La protezione degli oceani è più popolare di quanto si immagini

archivio – Diving NewsLa protezione dell'oceano è più popolare di quanto si immagini

I subacquei preoccupati che l’opinione pubblica non riesca a riconoscere la portata delle minacce umane agli oceani potrebbero sottovalutare gli attuali livelli di preoccupazione.

Sembra che la maggior parte del pubblico non solo riconosca le minacce ma sostenga anche ampiamente le contromisure adottate nelle loro parti del mondo, secondo un nuovo studio pubblicato su Ocean and Coastal Management.

In quella che si ritiene sia la prima volta, un team internazionale di ricercatori ha esaminato sondaggi sulla percezione pubblica dei problemi marini che hanno coinvolto più di 32,000 persone in 21 paesi, e ha scoperto che il 70% degli intervistati ritiene che l'ambiente marino sia minacciato dalle attività umane, il 45% ritiene che i livelli di minaccia siano elevati o molto elevati.

Gli intervistati hanno identificato l'inquinamento, seguito dalla pesca, dall'alterazione dell'habitat, dal cambiamento climatico e dalla perdita di biodiversità in quest'ordine come le sfide principali.

Le valutazioni scientifiche hanno generalmente classificato la pesca e la perdita di habitat come le maggiori minacce per gli ambienti marini in passato, quindi l'enfasi del pubblico sull'inquinamento rappresenta una divergenza, secondo l'Università di California San Diego, un partecipante allo studio. 

L’inquinamento è stato classificato come la principale minaccia in tutti i paesi presi in considerazione nello studio, ma c’erano differenze regionali, come la pesca considerata la principale minaccia in Nord America e Nuova Zelanda, mentre la perdita di habitat e il cambiamento climatico si sono classificati più in alto in Europa.

Lo studio ha rilevato che il 73% del pubblico ha sostenuto la creazione di aree marine protette (AMP) in cui sono state imposte restrizioni alla pesca, all’alterazione dell’habitat e all’estrazione mineraria/estrazione per proteggere gli ecosistemi, sebbene la comprensione della natura delle restrizioni dell’AMP vari ampiamente .

"C'è molto pensiero scientifico dedicato alla conservazione degli oceani in tutto il mondo, ma ci sono molte meno informazioni su ciò che le persone pensano effettivamente dell'oceano e di alcune delle misure di protezione", ha affermato la coautrice Jennifer O'Leary di California Università Statale Politecnica.

“Questo è importante perché ogni volta che introduciamo misure di protezione, chiediamo alle persone di cambiare il loro comportamento. E sappiamo dalla ricerca comportamentale che concentrarsi su ciò che le persone già pensano è importante e può rendere i cambiamenti più facili da accettare”.

Il professor Heike Lotze della Dalhousie University in Canada, che ha condotto lo studio, ha espresso sorpresa per il fatto che la maggior parte delle persone sopravvaluti la proporzione degli oceani già protetti, il che tende a dare loro una visione eccessivamente ottimistica della conservazione e della gestione degli oceani.

“Tuttavia, la maggior parte delle persone desidera ancora vedere una zona oceanica protetta molto più di quanto non lo sia attualmente”, ha affermato.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

26-feb-18

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x