Venerdì il 13th

CARIBBEAN DIVERVenerdì 13 – Barriere coralline, ribelli e creatori di regole

Il nome Barbados evoca immagini di lussureggianti spiagge sabbiose, palme e negozi di rum e vi sono elencati circa 35 siti di immersione. Ma perché, si chiede l'apneista MARCUS GREATWOOD, l'isola dei Caraibi non è nella lista delle migliori destinazioni per le immersioni?

1018 Barbados1

Barca per immersioni sopra il relitto dell'Eillon nella limpida Carlisle Bay.

ci siamo incontrati con i ragazzi da Reefers & Wreckers, salimmo a bordo della sua spaziosa barca per le immersioni e partimmo per il nostro primo sito di immersione, Dottins Reef, una famosa immersione in corrente. Archie, lo skipper, ci lasciò all'estremità nord di una barriera corallina al largo lunga un miglio con una boa e una corda corta.

L'acqua cristallina offriva splendide viste panoramiche per noi due nell'acqua, con spugne e coralli a perdita d'occhio. Avrebbe dovuto essere un sogno diventato realtà, ma quando la corrente ci ha portato dolcemente verso sud, permettendoci di immergerci e andare alla deriva quasi senza sforzo oltre i pennacchi del mare, le fruste e le enormi spugne dei tunnel, siamo rimasti sbalorditi dalla quasi totale assenza di pesci.

Tornati a terra, abbiamo deciso di fare una seconda immersione direttamente dalla spiaggia da cartolina della Parrocchia di San Pietro, un luogo perfetto per lo snorkeling, su cui si affacciano piccoli hotel, negozi e caffè. Anche in questo caso la limpidezza dell'acqua era sorprendente, ma la mancanza di fauna sulle rocce sommerse era un po' inquietante. Eravamo più che sconvolti dopo il nostro primo giorno di immersioni.

Apparso su DIVER ottobre 2018

Michael Mahy, Il proprietario della Reefers & Wreckers, fin troppo consapevole dei problemi che la pesca eccessiva sta causando all'isola, ha suggerito di immergersi sotto l'Arawak Cement Pier a nord.

Un sito industriale utilizzato per caricare il cemento sulle navi per la lavorazione al largo dell'isola non sembrava l'ideale vacanza-ubicazione dell'immersione, ma Michael ci ha assicurato che ne sarebbe valsa la pena.

Così risalimmo la costa, salpammo l'ancora e affondammo in mare nel profondo blu che circondava il molo.

Che rivelazione! Le lunghe gambe del molo davano la sensazione surreale di una foresta sottomarina. Questi enormi montanti brulicavano di pesci e spugne giganti colorate creavano una serie di forme e trame nei raggi del sole che scorrevano.

Con una profondità massima di 9 metri, il luogo potrebbe essere descritto come un parco giochi per apneisti. Il fondale sabbioso rifletteva la luce e accentuava le ombre in cui si nascondevano i banchi di pesci, le enormi strutture verticali che fendevano questo paesaggio 3D.

Ci è stato detto che il molo è noto per ospitare cavallucci marini dal muso lungo. Purtroppo l’apnea non è il modo ideale per cercare creature così sfuggenti, e sotto questo aspetto siamo stati sfortunati.

Il paradosso della situazione colpì nel segno; qui eravamo arrivati ​​su un’isola paradisiaca per trovare i paradisi della natura e ora stavamo strisciando all’ombra di un sito industriale, raccogliendo tra i detriti degli abitanti terrestri. Tuttavia, consiglierei a chiunque di cercare e immergersi in questo sito.

Sul molo Archie, che fino a quel momento non ci aveva detto una parola, mi fece cenno di parlare con un ragazzo con i dreadlock che stava sistemando la sua barca accanto a noi.

Non ero di umore particolarmente socievole, ma Archie insisteva: “Dovresti proprio andare a parlargli!”

"Ciao, sono Marcus - sul serio, devo chiederti: dove sono tutti i tuoi pesci?"

“Ahhhaa, finalmente qualcuno se ne è accorto!” Si è scoperto che ci eravamo imbattuti in Andre Miller, che ha trascorso gli ultimi 20 anni cercando di aumentare la consapevolezza sulla difficile situazione delle barriere coralline delle Barbados.

Andre, che, si scoprì, era il cugino di Michael Mahy, aveva trapiantato il corallo prelevato da quello che presto sarebbe diventato un cantiere edile, cosa che ora fa quasi a tempo pieno. Ci siamo accordati per incontrarci il giorno successivo per una conversazione più lunga.

Quando ci separammo disse: "Se vuoi vedere come dovrebbero e potrebbero apparire le barriere coralline, immergiti a Carlisle Bay domattina".

Carlisle è una baia spalancata. Turisti e gente del posto si mescolano sulle piatte spiagge sabbiose, mangiando coni di neve ghiacciati grondanti di sciroppi di zucchero. Reefers e Wreckers ci hanno incontrato nelle secche e hanno dedicato pochi minuti al nostro sito di immersione, che si è rivelato particolarmente adatto all'apnea.

Abbiamo iniziato con il Eillon, una nave mercantile di 33 metri affondata nel 1996 in soli 16 metri come attrazione subacquea. Ho visto i contorni di molti relitti durante l'avvicinamento, ma raramente l'intero relitto dalla barca per le immersioni, comprese le nuvole di pesci sul ponte.

La limpidezza dell'acqua combinata con il fondale sabbioso che riflette la luce del sole ha offerto una panoramica fantastica e la mancanza di corrente ci ha permesso di muoverci a nostro piacimento intorno al relitto, esplorando la stiva aperta e l'interno ben illuminato.

È qui che si trovano i pesci, che coprono tutti e sei i relitti in questa piccola area appena a sud della capitale Bridgetown. Siamo rimasti colpiti non solo dalla straordinaria diversità della vita (pesci rana, cavallucci marini, razze, barracuda, polipo, calamari del reef, sgombri e murene) ma l'avvicinabilità dei pesci.

1018 Barbados2
All'interno del relitto della Bajan Queen.

Questo era chiaramente un rifugio sicuro per la vita marina: arriverei al punto di descrivere questi pesci come amichevoli! Non avevo mai sperimentato incontri ravvicinati come questo prima, tranne dove l'alimentazione dei pesci era un luogo comune, e in quella zona era proibito.

Alla fine un gruppo di subacquei si unì a noi e, pensando di lasciarli fare, ci lasciammo trasportare qualche metro verso il mare. Regina Bajan, affondato nel 2002, e ringraziò immediatamente gli scoobies per averci dato la spinta per andare avanti.

Questo rimorchiatore del porto di Bridgetown è un parco giochi per l'apnea, l'unico problema è visibilità. Troppi pesci significano che non puoi vedere il relitto! I coralli sono incredibili considerando quanto è giovane questa barriera corallina artificiale, ed essendo così superficiale i colori sono vividi. Penetrare nel relitto è stato facile e sicuro (anche se solo per subacquei esperti) poiché era stato pulito accuratamente prima dell'affondamento.

incoraggiato da durante le nostre immersioni a Carlisle Bay, abbiamo incontrato Andre nel pomeriggio. Si è laureato in biologia marina prima di trascorrere alcuni anni lavorando per il governo delle Barbados nella Coastal Zone Management Unit (CZMU), per poi diventare un subacqueo.istruttore ed esperto di trapianti di coralli.

Ha spiegato che il successo di Carlisle Bay come attrazione turistica era una testimonianza del principio dei parchi marini – poi ci ha sorpreso dicendo che non era un “vero” parco marino!

1018 Barbados3
Sul Pamir, relitto nel nord.

Quindici anni prima, dopo anni infruttuosi di tentativi di aumentare la consapevolezza sulla pesca eccessiva, Andre e alcuni cospiratori presero in mano la situazione.

Hanno affisso segnali di divieto di pesca e hanno incoraggiato la gente del posto a rispettare lo status non ufficiale di parco marino. Avevano creato un parco marino – da soli.

Il santuario ittico che avevamo visitato la mattina era stato creato unilateralmente, semplicemente con l'affissione di cartelli che dichiaravano che l'area è un parco marino!

Mentre attraversavamo il pittoresco villaggio di Six Men's Bay, con le sue baracche, le bancarelle del mercato e i negozi di rum pieni di gente del posto che giocava a domino, abbiamo potuto vedere come le attrazioni di Carlisle Bay, poche miglia a sud, avrebbero potuto dare al turismo la zona un colpo al braccio.

Andre ci ha raccontato che all'inizio era stata una battaglia costante per fermare i pescatori, ma che ora, con le persone che venivano a vedere i pesci nel loro ambiente naturale, gli stock ittici intorno al parco marino stavano aumentando.

di nuovo al porto, Andre ha lanciato una notizia bomba: “Oggi il governo delle Barbados ha riconosciuto ufficialmente Carlisle Bay come parco di conservazione marina, con l’impegno di estenderlo a gran parte della costa occidentale”. La data era venerdì 13 aprile.

È difficile descrivere le mie emozioni. Ventiquattr'ore prima, il nostro gruppo di apneisti si era disperato per lo stato degli oceani. Poi, all'improvviso, sembrava che fossimo lì a testimoniare la storia delle Barbados in divenire.

La notizia è arrivata all'improvviso. Il governo aveva legiferato per proteggere e migliorare gli ecosistemi di cui eravamo arrivati ​​a scrivere.

È stato umiliante stare al fianco dell’uomo che aveva lottato così duramente nel corso degli anni per realizzare il cambiamento.

Secondo il direttore del CMZU, dottor Leo Brewster, Barbados è oggi uno dei pochi stati caraibici dotato di una legislazione che regola la protezione delle aree marine e afferma che il governo intende estendere il concetto.

C’è molta strada da fare, ma almeno è stato fatto un inizio e con il giusto supporto il progetto continuerà e si espanderà. Barbados ha hotel, ristoranti e residenti amichevoli: in futuro, speriamo, avrà siti di immersione protetti allo stesso livello.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x