I danni ai coralli delle Maldive minacciano la “sopravvivenza della nazione”

Notizie sulle immersioni

I danni ai coralli delle Maldive minacciano la “sopravvivenza della nazione”

Avvertimenti terribili sulla distruzione dei coralli e sul futuro delle Maldive sono stati emessi dall’organismo internazionale di conservazione Biosphere Expeditions, sulla scia della sua ottava spedizione annuale di indagine sulla barriera corallina. E lo sviluppo dei resort è tra le cause imputate.

“I coralli che costituiscono il fondamento dell’arcipelago delle Maldive sono morti o stanno morendo, seguendo la Grande Barriera Corallina lungo un percorso di catastrofico declino, morte e distruzione”, è la dura conclusione di un rapporto destinato ad allarmare i numerosi fan dell’arcipelago delle Maldive. popolare destinazione per le immersioni.

Biosphere Expeditions, membro della IUCN e del Programma ambientale delle Nazioni Unite, studia le barriere coralline delle Maldive dal 2011 e afferma che la copertura corallina sta diminuendo di anno in anno.

L'evento di sbiancamento dell'anno scorso causato dal cambiamento climatico globale e dall'aumento della temperatura del mare ha ucciso molti coralli, dice, e quest'anno "la maggior parte delle barriere coralline sono state ancora più devastate, con segni di morte e distruzione ovunque".

“Naturalmente ci sono sempre opportunità per una certa ripresa, ma il problema è che gli impatti continuano ad aumentare: sedimentazione, inquinamento, riscaldamento degli oceani, pesca eccessiva, acidificazione degli oceani, di tutto, è tutto qui alle Maldive, ed è per questo che le barriere coralline sono in pessime condizioni ed è improbabile che molte si riprendano", afferma lo scienziato della spedizione Dr Jean-Luc Solandt, esperto di coralli della Marine Conservation Society.

“In effetti, molte delle località nelle aree centrali da noi esaminate sono quelle in cui abbiamo registrato i cali più catastrofici, poiché lì l’intensità dell’impatto umano è massima”.

“Senza questa base corallina, non c’è un’economia, un paese o una base su cui vivere”, afferma il dottor Matthias Hammer, fondatore e direttore esecutivo di Biosphere Expeditions, “e le Maldive sono sul punto di distruggere questa base del loro sopravvivenza come nazione”.

La leader della spedizione Catherine Edsell riferisce che “quest'anno abbiamo visto investitori stranieri, in collaborazione con il Ministero del Turismo delle Maldive, recuperare 7 km di terreno per costruire isole turistiche simili a quelle di Dubai. Il dragaggio e lo scarico di milioni di tonnellate di sabbia soffocano i coralli nel limo e li uccidono per chilometri intorno”.

La copertura corallina interessata può tornare all’abbondanza pre-sbiancamento entro 12-15 anni, ma solo se non vi sono altre pressioni su di essa.

Oltre alla sedimentazione, all’acidificazione degli oceani e all’impatto umano, Rafil Mohammed della ONG locale Reef Check Maldives afferma che “la pesca eccessiva dilagante è un altro problema serio. Ogni anno ci sono più visitatori, una maggiore domanda di pesce e una diminuzione delle popolazioni ittiche. Anche questa rappresenta una minaccia molto seria per il futuro del nostro Paese”.

È possibile trovare i rapporti di ricerca di Biosphere Expeditions dal 2011 al 2016 qui.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x