Il subacqueo che porta la ragazza alla prima immersione è annegato a 3 metri

archivio – Diving NewsUn subacqueo che porta una ragazza alla prima immersione annegata a 3 metri

È stato emesso un verdetto di morte accidentale per un subacqueo annegato a 3 metri d'acqua al largo di una spiaggia della Cornovaglia meridionale la scorsa estate.

Paul Dold, 43 anni, un ingegnere di Horsham, West Sussex, stava trascorrendo una settimana vacanza a Gorran Haven con la sua compagna Catherine Gray e i suoi tre figli. Ma come riportato su Divernet all’inizio di settembre le cose andarono storte quando portò Harriet, la figlia dodicenne di Gray, alla sua prima immersione.

Il coroner Emma Carlyon ha sentito che Dold aveva recentemente riscoperto il suo vecchio kit da immersione e desiderava usarlo per fare immersioni con Harriet, come riportato in Cornwall Live.

Secondo la dichiarazione della polizia di Harriet Gray, la coppia è entrata nelle acque basse della spiaggia di East Portholland e poi ha nuotato un po' più lontano. Nel frattempo l'aveva smarrita regolatore due volte, e disse che sebbene Dold glielo avesse recuperato la prima volta, non era stato in grado di farlo la seconda volta e le aveva invece dato il suo, che anche lei aveva perso.

Entrambi i subacquei iniziarono a farsi prendere dal panico e Catherine Gray, che stava osservando dalle rocce vicine, disse nella sua stessa dichiarazione che Harriet era emersa e stava gridando. Dopo aver ordinato a sua figlia di scalciare, era entrata in acqua ed era riuscita a riportare la ragazza nelle acque basse.

Dopo che Catherine si è avvicinata a un gruppo sulla spiaggia per chiedere aiuto, il sedicenne Jago Bayley ha nuotato fuori, ha individuato il cilindro giallo di Dold e lo ha tirato in superficie.

Aveva lottato per mantenere la testa del subacqueo fuori dall'acqua, ma con l'aiuto di una donna con un kayak era riuscito a riportarlo a riva. Un paramedico in vacanza ha eseguito la RCP, ma Dold è stato dichiarato morto sul posto.

Harriet Gray era stata trasportata in aereo al Derriford Hospital di Plymouth e aveva avuto bisogno di cure per riportare il suo respiro alla normalità.

L'esperto di immersioni John Manners della polizia di Devon e Cornovaglia ha descritto l'attrezzatura subacquea di Dold come più adatta alle immersioni in grotta che in acque libere. Ha detto che l'imbracatura "fatta in casa" che trasporta il suo serbatoio, regolatore e i pesi non erano stati a sgancio rapido.

Manners ha anche affermato che i tubi su entrambi gli erogatori erano restrittivi in ​​quanto erano lunghi solo 70 cm rispetto allo standard 1 metro, e i bocchini del secondo stadio non sarebbero stati adatti a un bambino poiché erano più lunghi e più grandi dello standard. Ha però anche affermato che l’attrezzatura non ha contribuito alla morte del subacqueo.

Restituendo il verdetto, il coroner ha elogiato Jago Bayley per il suo coraggio, descrivendo l'azione da lui intrapresa come "molto, molto impressionante".

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

03-Mar-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x