I subacquei aiutano a collegare la biodiversità alla temperatura del mare

archivio – Diving NewsI subacquei aiutano a collegare la biodiversità alla temperatura del mare

Gli “scienziati cittadini” subacquei hanno contribuito a produrre una nuova mappa dei pesci dei Caraibi che mostra che la biodiversità è maggiore nelle acque più calde.

Tuttavia, si è scoperto che i siti più caldi ospitano meno specie rispetto a quelli con temperature intermedie, cosa che secondo i ricercatori non era stata rilevata in studi precedenti.

Questi risultati saranno preoccupanti dato il rapido aumento della temperatura dell’acqua nella regione, affermano gli scienziati della Marine Biological Association (MBA) del Regno Unito e del Centro per la macroecologia, l’evoluzione e il clima in Danimarca, che hanno redatto il rapporto.

Sulla base dei dati raccolti da migliaia di subacquei che lavorano da più di 25 anni nell'ambito del progetto di indagine sui pesci della Reef Environmental Education Foundation (REEF), il progetto ha consentito ai ricercatori di confrontare centinaia di barriere coralline e altri siti costieri.

Aree ad alta diversità includevano le Antille olandesi (Bonaire, Curacao e Aruba) e le Florida Keys, mentre relativamente poche specie sono state trovate in aree come Bermuda, Golfo del Messico e Florida settentrionale.

Gli scienziati hanno esaminato potenziali fattori ambientali come la temperatura, la salinità e la profondità, nonché fattori di origine umana come la densità di popolazione. Dicono che l'analisi ha dimostrato che il numero di specie di pesci registrate in un sito poteva essere previsto dal calore dell'acqua e, in misura minore, dalla profondità.

"Piuttosto che essere una semplice relazione, per cui acque più calde portano a più specie di pesci, la relazione osservata nei dati REEF era 'a forma di gobba'", ha affermato l'autore senior, il dottor Ben Holt dell'MBA, che ha sede a Plymouth.

“I siti più caldi tendono ad avere più specie solo fino a una temperatura ottimale di circa 27°C, e poi i siti più caldi sono meno diversificati”. Ciò potrebbe essere in parte dovuto al fatto che un minor numero di specie si adattano alle temperature più calde.

“Questi risultati non si trasferiscono necessariamente direttamente ai cambiamenti nel tempo in un particolare sito, ad esempio quando la temperatura dell’acqua di mare cambierà in futuro”, ha affermato il dott. Holt. “Questa è un’area importante per ulteriori ricerche, data l’importanza di questi habitat nei Caraibi e in tutto il mondo”.

Lo studio è pubblicato sul Journal of Biogeography. Scopri di più sul REEF qui

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

09-Jun-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x