Lezioni dal lockdown

Stendardo di Trewava

Lezioni dal blocco

CON TANTO TEMPO trascorsi nelle nostre case, è diventato di moda chiedersi: cosa ho imparato durante il lockdown?

La mia risposta sarebbe: sorprendentemente poco. Anche se ho imparato l'impressionante portata della mia autoillusione. Tutti quei piccoli compiti fastidiosi che mi ero detto che avrei affrontato “se solo avessi avuto abbastanza tempo” stanno ancora aspettando di essere svolti. Per esempio:

Pulisco adeguatamente la sporcizia dal fondo della mia cassa da immersione invece di limitarmi a spruzzarci un po' d'acqua dolce attorno. Quindi trovare una casa (o cestinare) gli O-ring, gli anelli a D e i vari micro-widget che hanno formato una piccola comunità negli angoli della cassa.

È molto più semplice riporle tutte in una custodia di riserva o nasconderle in una sezione casuale del cassetto delle posate in cucina.

Incollare quella parte rovinata e usurata sopra lo stivale del mio muta stagna. Conosci l'area che intendo: è il punto in cui lo stivale incontra il tessuto nella parte posteriore della caviglia. Ciò potrebbe sicuramente richiedere un po' di attenzione...

Ma prima dovrei trovare quel tubetto di adesivo in neoprene, mezzo spremuto e che si rapprende. Devo averlo nascosto in un posto non ovvio. Non è nel cassetto delle posate.

Mentre frugo ulteriormente, scopro che la mia immersione-computer sembra che abbiano bisogno di cambiare la batteria. Super fastidioso per entrambi uscire allo stesso tempo. Perché succede sempre?

Il cinturino del mio antico (terzo) ricambio si è completamente disintegrato. Senza riparazione, è solo un grumo inutile.

L'elenco delle "cose ​​da fare" si allunga all'infinito. Mi piacerebbe affermare che la mia motivazione per affrontarlo è evaporata in modo direttamente proporzionale all'opportunità di fare immersioni. Ma è delirante.

Mi viene in mente l'immagine di un'amica seduta sul ponte dopo l'immersione, che mescola lo zucchero nel tè con l'estremità di un pettine. "Una volta troia, sempre troia!" annunciò allegramente a tutti i presenti.

Onesto e spudorato: sempre la migliore politica.

SUBACQUEO marzo 2021

ALTRE RIVELAZIONI SUL LOCKDOWN: Ho iniziato a stare sotto la doccia la mattina e ad abbassare la temperatura. Sembra masochista, ma è la cosa più vicina a quel "whoah-oh-oh!" sensazione di colpire l'acqua quando salti giù dalla barca.

Quelle foto impressionanti di fantastiche creature marine scattate da fotografi di merda e pubblicate su Facebook? Mi sono reso conto che questi sono i miei porno da lockdown. Video di subacquei che incontrano balene, delfini, foche. Squali. Blennies. Praticamente tutto ciò che è sott'acqua. Ho imparato che le ore possono passare e continuo a guardarlo in loop, come un idiota.

Mi manca l'odore del mare. Essere colpiti in faccia da un grosso pezzo di spruzzo mentre il RIB salta sulle onde. Sciacquarmi via l'acqua salata dai capelli alla fine della giornata.

Ho imparato che la cosa più vicina a questa esperienza è guardare Cornovaglia: questa vita da pesca su BBC 2.

Avvicinando il viso alla TV e cercando di ricordare il caratteristico odore pungente delle nasse e delle reti nei porti. Ammirando la dimostrazione di robusta resilienza.

E ho imparato che la prossima volta che andrò a immergermi, mi ritroverò sicuramente con una pozzanghera fredda e vischiosa nello stivale destro del mio muta stagna. Nessuno tranne me da incolpare. Lo desidero assolutamente.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x