Per chi suona la campana

Mark Bullen fotografato nel momento in cui scopre la campana dell'albero maestro
Mark Bullen fotografato nel momento in cui scopre la campana dell'albero maestro

Una campana scoperta rapidamente significava che l'identificazione arrivava subito dopo la scoperta di un relitto in acque profonde al largo della Cornovaglia meridionale.

Ora il sub che lo trovò, Leigh Bishop, rivela la storia del Kingsbridge, affondato nel 1874 carico di 3000 tonnellate di carico coloniale!

Tra gli altri manufatti c'è la piccola campana di poppa della nave, recuperata da Leigh Bishop nel giugno 2005.
Tra gli altri manufatti c'è la piccola campana di poppa della nave, recuperata da Leigh Bishop nel giugno 2005.

LO SKIPPER IAN TAYLOR MI HA GUARDATO e annuì. "Penso che sia pronta per immergersi", ha detto, riferendosi al flusso della marea.

"C'è ancora molto lì?" Ho chiesto.

Non molto, ma lo è tuffabile." Ian si era intrappolato in un altro relitto vergine e profondo per noi da esplorare.

Ha lanciato una moneta da 10 centesimi in mare e l'abbiamo osservata mentre scendeva nell'acqua blu, scintillando al sole mentre girava nelle profondità.

"Vis ha un bell'aspetto", ha detto. "Per voi oggi l'identificazione dovrebbe essere un gioco da ragazzi."

NOTIZIE da Kingsbridge
NOTIZIE da Kingsbridge

Era il 9 giugno 2005 e aveva tutti i segni di una di quelle classiche giornate di immersioni sui relitti. Il sole era alto, il mare calmo, i subacquei di buon umore mentre si aiutavano a vicenda con l'attrezzatura e le tute.

Ci eravamo avventurati a ovest di Weymouth nelle acque della Cornovaglia a bordo della barca per immersioni Skin Deep.
"Preparati allora," disse Ian con una nota di urgenza.

Ho gridato al mio compagno di immersione Mark Bullen, nel rumore dei motori: "Tutti i sistemi funzionano, Mark, cinque minuti, amico".

Bullen mostra la campana dell'albero di prua da lui scoperta, riportata in superficie dopo 132 anni.
Bullen mostra la campana dell'albero di prua da lui scoperta, riportata in superficie dopo 132 anni.

Mark conosce la procedura ed entrambi ci siamo tuffati su relitti vergini molte volte in passato, ma oggi sarebbe diverso. Il relitto lì sotto sarebbe diventato molto speciale per entrambi.

Mentre il nostro skipper girava la barca, Mark e io siamo entrati in mare con la nostra attrezzatura per immersioni tecniche, con le bombole di salvataggio montate lateralmente come supporto ai nostri rebreather a circuito chiuso.

È stato un sollievo liberarsi di tutto quel peso all'ingresso e scendere la linea di ancoraggio nell'acqua meravigliosamente limpida.

Lasciando la luce del sole e utilizzando solo il raggio di una torcia, il nostro primo lavoro una volta raggiunto il relitto è stato quello di legarvi il rampino, assicurando la discesa ai nostri colleghi di sopra.


Il mio manometro indicava 90 metri e, con la pressione parziale stabilizzata nelle nostre Ispirazioni, il relitto vergine era nostro da esplorare.

La scommessa sicura era quella di navigare lungo l'evidente lato dello scafo della nave finché i nostri occhi non si fossero adattati all'oscurità.

Potremmo percorrere una certa distanza senza preoccuparci di non riuscire a ritrovare la upline.

Seguendo Mark e dopo soli pochi metri nella nostra esplorazione, ho visto che lo scafo si era rotto. Sparsi davanti a noi c'erano alcuni piatti di porcellana dall'aspetto piuttosto ordinato.

Mark paused for further investigation but this was his Bags of china. I had no right to invade. I pushed on, and the hull once again began to take shape.

In poco tempo raggiunsi la fine del relitto. Quale fine, non lo sapevo.

Mi sono ritrovato a indagare su quella che sembrava essere la parte superiore di un relitto adagiato sul fondo del mare.

Il mio cuore quasi perse un battito quando realizzai ciò che stavo vedendo. Avrei giurato che fosse un campana della nave su una gruccia caduta sul ponte!

Possibile che l'identificazione fosse arrivata così presto? Era una campana, anche se piccola.

L'ho preso, ho strofinato il viso con le dita guantate e ho potuto sentire, anche attraverso la crescita marina, una certa rientranza su di esso.

Mark arrived, and patted me on the shoulder as a sign of respect. Without wasting time, our prize was sent on its way up in a rather large Bags.

In superficie, Ian aveva il suo bel da fare. Carl Spencer, che era lassù con lui, aveva scelto di non immergersi oggi. Ciò che avevamo scoperto era un clipper a vele quadre, con le stive piene di carichi coloniali!

Carl ricorda l'eccitazione in superficie: 'Le condizioni della superficie erano eccezionali, calma piatta e si poteva vedere per miglia.

All around us lift-borse were breaking the surface, but as we pulled that particular Bags out of the water we could hear the sound of a bell ringing.

Il capitano Taylor disse: "Quella sarà la campana della nave, allora!" IL l'oggetto all'interno sembrava piccolo, ma quando abbiamo aperto il sacco era ovviamente la campana, con il suo clacson ancora dentro e che suonava a squarciagola.

‘As we opened the other borse we were amazed at the fabulous and massive amounts of porcelain inside, plates, glassware, figurines and statues!

Su tutto il relitto si possono vedere stive piene di piatti, ciotole e altre stoviglie.
Su tutto il relitto si possono vedere stive piene di piatti, ciotole e altre stoviglie.

«Era irreale. È stato un giorno in cui mi pento di aver scelto di rinunciare all'immersione.'

Ian rimosse parte della crescita sulla campana e riuscì a distinguere il nome: "Kingsbridge London 1869". Avevamo effettuato un'identificazione positiva durante la nostra prima immersione.

Ian aveva i documenti d'archivio di molti dei relitti perduti nell'area nascosti all'interno della timoneria di Skin Deep, e anche prima che arrivassi in superficie aveva un resoconto completo della storia della nave.

Non lo sapevamo, ma giù in basso l'esplorazione continuava a nave che affondò in collisione durante il passaggio in Australia, carico di un carico coloniale valutato all'epoca a $ 40,000!

Abbiamo avuto scoperto un relitto con una classica storia marittima.

Il Kingsbridge, una nave di 1497 tonnellate, aveva lasciato Londra il 10 ottobre 1874, per un viaggio a Sydney, trasportando ben 3000 tonnellate di carico.

Soffiava una brezza moderata e nell'oscurità della prima serata il capitano Symonds poteva vedere chiaramente le luci della Cornovaglia sul suo fianco di dritta.

Alle 6.45:XNUMX, quattro giorni dopo, fu vista una luce verde sulla prua di sinistra.

L'ufficiale capo McDonald ascoltò il rapporto e salì sul ponte. Disse a Mills, l'uomo al timone, di tenere la nave vicino al vento.

A quel punto il capitano aveva raggiunto McDonald e osservarono la luce avvicinarsi.

Quando la luce verde della nave in avvicinamento fu a portata di voce, gridarono: "Nave ahoy!" Porta l'elmo!» Non ci fu risposta e il timone del Kingsbridge fu abbassato.

Il Kingsbridge a Campbell's Wharf Circular Quay a West Sydney, intorno al 1870.
Il Kingsbridge a Campbell's Wharf Circular Quay a West Sydney, intorno al 1870.

Nel giro di pochi minuti, proprio quando le vele furono alzate, avvenne la disastrosa collisione.

L'altra nave, la Candahar, colpì la prua del Kingsbridge sulla parte poppiera del sartiame principale del porto, tagliandola quasi a metà.

Tale fu la violenza dell'impatto che il Kingsbridge affondò nel giro di tre minuti sotto la prua della Candahar.

Molti membri dell'equipaggio si aggrapparono al bompresso e all'attrezzatura di prua della Candahar. Altri si gettarono in acqua e alcuni si salvarono.

La figlia del capitano suonava il piano. Lei e sua madre furono portate sul ponte dalla loro cabina dal primo ufficiale proprio al momento della collisione.

Insieme al capitano e ad otto membri dell'equipaggio, compreso il secondo ufficiale e il nostromo, affondarono con la nave.

Il Candahar era un altro clipper a vele quadre di 1418 tonnellate, anch'esso carico di carichi coloniali per l'Australia. Cominciò a imbarcare acqua e presto il suo compartimento di prua fu pieno.

La sua vela fu accorciata e lei salpò per Falmouth. Arrivò lì all'una del mattino e fece sbarcare i 1 sopravvissuti del Kingsbridge.

Il paesaggio della Cornovaglia è stato uno spettacolo gradito quando sono emerso dopo tre ore di decompressione. Tornati a bordo, era tempo di festeggiamenti, in stile Skin Deep.

È stato uno di quei giorni d'oro delle immersioni sui relitti che ricorderemo per gli anni a venire.

Con il nostro segreto meglio custodito di un nuovo relitto carico di carico, la seconda tappa delle esplorazioni sul Kingsbridge è iniziata nel giugno 2006.

Ora potremmo indagare ulteriormente sul carico, scattare foto e... video per ampliare la nostra conoscenza e comprensione del sito.

Il relitto giace completamente verticale su un fondale di ghiaia, sollevandosi di circa 5 metri nel punto più alto. Kingsbridge era una nave registrata Lloyds di classe A1 e le prove di ciò possono essere viste sul sito.

La posizione del timone è visibile a poppa, vicino al punto in cui si trovava la campana di poppa. Qui, dove il relitto troneggia fiero, si può vedere il timone, completamente intatto.

Con 3000 tonnellate di carico ancora presenti, comprese le stive piene di porcellane, il subacqueo in visita può essere facilmente distratto da queste aree del relitto.

Una stiva aperta espone centinaia di bottiglie.
Una stiva aperta espone centinaia di bottiglie.

Lo scafo di ferro e le stive contengono anche lamiere di rame, barre di metallo e ogni sorta di carico sconosciuto.

Senza dubbio la nave è affondata di prua, perché i danni sono gravi nel punto in cui ha colpito il fondo del mare.

Da qualche parte tra i rottami deve esserci una splendida polena, o almeno i resti di una.

La prua è a est, dove su un lato si può vedere una grande ancora di pescatore. Un'ancora più piccola, forse di riserva, si trova vicino a un enorme mucchio di macine.

È stato qui, durante un'immersione fotografica nel 2006, che Mark Bullen ha iniziato a strillare attraverso il suo bocchino Inspiration.

Mark Bullen esamina una sezione del quadrante dello sterzo.
Mark Bullen esamina una sezione del quadrante dello sterzo.

Confuso per il suo improvviso scatto d'ira, guardai oltre le sue spalle e lì, ben illuminata dalla sua torcia tra le macine, c'era la grande campana di una nave.

Infatti, il mio compagno di immersioni e grande amico aveva scoperto la campana principale dell'albero di prua della nave.

Con la limpidezza dell'acqua al suo meglio, ci siamo fermati e ci siamo presi un momento per scattare alcune fotografie di quel momento speciale.

Nel giugno 2007, due anni dopo la nostra scoperta iniziale nel giugno 2007, abbiamo iniziato una terza fase di esplorazione. Cominciammo a scoprire quanta varietà di carichi fosse presente sulla nave.

Abbiamo trovato statuette greche e caraffe di vetro molato.

Richie Kohler, subacqueo statunitense in visita, mostra una statuetta greca recuperata dal relitto.
Richie Kohler, subacqueo statunitense in visita, mostra una statuetta greca recuperata dal relitto.

I sommozzatori Teresa Telus e Barry Smith stavano scoprendo meravigliose figurine di porcellana, molte delle quali portavano figure di Cristo o motivi biblici.

Per 133 anni questa figura in porcellana di Cristo rimase orgogliosa sul fondale marino di sinistra.
Per 133 anni questa figura in porcellana di Cristo rimase orgogliosa sul fondale marino di sinistra.

Il Kingsbridge col tempo diventerà uno di quei classici relitti britannici da non perdere nella lista di qualsiasi subacqueo tecnico.

Barry Smith scarica la sua borsa di manufatti prima di mostrare con orgoglio il suo tesoro.
Barry Smith scarica la sua borsa di manufatti prima di mostrare con orgoglio il suo tesoro.

Per ora continueremo a registrare e documentare il sito e ci riteniamo fortunati di essere stati coinvolti nella storia britannica delle immersioni sui relitti.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x