Il divieto delle microsfere accolto con favore dagli ambientalisti

archivio – Diving NewsDivieto delle microsfere accolto favorevolmente dagli ambientalisti

In a pledge to take action to reduce the plastic waste threatening to choke the world’s oceans and marine life, the UK Government has confirmed that it will introduce legislation this autumn to ban the sale and manufacture of microbeads in cosmetics and products such as toothpastes and shower-gels.

“Ogni anno otto milioni di tonnellate di plastica vengono gettate negli oceani del mondo, mettendo seriamente a rischio la fauna marina”, ha dichiarato il segretario all’Ambiente Michael Gove in una riunione al WWF Regno Unito annunciando la decisione, dopo un periodo di consultazione.

He said a start had been made to rectify the situation with the 5p carrier-Bags charge introduced in October 2015, and described this as an “enormous success”, cutting by 9 billion the number of plastic borse distributed, an 83% drop. He said that the charge had raised more than £95m that had been donated to good causes.

Gove ha anche affermato che, come parte di una rinnovata strategia sui rifiuti e sulle risorse legate all’uscita dall’Unione Europea, il governo esplorerà nuovi metodi per ridurre la quantità di plastica, in particolare bottiglie, che entrano nei mari del Regno Unito, migliorerà gli incentivi per ridurre i rifiuti e i rifiuti. e rivedere le sanzioni applicabili agli inquinatori.

Un gruppo di esperti aveva iniziato a considerare i pro e i contro dei diversi tipi di sistemi di deposito e di ricompensa e restituzione per i contenitori di plastica.

Gli attivisti ambientali di Greenpeace hanno risposto con entusiasmo all'annuncio di Gove affermando che: “Il governo del Regno Unito ha appena proposto il divieto più severo al mondo sulle microsfere fino ad oggi. Questa è un’ottima notizia per il nostro ambiente e un segnale positivo della leadership globale della Gran Bretagna nella lotta alla plastica negli oceani.

“Dobbiamo ancora tenere d’occhio i dettagli del divieto nella legislazione che verrà presentata quest’autunno. Ma l’annuncio del governo oggi ha chiarito che il divieto copre le cosiddette plastiche biodegradabili (poiché non ci sono prove che queste effettivamente si biodegradino nell’ambiente marino) e che tutti i prodotti cosmetici e per la cura personale contenenti microsfere saranno fuori dagli scaffali entro 30 giugno 2018 – un giorno prima che la stessa cosa accada negli Stati Uniti”.

Greenpeace ha affermato che è “fondamentale che i ministri abbiano lasciato la porta aperta per estendere in futuro il divieto a tutti i prodotti che finiscono in malora”.

Ha inoltre accolto con favore il sostegno del governo all’introduzione di un sistema di restituzione del deposito per le bottiglie di plastica in Inghilterra, a seguito dei progressi compiuti e di quello che ha descritto come un forte sostegno politico in Scozia.

Negli ultimi 18 mesi la Marine Conservation Society (MCS) ha condotto una campagna con Greenpeace, la Environmental Investigation Agency e Fauna & Flora International per ottenere il divieto delle microsfere.

“It is a hugely important first step,” said MCS Head of Pollution Dr Laura Foster. “However, there are lots of products that are not included in the ban which will continue to be made and sold that contain microplastic ingredients.

“Il prossimo passo dovrebbe essere quello di considerare l’estensione della portata del divieto a più prodotti di uso comune come creme solari e cosmetici”.

* INTANTO UN ALTRO Un’indicazione della portata del problema dell’inquinamento degli oceani è arrivata con un rapporto secondo cui un vasto “vortice” o accumulo di detriti di plastica è stato localizzato nel Pacifico meridionale.

I ricercatori ritengono che potrebbe coprire fino a 1 milione di miglia quadrate, ovvero le dimensioni del Kazakistan.

Come il vortice precedentemente trovato nel Pacifico settentrionale, questo è stato formato da correnti e venti che si sono combinati per concentrare i rifiuti in un'unica area.

Il rapporto proviene dalla Algalita Marine Research Foundation, che opera principalmente nell’area attorno alle isole di Pasqua e Robinson Crusoe, anche se deve ancora pubblicare un documento formale.

Si dice che la maggior parte dei detriti di plastica siano sotto forma di frammenti più piccoli dei chicchi di riso, che possono facilmente passare nella catena alimentare.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

28-lug-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x