Colpi assassini

ORCA SUBACQUEA

MICHAEL AW non è mai del tutto soddisfatto delle sue fotografie di orche nei fiordi norvegesi, ma questo gli dà la scusa di cui ha bisogno per continuare a tornarci ancora.

Alla scoperta delle Orche in Norvegia

ERA SOLO ALL'INIZIO Negli anni '1990 gli appassionati di fauna selvatica appresero che in inverno le orche assassine (Orcinus orca) potevano essere prevedibilmente avvistate nei fiordi della Norvegia nordoccidentale. La scoperta ha dato vita a un’industria locale di osservazione delle balene.

Poi gli appassionati più coraggiosi si tuffarono nelle acque gelide e scoprirono che era possibile nuotare in mezzo a questi apici predatori oceanici.

Il banchetto delle Orche ae Fiordi

Sarebbe insensato pensare che le orche abbiano iniziato a frequentare i fiordi solo negli anni ’90. Questi predatori gregari sono noti per avere enormi appetiti e si riuniscono lì per una festa annuale.

0118 visibilità delle orche
La visibilità e le condizioni di luce possono essere molto utili per i fotografi.

Un'orca adulta divora più di 50 kg di pesce al giorno e, a seconda di chi fa i conti, è stato segnalato che oltre 700 orche assassine si presentano nei fiordi con una cosa in mente: mangiare, e mangiare. molto.

Sono lì per cenare con succulente aringhe dell'Atlantico (Clupea harengus), ognuna uno spuntino succoso, oleoso e nutriente di 30 cm. E i banchi migrano nei fiordi in enorme abbondanza: 9 milioni di tonnellate!

Le aringhe dell'Atlantico forniscono sostentamento non solo alle orche ma anche alle persone su entrambe le sponde dell'Atlantico. L'aringa media pesa circa 300 grammi, quindi una stima di 9 milioni di tonnellate è fuori scala. In quanto tale, un tempo si pensava che la deposizione delle uova primaverile nell'Atlantico producesse una fornitura inesauribile di pesci.

Fiorendo a una profondità di oltre 100 metri, questo strato (a sua volta spesso più di 100 metri) di aringhe vive sulla piattaforma continentale tra Islanda e Norvegia. Trovando sicurezza nei numeri e nell'oscurità a quella profondità, le aringhe prosperano grazie al plancton durante i mesi estivi.

È documentato che migrano verso acque meno profonde nei mesi invernali e la scienza ha una probabile spiegazione per questo esodo. In inverno, il movimento delle correnti fredde provenienti dall'Islanda diventa più forte, creando una barriera fredda tra lo stock di aringhe e la costa occidentale, e spingendo le aringhe verso est.

Ora, immagina di essere una singola aringa tra i 9 milioni di tonnellate della tua specie, che sfreccia sulla piattaforma continentale. Lo spazio immobiliare sarebbe piuttosto ristretto e la vita potrebbe essere soffocante.

Tutto ciò che serve è che un'aringa coraggiosa guidi la corsa nel vasto sistema di fiordi della Norvegia nordoccidentale.

Una breve storia delle orche e delle aringhe nei fiordi

LA STORIA CONSIGLIA che le aringhe e le orche entrano nei fiordi da molto tempo. La documentazione archiviata del XVII secolo rivela che c'erano così tante aringhe che le persone potevano letteralmente raccoglierle dalla riva con le reti.

Su una scogliera che domina il Tysjord, gli archeologi hanno trovato una scultura a grandezza naturale di un'orca risalente a 9000 anni fa, risalente all'età della pietra. Quindi possiamo supporre che fossero nei fiordi molto prima dell'arrivo dell'uomo moderno.

La scomparsa e il ritorno delle orche

Il cambiamento è arrivato solo ai nostri tempi. Nel 2007, le aringhe non si sono presentate e presto le orche hanno seguito l'esempio. Il collasso dello stock di aringhe è stato dovuto alla pesca eccessiva o a un evento naturale? Nessuno lo sapeva davvero, ma era una brutta notizia sia per le orche che per l'industria del turismo.

Da allora, abbiamo cercato luoghi con buone probabilità di interagire con le orche nei loro ambienti. Esistono diversi posti nel mondo in cui è prevedibile trovarli, ma l'interazione con loro è strettamente regolamentata e, nella maggior parte dei luoghi, vietata.

Li abbiamo visti in Australia, Sud Africa, Nuova Zelanda, Sri Lanka e Galapagos, ma gli avvistamenti sono stati nella migliore delle ipotesi casuali o fugaci.

Nell'inverno del 2012 giunse notizia aneddotica che le orche erano state nuovamente avvistate nei fiordi norvegesi, nelle vicinanze di Senja e Tromso. Le aringhe devono essere tornate!

Da allora, sia le barche da pesca che quelle per l'osservazione delle balene sono tornate in attività, seguendo le aringhe e trovando le orche. La stagione 2013/2014 è stata un successo non solo per i pescatori e gli operatori turistici, ma per il pinna e anche le megattere. Proprio come le orche, anche loro seguirono le aringhe.

Immersioni con le Orche: il primo viaggio

Così nel 2015 ho riunito una piccola squadra per avventurarmi nell'Artico norvegese a 69° N, per nuotare a temperature gelide con le orche mentre banchettavano.

Abbiamo immaginato un momento del Pianeta Blu, in cui le orche tagliavano polpette di pesce dal banco di aringhe e le portavano in superficie per schiacciarle con i loro colpi di fortuna, stordendo la preda prima di ingerirle una alla volta.

PER IL MIO PRIMO SOGGIORNO con le orche ho volato da Oslo a Evennes, proprio nei quartieri dei fiordi della Norvegia nordoccidentale. Avrei trascorso solo cinque giorni in acqua, con un'escursione di una settimana su un secchio d'acqua solido ma arrugginito, il mv Sula.

Ero ambizioso, anche se questa era solo una missione esplorativa. Lavorare con temperature dell’acqua di 3-4°C, avvolti in cappucci soffocanti e mute stagne sotto venti ululanti, non è né facile né divertente, soprattutto alle alte latitudini dove il sole splende raramente. La luce del giorno praticabile dal 6 al 13 gennaio, anche con la fotocamera più avanzata in grado di funzionare in condizioni di scarsa illuminazione, è al massimo di circa due ore.

Siamo stati sfortunati. La prima notte fuori dal porto, il gommone Haarek di 8 metri della Sula affondò misteriosamente. Quella era stata la nostra barca da caccia per le orche.

0118 orche attive in superficie
Le orche sono molto attive in superficie.

Tra noi otto, ora dovevamo fare a turno per usare una paperella di gomma che poteva trasportare solo quattro snorkeller alla volta in sicurezza, dando a ciascun gruppo circa un'ora di tempo in barca ogni giorno.

Considerando che ognuno di noi aveva pagato 3800 euro per il viaggio, quelle ore giornaliere sulla papera sono costate circa 3000 euro!

Tuttavia, abbiamo trovato orche ogni singolo giorno, anche se con condizioni di vento di 15-25 nodi. A causa del vento, del mare mosso e dell'uso improvvisato di una barca da caccia decisamente sottodimensionata, nel corso di cinque giorni ogni gruppo è riuscito a tuffarsi in mare per un totale di tre volte!

Abbiamo visto le orche nel loro ambiente, caricare come siluri bianchi e neri attraverso il banco di aringhe e le balene megattere, e

è stata un'esperienza che ha fatto esplodere la nostra adrenalina.

Un momento che ci ha tolto il fiato è stato quando le orche si sono avvicinate e sotto di noi, proprio di passaggio. Rispetto alla loro agilità e rapidità, mi sentivo come un ottantenne.

L’ultimo giorno sono riuscito a posizionarmi proprio sul percorso delle orche. Il sole si era ritirato dietro l'orizzonte ma io ero in acqua con le orche allo stato brado, a distanza ravvicinata, nel loro regno. Sono predatori intelligenti, eppure non hanno mostrato aggressività.

La seconda spedizione: mirare a colpi migliori

Sono tornato da quel primo viaggio con solo cinque fotogrammi di immagini appena utilizzabili.

Non buono abbastanza. Avevo programmato un secondo viaggio a metà gennaio dell'anno scorso e questa volta ho noleggiato la Malmo, gestita da Marlynda Elstgeest di Waterproof Expeditions.

Rispetto alla Sula, la Malmö era un'impresa di spedizione a 5 stelle.

Ancora una volta avremmo dovuto trascorrere cinque giorni alla ricerca delle orche, ma questa volta la spedizione sarebbe iniziata il 15 gennaio e sarebbe partita da Harstad, due ore a sud di Tromsø. Iniziando una settimana dopo rispetto all’anno precedente, abbiamo guadagnato circa 30-40 minuti di luce ogni giorno. E questa volta abbiamo visto il sole sorgere sopra l'orizzonte, inondando i fiordi di splendide sfumature di rosa, magenta e arancione.

Sembrava di buon auspicio e i primi due giorni mi hanno regalato fugaci incontri con branchi di circa 50 orche.

Poi arrivò un fronte freddo e nei giorni successivi fummo afflitti da neve, un vento terribile e un cielo coperto.

Le mie foto erano migliori ma, secondo i miei standard, l'esperienza non era ancora abbastanza buona. Avevo bisogno di tornare con un piano migliore.

Il piano definitivo: terzo viaggio con una barca privata

Il mio buon amico Eirik Grønningsæter, fotografo naturalista e specialista della regione polare, ha ideato un piano astuto. Abbiamo coinvolto solo noi due con uno skipper esperto su una piccola e veloce barca privata che operava al largo di Tromsø per le prime due settimane di novembre.

Il tempismo, si è scoperto, era perfetto. Per la prima settimana ci siamo alzati per goderci 5.5 ore di luce diurna, anche se questa è diminuita di circa 10 minuti ogni giorno.

Il tempo però è stato dalla nostra parte, quindi abbiamo potuto partire tutti i giorni.

Per un massimo di sei ore al giorno andavamo in barca o sfrecciavamo attraverso i fiordi, con una temperatura dell'aria in media di 0°C. Anche se rimanevamo nelle nostre mute stagne, faceva un freddo gelido.

Nel corso di questi giorni ho sentito ogni incontro diventare sempre più intenso. Forse siamo stati in grado di navigare e leggere gli animali meglio rispetto alle spedizioni precedenti, rendendo le nostre interazioni in acqua più efficaci.

La magia di nuotare con le orche e il futuro

Per quanto ne sappiamo, la Norvegia è l’unico posto al mondo in cui è possibile nuotare facilmente con le orche nel loro regno, anche se alle loro condizioni. Dopo tre tentativi, sono tornato con alcuni scatti che “non erano poi così male”. Ho la scusa di cui ho bisogno per continuare a tornare per saperne di più, non tanto per le foto quanto per stare in compagnia di questi enigmatici individui del nostro oceano.

Finché 9 milioni di tonnellate di aringhe migrano nei fiordi in inverno, sono sicuro che anche le orche e le megattere saranno lì.

Ma se vuoi andarci presto: con la pressione dei pescatori commerciali, le aringhe presto spariranno, e così anche le orche. Nelle parole di Terminator: "Tornerò".

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x