I giorni di Nantaise

Selcuk Kolay esamina il cannone di prua della Nantaise. Foto: Ali E Keskin
Selcuk Kolay esamina il cannone di prua della Nantaise. Foto: Ali E Keskin

SUBACQUEO DEL RELItto

Il prolifico cacciatore di relitti turco SELCUK KOLAY racconta come ha identificato la sua ultima scoperta nel Mar Egeo: una nave a vapore costruita in Gran Bretagna dopo la prima guerra mondiale, acquistata dai francesi, requisita dai tedeschi nella seconda guerra mondiale e affondata da un sottomarino britannico

LA MIA SCANSIONE SONAR delle acque intorno a Bozcaada, aka L'isola di Tenedo, vicino ai Dardanelli della Turchia, aveva già rivelato i relitti del piroscafo greco Eleni e il sottomarino britannico HMS Simo.

Ma all'inizio di giugno dell'anno scorso un altro relitto è apparso sul mio schermo a scansione laterale, in verticale a 52 metri su un fondale sabbioso, e questo ha significato per me più lavoro investigativo.

Non che mi stessi lamentando di dover frugare negli archivi, ma in realtà è stato mentre discutevo del caso con il sommozzatore e ricercatore di Amburgo Dimitri Galon che il nome ss Nantes è emerso come il candidato più probabile.

La famiglia di Dimitri viene da Tenedo, quindi era molto interessato a unirsi ad altri nostri amici per immergersi in questo e negli altri relitti che avevo scoperto al largo dell'isola.

Ho imparato di più su Nantes. Il piroscafo fu costruito subito dopo la Prima Guerra Mondiale dalla SP Austin & Son di Sunderland, per la Normandy Shipping Co Ltd di Londra.

La Nantaise agli esordi come Vaux.
La Nantaise agli esordi come Vaux.

Lanciato come Vaux e completata nel marzo 1920, era lunga 79 metri, aveva una larghezza di 11 metri ed era dotata di un motore a vapore a tripla espansione.

È stata ribattezzata Nantes dopo essere stata acquistata dalla società francese Fernand Bouet di Caen nel 1925. Tre anni dopo passò di mano due volte in un anno, finendo alla Société Navale Caennaise.

Nel mese di giugno 1940 Nantes era nel pieno della Seconda Guerra Mondiale e prese parte all'evacuazione delle ultime truppe francesi da Le Havre prima di cadere in mano tedesca a Bayonne. Nel febbraio dell'anno successivo partì per Casablanca in Marocco, dove fu restituita alle autorità di Vichy per sostenere il traffico tra la Francia e le sue colonie nordafricane.

A gennaio 1943 il Nantes fu sequestrata dall'esercito tedesco a Marsiglia e, sotto la proprietà della MMS, una società costituita per gestire tutte le navi catturate o confiscate dal Reich nel Mediterraneo, operò come nave da carico per trasporti militari.

Il 7 agosto dello stesso anno, Nantes stava attraversando l'Egeo settentrionale in convoglio da Varna in Bulgaria al Pireo in Grecia con la nave francese Tisbe. Erano scortati da cinque cacciasottomarini tedeschi, quattro R-boat e tre aerei Arado, con sottocacciatori UJ-2104 comandato dall'Oberleutnant Nikolai von Ruckteschell che guidava il convoglio.

Questo è quando il Nantes venne attaccato dal sottomarino britannico classe Porpoise HMS Rorquale e affondò, senza perdite di vite umane, a circa nove miglia nautiche a ovest di Tenedo.

LA MIA BARCA ERA FERMA al porto di Tenedo, così ho deciso che prima di qualsiasi immersione di gruppo mi sarei tuffato sul relitto per vedere se corrispondeva alle descrizioni che avevo del Nantes.

La mia compagna di immersioni di lunga data Kaya Yarar si è unita a me per un rapido tour del relitto in diretta e abbiamo fatto alcune piccole riprese. Era una giornata molto bella, con buona visibilità e assenza di corrente. La profondità media era di 46 metri.

La mia impressione da quell'immersione fu che il relitto potesse benissimo essere quello del Nantes, ma avevamo bisogno di più tempo sott'acqua per verificare i dettagli per essere sicuri.

Abbiamo fissato una data per la fine di settembre, pensando che sarebbe stata una grande opportunità per il regista subacqueo Savas Karakas e il suo team di produrre un altro documentario per IZ TV.

Abbiamo pianificato le miscele di gas che verranno utilizzate sia dai subacquei a circuito aperto che con rebreather del gruppo: 18/45 come miscela di fondo e di viaggio e 18/45 più nitrox 50 per le bombole sidemount.

Utilizzeremmo il mio peschereccio da ricerca e da immersione milongae esperto di immersioni La barca per le immersioni di Metin Eron Yunus Emre5.

C'è un frequente servizio di traghetti tra la terraferma turca e Tenedos, quindi quando è arrivato il momento non è stato un problema trasportare le attrezzature pesanti, comprese le bombole di tri-mix da 50 litri e di ossigeno, nelle nostre auto.

Quattro subacquei GUE (Global Underwater Explorers), incluso Dimitri, si sono uniti al nostro team turco.

Avevamo prenotato l'Hotel Akvaryum sulla costa meridionale dell'isola. È gestito da Deniz e Berna Pak, che sono dei padroni di casa eccezionali, e abbiamo potuto installare le nostre pompe booster e i nostri compressori nel giardino dell'hotel. Mentre gli altri erano impegnati con i preparativi, ho deciso di uscire sulla mia barca per marcare e immergermi Nantes ancora una volta, oltre a segnalare alcuni degli altri relitti che il gruppo voleva visitare.

Utilizzando i rebreather, mi sono immerso con Ali E Keskin, un noto fotografo subacqueo turco. Ancora una volta è stata una bellissima giornata, senza corrente e con quasi 15 metri di visibilità! Ormai avevo davvero fatto i compiti sul Nantese mi sono sentito ben attrezzato per effettuare un'identificazione positiva.

NEL DIARIO DI GUERRA DELLA HMS RORQUAL, Il capitano del sottomarino, il tenente comandante Lennox William Napier, riferì sull'attacco con i siluri:

7 agosto 1943, ore 05.00:XNUMX, si è tuffato tra Lemno e Tenedo.

ore 18.15, fumo avvistato, navi in ​​avvicinamento dai Dardanelli.

ore 18.25, ha identificato gli obiettivi come un convoglio composto da due navi mercantili di circa 2500 tonnellate scortate da tre pescherecci AS e due E-boat. Sono stati visti anche due aerei di pattuglia in alto. Attacco iniziato.

ore 18.52, lanciò quattro siluri in posizione 39° 51′ N / 25° 48′ E da 4000 iarde. Tempo calmo, buona visibilità; rotta nemica e velocità 180°, 8 nodi. Un colpo ottenuto e azione per evitare intrapresa.

ore 19.20, nessun contrattacco, essendosi sviluppato, arrivò alla profondità del periscopio. Bersaglio fermato; poiché mi trovavo al centro di un semicerchio di sei navi AS (era apparso uno yacht armato), decisi di non lanciare un ulteriore siluro e mi ritirai. Sei bombe di profondità furono sganciate per un lungo periodo, nessuna nelle vicinanze.

ore 20.50, profondità del periscopio; la nave danneggiata era scomparsa e non credo che avrebbe potuto fuggire o essere stata rimorchiata via. Solo una nave AS era in vista, molto più a sud.

LA NOSTRA SHOTLINE ERA ARRIVATA accanto alla prua. Abbiamo iniziato a pinneggiare appena sopra il relitto, lungo il lato di tribordo fino a poppa, oltre il ponte, cercando le strutture molto specifiche dell'albero e della falchetta.

C'era un cannone sul castello di prua e uno a poppa vicino alla sala del timone ausiliario. Mancava l'imbuto ma l'elica e il timone erano al loro posto. Sebbene rimossi, entrambi gli alberi rimasero in posizione verticale.

Sul ponte di poppa. Foto: Ali E Keskin
Sul ponte di poppa. Foto: Ali E Keskin

Le stive erano vuote, con solo pochi barili di petrolio in giro. Questo era un altro indizio. Nantes trasportava legname, motivo per cui era rimasta a galla per circa un'ora dopo l'impatto del siluro e non c'era carico nelle stive.

Parte del carico che galleggiava in superficie era stato raccolto dai tedeschi e sbarcato a Moudros sull'isola di Lemno.

Non sono sicuro che sia stato effettuato qualche lavoro di recupero iniziale, ma tutto il resto sembrava essere intatto.

Misurando nuovamente la trave si sono ottenute le dimensioni previste. Nuotando indietro verso la linea di tiro lungo il lato sinistro, abbiamo potuto facilmente vedere i gravi danni provocati dai siluri sullo scafo di tribordo della stiva 1, esattamente come descritto nell'HMS Rorquale rapporto.

Guardare più tardi il nostro filmato in hotel ci ha dato motivo sufficiente per festeggiare durante l'happy hour l'identificazione positiva del relitto.

Ulteriori immersioni sono state effettuate sul Nantes e altri relitti da parte di tutti i subacquei nei giorni successivi, anche se le condizioni meteorologiche e la visibilità non erano affatto eccellenti.

Il gruppo prevede di riunirsi di nuovo questo settembre per immergersi nel relitto dell'incrociatore turco pony (originariamente la Breslau), che ho scoperto nel 1993 vicino ai Dardanelli, per commemorare il centenario del suo affondamento.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Steve Jaskoski
Steve Jaskoski
1 anno fa

Sto ricercando rapporti dell'intelligence britannica derivati ​​da comunicazioni cifrate tedesche e italiane, come decifrate, analizzate e riportate da GC&CS (Bletchley Park) ai comandi alleati nel Mediterraneo nell'estate del 1943. Per inciso mi sono imbattuto in due rapporti dell'intelligence britannica dalle comunicazioni dell'Asse sull'affondamento della Nantaise. Il primo, emesso da GC&CS alle 0217Z dell'8 agosto, riportava che la Nantaise era stata silurata alle 1620 del 7 agosto nella posizione 3951N 02546E. Il secondo rapporto, emesso alle 0743Z dell'8 agosto, indica che la Nantaise affondò entro le 1715 del 7 agosto nella posizione 3949.5N 02548.6E. Calcolando la differenza tra le due coordinate (che presuppone che entrambe siano stime accurate, il che potrebbe essere dubbio), sembrerebbe che la Nantaise avrebbe potuto viaggiare fino a 2 miglia nautiche nei 55 minuti circa tra il siluramento e l'affondamento.
Anche se il mio interesse principale non è la guerra navale, cerco gli affondamenti delle navi quando compaiono nel materiale su cui sto facendo ricerche e mi sono imbattuto nelle tue scoperte.
A scopo di riferimento incrociato, i due rapporti di intelligence si trovano negli Archivi nazionali del Regno Unito a Kew, Londra, nel riferimento di catalogo HW 20/139, e recano i seriali dei rapporti GC&CS di JP278 e JP301, rispettivamente.

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x