Attenzione alle orche: megattere in soccorso

archivio – Notizie sulle immersioniOrche attenti: megattere in soccorso

Le megattere come vigilanti protettrici delle specie più piccole dalle orche assassine? Sembra la presentazione di un film d’animazione, ma gli scienziati hanno ora stabilito un modello globale di interventi che indica che uno scenario del genere è meno inverosimile di quanto possa sembrare.

Dopo aver osservato una megattera che proteggeva una foca dalle orche in Antartide nel 2009, l'ecologo marino Robert Pitman ha iniziato a cercare resoconti comparabili e si è imbattuto in 115 casi di megattere che interagiscono con le orche, segnalati da 54 osservatori dal 1951. L'indagine del suo team scientifico è stata appena pubblicata su Scienza dei mammiferi marini.

Pitman, who works with the National Oceanic & Atmospheric Administration (NOAA) in California, was inspired to undertake the research when he saw the humpback rising from the sea with the threatened Weddell seal on its upturned belly, and keeping it safe from the orcas that had just tipped it off an ice-floe. It then used its flippers to hold the seal in place until it was safe for it to swim away.

Oltre agli esseri umani, le megattere adulte non hanno predatori naturali. Tuttavia, le orche a volte predano la loro prole più vulnerabile.

Nell'indagine gli scienziati hanno scoperto che le megattere hanno avviato il 57% delle interazioni con le orche e nell'87% dei casi le orche stavano cacciando o iniziando a nutrirsi di prede in quel momento. Solo nell’11% dei casi attaccavano vitelli o giovani megattere – di solito predavano altre specie, tra cui balene grigie e balenottere minori, focene, leoni marini, foche e in un caso un pesce luna dell’oceano.

Le megattere, che spesso lavorano in coppia, rispondevano molestando o assaltando le orche assassine che attaccavano, azione che a volte permetteva alla preda di scappare.

Pitman ritiene che le megattere inizialmente reagiscano ai richiami delle orche cacciatrici senza sapere quale specie di preda viene presa di mira, ma poi molestano comunque le orche, suggerendo che il comportamento anti-predatore delle megattere si è evoluto oltre la difesa di base.

Ma a parte quando le giovani megattere sono sotto attacco – e non necessariamente la prole degli adulti – non c’è alcun beneficio apparente per le megattere che continuano a combattere le orche se non per altruismo o vendetta (nessuno dei due tratti associati al regno animale) – o forse loro stanno emettendo un avvertimento generale alla specie.

Leggi il rapporto qui    

DIVERNET – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

08-ago-16

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x