stato magico.

D: D'altro canto, qual è il tuo peggior ricordo subacqueo?

R: Ho fatto alcune rasature ravvicinate sott'acqua e alcune di queste sono descritte in dettaglio nel mio libro ma, guardando indietro, non posso dire di avere una memoria di guida peggiore. Adoro stare sott'acqua e, riflettendo su questa domanda ora, non c'è nulla che risalti come negativo.

Rick Stanton
Domande e risposte: con la leggenda delle immersioni in grotta Rick Stanton 6

D: Oltre all'ulteriore promozione del tuo libro, cosa riserva il futuro a Rick Stanton?

R: Prima che avvenisse il salvataggio in Thailandia, ero felicemente in pensione da quattro anni. Ora c’è la luce alla fine del tunnel e potrei riprendermi un po’ della mia vecchia vita e impegnarmi in alcune attività che voglio fare, invece di preoccuparmi delle iniziative post-Thailandia.

Naturalmente ci saranno promozioni sia per il nostro film drammatico che per il nostro documentario, ma le considero divertenti.

In realtà, tutto quello che voglio fare è tornare alle avventure e ai viaggi in kayak a cui ero abituato, così come alla normale speleologia e ad un po' di immersioni in grotta molto selettive. Magari anche un ultimo grande progetto e, se ciò accadrà, ne sentirete sicuramente parlare.

* Thirteen Lives uscirà al cinema il 18 novembre di quest'anno.

Questa intervista è apparsa originariamente in Sommozzatore rivista.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x