Foto dallo spazio che indicavano il “relitto del tesoro”

Questa è stata la conclusione tratta nell'episodio finale della serie di documentari di Discovery Channel Il tesoro di Cooper, che è appena stato trasmesso.

Leggi anche: Il “gancio” sottomarino profondo rivela prove interstellari

Miklos e il suo compagno subacqueo Eric Schmitt hanno trovato una grande ancora al largo delle Isole Turks e Caicos che credono provenga da una delle navi della fine del XV secolo di Vicente Pinzon.

L'esploratore spagnolo aveva raggiunto il Brasile e l'Amazzonia nel 1499, ma nel luglio del 1500 due delle sue navi affondarono durante un uragano mentre erano ancorate al largo di TCI.

Pinzon aveva raggiunto la fama dopo essere stato capitano della caravella Nina, una delle navi dello squadrone di Cristoforo Colombo che aveva rivendicato la scoperta delle Americhe nel 1492.

I Il tesoro di Cooper La serie descriveva come una "mappa del tesoro" fu prodotta negli anni '1960 dal pioniere dell'astronauta Mercury Cooper, un amico di Miklos.

Mentre prendeva parte a una missione spaziale da record di 122 ore per rilevare siti nucleari dall'orbita terrestre bassa, Cooper aveva fotografato più di 100 anomalie nei Caraibi meridionali che credeva rappresentassero navi affondate e aveva segretamente creato la mappa basata su queste immagini.

Prima della sua morte nel 2004, Gordon condivise il suo segreto con Miklos, che in seguito partì con un team di ricercatori e una troupe televisiva per scoprire quello che sperava fosse un tesoro.

«Questo convalida tutto: dove c'è un'ancora c'è un naufragio. Dove c'è un naufragio c'è un tesoro", ha detto Miklos quando è tornato al sito di immersione con l'archeologo Jim Sinclair.

Sinclair ha confermato che l'ancora di prua da 2 tonnellate era tipica della prima costruzione navale spagnola e sarebbe provenuta da una nave da 300 tonnellate. È stato sollevato ed è stato dimostrato che è stato forgiato a mano.

Si dice che la posizione dell'ancora corrisponda alle notizie sull'affondamento delle navi di Pinzon, così come i danni che aveva subito. Anche le ceramiche maiorchine rotte trovate accanto all'ancora furono datate a quel periodo.

Miklos ora prevede di esplorare ulteriormente l'area utilizzando le carte di Cooper.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x