I subacquei affrontano l'attrezzatura fantasma a Scapa

archivio – Diving NewsI subacquei affrontano l'attrezzatura fantasma a Scapa

Questa settimana (25-30 settembre) una squadra di sommozzatori specializzati è impegnata a ripulire “attrezzature fantasma” – reti da pesca, lenze e nasse perdute o scartate – dai relitti di Scapa Flow, nelle Isole Orcadi.

Il loro progetto, sostenuto dall’organizzazione benefica World Animal Protection UK e coordinato da Ghost Fishing UK, mira non solo a eliminare e riciclare i rifiuti, ma a studiarne gli effetti sulla vita marina e a valutare come ridurre la portata del problema.

La dottoressa Joanne Porter, ricercatrice marina dell'Università Heriot Watt, si sta concentrando su questo aspetto del progetto. I dati raccolti, inclusa la vita marina identificata trovata in vasi abbandonati, verranno inseriti in un database globale di ingranaggi fantasma.

Gli attrezzi fantasma, anche se abbandonati, continuano a catturare e uccidere la vita marina e sottopongono a ulteriore pressione gli stock ittici. I rifiuti accumulati sui relitti di Scapa Flow includono nasse per aragoste e buccini, nasse per granchi, corde e sagole da sub. 

L'anno scorso, in una missione simile, sono stati recuperati più di 60 nasse, grandi reti da pesca, 2 km di corde e quantità significative di altri detriti di pesca, che in gran parte sono stati riciclati, afferma WAP UK.

“La pesca ai fantasmi è un fenomeno globale enorme problema per gli animali marini: l'incredibile cifra di 640,000 tonnellate di attrezzature fantasma vengono perse ogni anno nei nostri oceani", afferma Christina Dixon, responsabile delle campagne di WAP UK.

Il peso di questa cucciolata, maggiore di quello del Titanic, rappresenta circa un decimo del totale dei rifiuti marini. “Il finanziamento di questo progetto eliminerà il problema immediato per la vita marina e ci fornirà anche le prove per contribuire a fermare il problema in futuro”.

Il team di immersione ha sede a Stromness ed è supportato dallo skipper Bob Anderson di mv Fermarsi bruscamente. Quei subacquei coinvolti che lo richiedono formazione viene insegnato a tagliare la lenza e a sollevare oggetti dal fondale in sicurezza.

Maggiori informazioni sul progetto qui

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

27-set-16

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x