Navi perdute della battaglia di Oinousses

SUBACQUEO DEL RELItto

Navi perdute della battaglia di Oinousses

Il cacciatore di relitti turco SELCUK KOLAY fa ancora un'altra scoperta, questa volta di due navi storicamente significative: ma cos'era questo enorme oggetto a forma di campana trovato tra i cannoni? Principale fotografia di ALI ETHEM KESKIN

0219 oinousses principale

Selcuk Kolay e Kaya Yarar fissano una corda all'oggetto a forma di campana trovato su uno dei relitti... Riquadro: Potrebbe essere stata una pentola, come si vede in questo vecchio dipinto? Prima d'ora non era stato trovato nulla del genere su un relitto del genere.

UN PAIO D'ANNI FA, Stavo effettuando una ricerca sonar nel Mar Egeo alla ricerca di un vecchio piroscafo a ovest di Karaburun vicino a Izmir, ignaro di essere vicino a fare un'importante scoperta nautica.

Stavo esaminando la zona linea per linea quando ho notato alcuni pescatori che schieravano le loro reti e i palangari in un punto particolare.

Ho parlato con loro e ho scoperto che, anche se non sapevano cosa giaceva sul fondo del mare nella zona, a volte raccoglievano vecchi legni e “pezzetti” nelle loro reti.

Una ricerca sonar a scansione laterale durata un paio d'ore, utilizzando le alte frequenze per una risoluzione più elevata, ha rivelato due bersagli piuttosto piatti a circa 70 metri di distanza.

Osservando le immagini ho potuto facilmente distinguere sottili linee sparse che potrebbero essere interpretate come cannonate. Ero convinto che stavo guardando vecchi galeoni.

Una rapida immersione con l'amica Kaya Yarar ha rivelato che stavamo effettivamente osservando i resti di due vecchi galeoni, che giacevano uno vicino all'altro a una profondità di 65 m.

Il numero di cannoni di bronzo lunghi tra 1 e 4 metri, enormi ancore e altri oggetti era travolgente. Ma la grande sorpresa è arrivata quando abbiamo scoperto un enorme oggetto di bronzo a forma di campana che giaceva accanto al cannone.

Abbiamo documentato tutto ciò che abbiamo visto con una action-camera. Avevo la posizione, quindi ho continuato con la ricerca sonar del piroscafo, che ho localizzato pochi giorni dopo.

Apparso su DIVER agosto 2017

DI NUOVO A ISTANBUL, Ho iniziato a indagare su cosa potessero essere i due vecchi relitti. Dopo alcune ricerche d'archivio e la consultazione con il produttore di documentari Savas Karakas, ero abbastanza sicuro che dovessero essere collegati alla battaglia di Oinousses, avvenuta tra le flotte ottomana e veneziana più di 300 anni fa, il 9 febbraio 1695.

0219 cannone innocuo
Cannone sul sito.

Questa battaglia iniziò al largo di Capo Karaburun nell'Anatolia occidentale. La flotta veneziana era composta da 21 velieri di linea, cinque galee e 21 galee, al comando dell'ammiraglio Antonio Zeno, mentre la flotta ottomana vantava 20 velieri di linea e 24 galee al comando del Kapudan (ammiraglio) Mezzo Morto Huseyin Pascià. La battaglia si concluse con una sconfitta per i veneziani, con tre delle loro navi da 60 cannoni, Stella Maris, Leon Coronato e Drago Volante, fatte saltare in aria, mentre la San Vittorio fu così gravemente danneggiata che dovette ritirarsi.

I due relitti da me individuati dovevano essere quelli della Stella Maris e della Leon Coronato, perché la prima era stata registrata sotto il fuoco, con

Leon Coronato si affianca in suo aiuto. Si dice che le due navi siano affondate fianco a fianco.

Ho anche appreso che i ricercatori greci avevano effettuato ricerche approfondite negli ultimi anni, sperando di localizzare questi relitti nelle loro acque territoriali.

Poiché ho un background ingegneristico piuttosto che archeologico, tendo a preferire essere coinvolto nella ricerca sui relitti dell'era del vapore, compresi i sottomarini di quest'epoca.

Quindi, trattandosi di una scoperta archeologica, ho riferito della mia scoperta al dottor Harun Ozdas, responsabile dell'archeologia subacquea presso l'Istituto di scienze e tecnologie marine dell'Università del 9 settembre a Izmir.

Era piuttosto emozionato da quello che gli avevo detto e decise di organizzare una spedizione per ulteriori studi sui relitti.

ENTRO FINE GIUGNO la nave da ricerca dell’istituto K Piri Reis è stata mobilitata con il permesso del Ministero del Turismo e della Cultura turco e il finanziamento del Ministero dello Sviluppo. Alla spedizione ha preso parte anche la mia barca da immersione/ricerca Milonga.

Durante la spedizione si sono uniti a un team di subacquei tecnici esperti con rebreather e attrezzatura a circuito aperto che utilizzano trimix 18/45 e nitrox 50, operatori di ROV e droni, esperti di sonar e un medico. Questa è stata anche un'altra occasione per Savas Karakas e il suo team di realizzare un documentario per IZ TV.

0219 manufatti infausti
Altri oggetti nel sito.

Sebbene le condizioni meteorologiche tendano ad essere per lo più sfavorevoli in questa regione durante tutto l'anno, godremo di mari abbastanza calmi durante tutto il periodo della spedizione. Usando le mie precedenti coordinate, abbiamo iniziato con un po' di lavoro di scansione laterale per valutare il sito, e anche per cercare la terza nave veneziana, Drago Volante, anche se inutilmente.

Partendo dal presupposto che questo relitto dovesse trovarsi nelle acque greche, abbiamo deciso di concentrarci sugli altri due relitti che avevo trovato.

Dopo aver contrassegnato il relitto sul quale avevo visto il grande oggetto a forma di campana durante la mia immersione di ricognizione, abbiamo fatto scendere il ROV. Tutti a bordo si sono rallegrati quando abbiamo visto che il proiettile era caduto proprio accanto all'oggetto, che il dottor Ozdas ha deciso di sollevare per ulteriori studi.

Abbiamo fatto un piano di immersione. Ha preso la prima squadra di subacquei video riprese del sito, poi è stato il mio turno di immergermi con Kaya Yarar per fissare una corda in modo che l'oggetto potesse essere sollevato utilizzando la gru della nave da ricerca.

Siamo stati seguiti dal fotografo subacqueo Ali Ethem Keskin, che ha scattato nostre foto e anche scatti fotogrammetrici del sito per i successivi lavori di mosaico.

Dopo l'immersione non ero convinto che il metodo di sollevamento scelto avrebbe funzionato perfettamente e, dopo aver collaborato con il dottor Ozdas e il suo equipaggio di coperta, abbiamo deciso di posizionare una rete sotto l'oggetto per sicurezza. La mattina dopo un'altra squadra si è tuffata con la rete per prepararsi a riporre l'oggetto al suo interno.

POCO PRIMA DEL TRAMONTO, eravamo pronti a issarlo sul ponte del K Piri Reis. Dopo circa 15 minuti dall'inizio dell'operazione, i subacquei vicino alla superficie che lo guardavano risalire hanno dato il segnale di via libera per riportarlo sul ponte.

È stato un momento emozionante, accompagnato da molti applausi e dal suono del clacson della nave quando l'oggetto è atterrato sano e salvo sul ponte, 323 anni dopo essere stato disperso in mare.

Pochi giorni dopo è stato consegnato al Museo Cesme per l'inizio dei lavori di conservazione. Dalle prime analisi è emerso che l'oggetto era costituito da fogli di lega di rame rivettati insieme e presentava due grandi manici su ciascun lato, vicino all'imboccatura.

Nessun oggetto del genere era mai stato scoperto prima in un naufragio, quindi il team del dottor Ozdas e gli esperti di istituti americani e britannici hanno iniziato a lavorare sul puzzle. Le ipotesi iniziali sono che l’oggetto potrebbe essere un gigantesco calderone della cambusa della nave.

Dato che il sito del relitto sembra così promettente e storicamente importante, il dottor Ozdas ha già fatto domanda al Ministero per ulteriori scavi, che potrebbero rivelare altri oggetti interessanti.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x