Dormire Giant

Tony si sposta lentamente dentro e intorno alle canne dei fucili da 6 pollici. Anche a più di 70 metri, la luce del sole splende sui trincarini di babordo
Tony si sposta lentamente dentro e intorno alle canne dei fucili da 6 pollici. Anche a più di 70 metri, la luce del sole splende sui trincarini di babordo

HMS Manchester lies off Tunisia in 85m of water – MATT OUTRAM recently led an expedition to explore it. Fotografia by Chris Simons

LO SGUARDO DEL VISO dell'autista della Jeepney all'aeroporto di Tunisi ha indicato di essersi appena reso conto di come fossero realmente una mezza tonnellata di attrezzatura per rebreather e 10 corpulenti inglesi.

La Jeepney era accogliente e con una temperatura esterna di 45°C, un po' più calda di quella a cui eravamo abituati.
A Kelibia il nostro ospite, Selim, ci ha colpito con una notizia bomba.

"Ciao, benvenuto a Odysea Diving", ha detto. “Il nostro permesso è sospeso; non ci saranno immersioni sulla HMS Manchester questa settimana."

Siamo rimasti a bocca aperta quando abbiamo saputo che la settimana precedente un'escursione per immergersi nelle acque al largo di Kelibia era stata non autorizzata e che la conseguenza di ciò era stata la sospensione del nostro permesso.

La nostra storia d'amore con la HMS Manchester era iniziata circa sei anni prima, in seguito a un viaggio che avevamo fatto a Narvik.

Chris mi aveva presentato a Crispin Sadler, che aveva recentemente prodotto un programma televisivo sul relitto intitolato Running the Gauntlet.

Il Manchester, varato nell'agosto del 1938, pesava 11,930 tonnellate, era lungo 180 metri e poteva raggiungere una velocità massima di 32 nodi.

Il relitto, ritrovato nel 2002 da Simon Bennett, era l'incrociatore leggero britannico più intatto mai scoperto al mondo.

Crispin mi ha raccontato come, durante la Seconda Guerra Mondiale, la HMS Manchester fosse stata coinvolta nell'Operazione Pedestal, una missione per fornire cibo e carburante agli isolani maltesi.

Era stato assemblato un convoglio di 14 navi mercantili da rifornimento, protetto da navi da guerra tra cui tre portaerei, due corazzate e altre divise in due forze, Forza Z e Forza X, una delle quali conteneva l'incrociatore leggero.

Tuttavia, durante la navigazione attraverso i campi minati tra l'Africa e la Sicilia, il convoglio cadde in un'imboscata da parte di 15 torpediniere tedesche e italiane in agguato al largo di Cap Bon, in Tunisia.

La mattina presto del 13 agosto 1942, le imbarcazioni elettriche italiane MS16 e MS22 silurarono la Manchester a dritta.

Con la nave gravemente danneggiata, il capitano Harold Drew decise che, piuttosto che far catturare i suoi segreti, compreso il suo apparato radar, dal nemico, avrebbe dovuto essere affondata - una decisione per la quale fu successivamente sottoposto alla corte marziale.

All'alba, Manchester scivolò sotto le onde, stabilizzandosi infine a dritta a 85 metri.

Quando l'operazione Pedestal raggiunse Malta due giorni dopo, i maltesi avevano esaurito le ultime settimane di rifornimenti.

Tuttavia, l'operazione ha fornito con successo ai maltesi 32,000 tonnellate di merci, compreso carburante sufficiente per durare molte altre settimane.

Dopo una serie di ansiosi giorni di attesa, per fortuna, ci è stato permesso di immergerci sulla HMS Manchester.

Avevamo l'uso della barca, del compressore e delle bombole di Odysea, e il nostro team di immersioni di nove uomini prevedeva di utilizzare rebreather a circuito chiuso con una scelta di gas standard di diluente 10/52 e salvataggio di 12/43 e 80%.

Durante il viaggio verso il sito di immersione, abbiamo chiesto gentilmente allo skipper se poteva sparare a prua o a poppa.

Cancellando un momentaneo "sarai fortunato!" Con il sorriso dello skipper sul suo volto allegro, ci ha detto che la sua boa era a centro barca, ma che forse sarebbe stato possibile.

Una stazione deco a 9m, 6m e 4.5m con bombole da 12/43, 50% e 02 è stata allestita dai nostri due subacquei di supporto.

Nel grande blu dell'acqua del Mediterraneo, durante la discesa abbiamo sentito enormi termoclini. La temperatura dell'acqua in superficie era di 24ºC, la temperatura sul relitto di 14ºC.

Un tempo di fondo di 30 minuti non ha fatto altro che aumentare l'attesa: non c'era modo di aggirare l'intero relitto, ma cosa avremmo potuto vedere in quel tempo?

Alla fine il relitto apparve a circa 60 metri, e incredibilmente la linea di tiro stava scendendo sul fondo del mare oltre la chiglia e appena dietro la prua!

Ottima banana, skipper: sei stato semplicemente modesto!

La forma dello scafo di sinistra e dei trincarini divenne sempre più chiara e netta e così, con entusiasmo, ci dirigemmo oltre i trincarini e a poppa verso la torretta A.

I sommozzatori Matt e Ian si alzano per ammirare le enormi dimensioni della torretta e dei cannoni.
I sommozzatori Matt e Ian si alzano per ammirare le enormi dimensioni della torretta e dei cannoni.

Ragazzi, questo è stato un enorme disastro!

Avvicinandoci alla torretta A, abbiamo notato che il ponte di prua e le catene dell'ancora erano ancora lì, ma che la sezione di prua sembrava essersi tagliata via.

La nostra attenzione si spostò presto sui cannoni da 6 pollici, puntati direttamente sul ponte di prua.

Il nostro cervello si è adattato automaticamente alla lista a dritta. Tutto era intatto e immediatamente riconoscibile – che spettacolo!

Tony scivolò lentamente dentro e intorno ai barili da 6 pollici e, anche a più di 70 metri, la luce del sole splendeva sui trincarini di babordo.

Muovendosi a poppa, i tre cannoni da 6 pollici della torretta B puntano maestosamente in avanti sopra la torretta A, ma sono anche diretti leggermente a sinistra e quasi verso il cielo.

Ian Smith e io ci siamo fermati per ammirare le enormi dimensioni della torretta e dei cannoni.

Era sconcertante notare i dettagli della corazzatura e degli infissi rimasti sul ponte, anche se notammo anche che i sommozzatori cominciavano a sollevare un po' di limo fine e torbido mentre pinnavano.

Per quanto volessimo soffermarci per assorbire tutto, dovevamo andare avanti e il ponte faceva cenno.

ABBIAMO PASSATO IL NOSTRO ALTRO FOTOGRAFO, Patrick Vanstraelen, mentre tornava da centro nave.

Poi Manchester ha rivelato la sovrastruttura del ponte di porto. In cima c'erano i resti dei principali telemetri e comandi dell'artiglieria, anche se l'albero del treppiede che sarebbe stato immediatamente dietro di loro sembrava mancare.

Di fronte ai telemetri c'era l'area esposta del ponte dove il Capitano Drew e i suoi ufficiali avrebbero avuto il comando della nave.

Un ponte più in basso, le finestre rettangolari con i vetri scorrevoli erano intatte.

Un oblò era aperto, presumibilmente come lo era quando il Manchester affondò.

Closer to the port ala of the bridge, Paul Flaherty inspected a gun in the foreground, while aft lay the remains of the turrets of 4in guns that made up the secondary armament of the ship.

Sopra questi c'era un cannone antiaereo Bofors, puntato verso il cielo.

Paul si spostò quindi per esaminare la sezione anteriore del ponte aperto e trovò alcuni paraspruzzi e parabrezza con pannelli di vetro ancora intatti.

Kieran decise quindi di ispezionare un po' più da vicino la parte anteriore del ponte. Guardò nella timoneria e in seguito raccontò di aver visto il telegrafo e il telemotore intatti.

Kieran guarda nella timoniera, dove ha visto il telegrafo e il telemotore intatti
Kieran guarda nella timoniera, dove ha visto il telegrafo e il telemotore intatti

Erano passati venti minuti, quindi era ora di tornare allo scatto, anche se non senza fermarsi ad assaporare la vista di quelle canne dei cannoni della torretta B puntate verso il cielo.

Alcune pinneggiate delicate ci hanno riportato alla sezione di prua di sinistra, ma con pochi minuti rimanenti di fondo, Kieran Barry si è preso il tempo per apprezzare alcune castagnole residenti che avevano fatto la loro casa sullo scafo di babordo.

Le castagnole hanno fatto la loro casa sullo scafo di babordo
Le castagnole hanno fatto la loro casa sullo scafo di babordo

MENTRE SIAMO LENTAMENTE SALITI la linea verso gli altri subacquei davanti a noi sul trapezio deco, c'era tutto il tempo per riflettere su questa fantastica immersione.

Ci sono state ulteriori riflessioni post-immersione una volta tornati sul ponte, il subacqueo belga Olivier Bertieaux ha suggerito che la HMS Manchester era come un gigante addormentato, che apriva parzialmente un occhio per dare una sbirciatina a chiunque potesse disturbare il suo sonno.

Siamo rimasti sorpresi da questa idea piuttosto romantica proveniente da una schiena pelosa subacqueo tecnico con rebreather, ma sapevamo cosa intendeva.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x