Il “camper marino per microbi” sta uccidendo i coralli

archive – Diving News’Marine motorhome for microbes’ is killing coral

The focus on plastic pollution in the oceans has until now been on the dangers of it entering the food-chain. But new research from the USA’s Cornell University indicates that the problem is considerably greater, with plastics joining forces with climate-change to kill coral reefs.

Lo studio, appena pubblicato in Scienze, suggerisce che, poiché i detriti di plastica sono fortemente popolati da batteri, quando entrano in contatto con il corallo la probabilità di contrarre malattie aumenta di venti volte, dal 4 all'89%.

Tale contatto intensifica gli effetti di un gruppo di devastanti malattie dei coralli che includono le “sindromi bianche”.

Over four years the scientists surveyed 159 coral reefs in the Asia-Pacific region, in Indonesia, Australia, Burma and Thailand, visually examining almost 125,000 reef-building corals for tissue-loss and disease lesions.

They found that the number of plastic items on reefs varied widely, from 0.4 items per 100sq m in Australia rising to 25.6 items in an equivalent area in Indonesia.

The scientists estimate that some 11.1 billion plastic items are already entangled on reefs across the Asia-Pacific region, and expect the figure to rise by 40% in the next seven years.

"I detriti di plastica si comportano come un camper marino per i microbi", ha detto l'autrice principale Joleah Lamb, ricercatrice post-dottorato alla Cornell che ha iniziato a raccogliere i dati mentre era alla James Cook University in Australia.

“La plastica è un contenitore ideale per colonizzare organismi microscopici che potrebbero scatenare malattie se entrano in contatto con i coralli”.

Gli articoli in polipropilene, come i tappi delle bottiglie e gli spazzolini da denti, che possono essere fortemente infestati da batteri, rappresentano una minaccia particolare.

“Ciò che preoccupa riguardo alla malattia dei coralli è che una volta che si verifica la perdita del tessuto del corallo, non tornerà più”, ha detto Lamb. “È come avere una cancrena al piede e non c’è nulla che tu possa fare per impedire che colpisca tutto il corpo.

“Questo studio dimostra che la riduzione della quantità di rifiuti di plastica che entrano nell’oceano avrà benefici diretti per le barriere coralline riducendo la mortalità associata alle malattie”.

È possibile trovare il rapporto “Rifiuti di plastica associati a malattie sulle barriere coralline”. qui.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

26-gen-18

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x