Bobine GBR dal doppio colpo

archivio – Diving NewsGBR reels da double-hit

Per la seconda volta in 12 mesi, le rilevazioni aeree della Grande Barriera Corallina australiana hanno rivelato gravi livelli di sbiancamento dei coralli. L’anno scorso l’effetto è stato più estremo nel terzo settentrionale della barriera corallina, ma ora anche il terzo centrale ha subito un intenso sbiancamento dei coralli.

"L'impatto combinato di questo sbiancamento si estende per 900 miglia, lasciando indenne solo il terzo meridionale", ha detto uno dei due osservatori in entrambi gli anni, il professor Terry Hughes, direttore del Centro di eccellenza ARC per gli studi sulla barriera corallina. a Townsville.

“Lo sbiancamento è causato da temperature record dovute al riscaldamento globale”, ha affermato il professor Hughes. “Quest’anno stiamo assistendo a uno sbiancamento di massa anche senza l’aiuto delle condizioni di El Niño”.

Le ultime indagini hanno coperto più di 5000 miglia e le stime dei danni subiti da quasi 800 singole barriere coralline corrispondevano strettamente ai risultati del 2016.

“I coralli sbiancati non sono necessariamente coralli morti, ma nella grave regione centrale prevediamo alti livelli di perdita di coralli”, ha affermato James Kerry, collega osservatore del professor Hughes. “Ci vuole almeno un decennio per un completo recupero, anche dei coralli a crescita più rapida, quindi gli eventi di sbiancamento di massa a 12 mesi di distanza non offrono alcuna prospettiva di recupero per le barriere coralline danneggiate nel 2016”.

Il ciclone tropicale Debbie si aggiunse alla devastazione quando, alla fine di marzo, scavò una fascia larga fino a 60 miglia attraverso quella che fino ad allora era stata una barriera corallina relativamente sana.

La barriera corallina della GBR è “alle prese con molteplici impatti”, il più urgente dei quali è stato il riscaldamento globale, ha affermato il professor Hughes.

“Mentre le temperature continuano a salire, i coralli sperimenteranno sempre più eventi di questo tipo: 1°C di riscaldamento finora ha già causato quattro eventi negli ultimi 19 anni”. Gli altri due eventi si sono verificati nel 1998 e nel 2002.

“In definitiva, dobbiamo ridurre le emissioni di carbonio, e la finestra per farlo si sta rapidamente chiudendo”, ha affermato il professor Hughes.

Le indagini aeree sono state, come nel 2016, supportate da approfondite ricerche in acqua pubblicate su Nature.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

11-Apr-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x