Cousteau nel cinema

archivio – RecensioniCousteau su pellicola

Lambert Wilson, che interpreta Jacques-Yves Cousteau nel prossimo film L'Odissea, parla della realizzazione di questo film drammatico sul controverso padrino delle immersioni subacquee

Prima che ti venisse chiesto di interpretare Jacques-Yves Cousteau, cosa sapevi di quest'uomo e della sua vita?

La sua storia mi ha riportato all'infanzia. Cousteau era molto presente, così come i suoi membri dell'equipaggio. All'epoca in Francia c'erano pochissimi canali televisivi, quindi chiunque apparisse in televisione divenne un ovvio argomento di conversazione per tutti.
Grazie alla musica eroica dei documentari e alle incredibili immagini che mostravano, le avventure del Capitano Cousteau erano un sogno per i bambini della mia età.
E anche se c'erano gli squali, per esempio, non mi è mai sembrato davvero pericoloso, solo divertente, emozionante, quasi come se continuassi vacanza!
È davvero una questione generazionale. Recentemente in Italia ho incontrato alcuni pescatori che mi hanno raccontato che giocavano a essere Cousteau o Falco proprio come facevo io, quando erano bambini a Portofino vicino a Genova.
Quando ho detto loro che stavo facendo L'Odissea, era qualcosa di molto importante per loro.

Questo ha contribuito alla tua decisione di accettare la parte?

Ricordo il momento in cui il mio agente mi chiamò per parlare del film. Ero a Londra, fuori da un teatro, e non ho esitato un secondo!
L'angolazione del film non era quella che mi aspettavo. Avevo sentito dire che sarebbe stato una specie di film biografico su Cousteau, dalla sua giovinezza alla morte.
Jérôme Salle (il regista) aveva già lavorato molto sulla storia e si era reso conto che trovare un attore fisicamente capace di interpretare il personaggio per un periodo di 60 anni sarebbe stato complicato e più costoso. Penso anche che sarebbe stato un po' noioso.
L'idea di concentrare la storia sul rapporto tra Cousteau e i suoi due figli, Philippe e Jean-Michel, è stata la scelta giusta.
Ovviamente significava tralasciare alcuni argomenti fondamentali, come l'invenzione dell'aqua lung negli anni Quaranta, che permetteva ai subacquei di respirare sott'acqua, o la realizzazione dei suoi primi film, che portarono al trionfo Il mondo silenzioso a Cannes nel 1956, ovvero la parte finale della sua vita dopo la morte di Philippe, molto importante dal punto di vista ecologico.
Anche se all'inizio ero frustrato e mi dicevo egoisticamente che ciò mi avrebbe tolto possibilità di recitazione, non ci ho pensato quando ho visto il film.
L’essenza stessa di Jacques-Yves Cousteau si trova in L'Odissea, con tutti i suoi difetti, le sue qualità, le sue contraddizioni e il suo rapporto con la famiglia.

Come ti sei preparato per il ruolo?

Condividevo alcuni tratti fisici con Cousteau, alto e allampanato, naso con la stessa forma. Per questo tipo di esercizio, registi e attori devono capire molto rapidamente che ciò che stiamo dando al pubblico è una sensazione, un barlume di un personaggio, non un'imitazione.
Somiglierò molto a Cousteau, ma spero che un po' di verità e di sincerità traspaiano e, soprattutto, spero che chi lo ha conosciuto si convinca.
Con Cousteau, l’enorme volume del materiale esistente è quasi travolgente! Innanzitutto ci sono tutti i suoi documentari in cui appare. Poi ci sono tanti libri, in particolare il gigantesco volume di Franck Machu Un regista chiamato Cousteau, che ha il vantaggio di essere una biografia vista attraverso i suoi film.
La storia inizia con i suoi primi film in bianco e nero, poi si avvicina Il mondo silenzioso nonché tutte le puntate dei programmi TV. Tutto ciò che Cousteau ha filmato è elencato e mescolato con elementi della sua vita. È affascinante.
Ho letto anche il suo libro Cousteau, Il mio testamento: l'uomo, il polipo e l'orchidea, una sorta di grande manifesto ecologico. E c'è un ottimo libro inglese intitolato The Sea King di Brad Matsen, che è estremamente obiettivo.
Per un anno intero prima delle riprese, ho letteralmente divorato qualsiasi cosa su Cousteau per alimentare la mia ispirazione.
Il lavoro sui costumi e sul trucco è stato realizzato guardando e riguardando le immagini. Jérôme Salle mi ha fatto ascoltare le registrazioni della voce di Cousteau, ma ho rinunciato all’idea di imitarlo e mi sono concentrato maggiormente sul ritmo del suo discorso.
Catturare e riprodurre l'estensione vocale avrebbe significato troppo tempo e lavoro, con il rischio di perdere alcuni degli aspetti più importanti di Cousteau: un misto di carisma, feroce egocentrismo ma anche un'incredibile capacità di trasmettere energia e l'idea di libertà di altri.
Era un personaggio debole per quanto riguarda la sua antipatia per i conflitti e il modo in cui fuggiva le tensioni familiari o professionali, ma uno che poteva convincerti a seguirlo fino alla fine del mondo o a prendere il tuo libretto degli assegni per finanziare i suoi progetti!

È stato anche un uomo che ha costruito il suo sogno con Simone, la sua prima moglie.

Sì, con e senza di lei allo stesso tempo – uno dei paradossi che lo rendono interessante. Questa scelta egoistica di libertà è stata fatta da entrambi.
Qualunque cosa si dica o qualunque cosa sappiamo di loro, Simone e Jacques-Yves erano una coppia e hanno scelto questa incredibile vita viaggiando per il mondo. Rivela molto su di loro.
Per cominciare impongono questo modo di vivere ai figli, che li seguono come possono, imparando a leggere solo all’età di otto anni, vivendo come piccoli selvaggi.
Quando i genitori volevano viaggiare più lontano, i ragazzi venivano mandati in collegio. Simone scelse questa vita eccentrica e, in seguito, rimase solo a bordo della Calypso con l'equipaggio.
Non avevo mai fatto una vera e propria traversata in mare: avevo navigato principalmente vicino alla costa. Per il film siamo andati in Antartide e attraverso il Passaggio di Drake, uno dei mari più pericolosi del mondo. L'ho capito subito, l'emozione di stare in mare, senza la minima terra in vista, la libertà totale, l'ho sentito nella mia carne.
I subacquei di Cousteau, ad esempio François Sarano, ci hanno raccontato che al termine di una spedizione si fermarono in un porto nel mezzo di una tempesta al largo della costa della Nuova Zelanda. Si diedero giusto il tempo di fare rifornimento e di rifornire le scorte di cibo, poi la Calypso partì di nuovo nel bel mezzo della tempesta. Né Jacques-Yves né Simone volevano restare in porto.
Penso che nel profondo entrambi fuggissero dal resto dell'umanità, anche se lui trascorse parte della sua vita andando negli Stati Uniti per trovare soldi per finanziare questa fuga.

Come sei riuscito a raggiungere un fisico come quello di Cousteau?

Per me è stato un po’ un fallimento.
Penso che un attore americano (Matthew McConaughey, per esempio) probabilmente avrebbe spinto più lontano la barca. La cosa difficile con Cousteau era che dovevo essere molto magro, ma allo stesso tempo dovevo fare cose molto fisiche come le immersioni. Il problema è che, al di sotto di un certo peso, sei debole.
Ho dovuto nuotare sott'acqua trasportando queste bombole molto pesanti, con 14 ore al giorno di riprese, quindi avevo bisogno di avere abbastanza energia. Ho perso 10 kg abbastanza velocemente, senza ingrassarne altri durante le riprese. Infatti Jérôme ha effettuato una sorveglianza permanente dei miei pasti perché pensava che fossi troppo ingombrante!
Faccio pesi regolariformazione e il mio corpo avrebbe dovuto essere come quello di un sub, più magro che muscoloso.
Fin da bambino, appena entro in piscina, al lago o al mare, passo il tempo sott'acqua. Ero arrivato addirittura a 3 o 4 metri espirando. Ma nessuno mi ha mai detto che tutto quello che dovevo fare era indossare delle bombole d'aria per respirare ed essere il più felice degli uomini!
Per L'Odissea ho dovuto imparare professionalmente, ovviamente. Dovevamo avere la certificazione di subacqueo ricreativo ma anche di subacqueo commerciale perché ci immergevamo per lavoro. Ciò significava un esame medico estremamente approfondito e un esame subacqueo di quattro giorni, che è ciò che devono sostenere i subacquei delle piattaforme petrolifere. Sono molto orgoglioso di quella qualifica.
L'unico problema è arrivato durante la nostra prima lezione (con Pierre Niney, che interpreta Philippe, il regista e il suo assistente). Eravamo nel porto industriale di Marsiglia, in acque estremamente sporche. Non siamo riusciti a vedere il nostro istruttore, che era a solo un metro di distanza, e noi eravamo nel fango, nel limo e nell'olio.
Abbiamo dovuto fare esercizi in cui dovevamo toglierci le maschere sott'acqua e ho subito avuto un'infezione agli occhi. Terribile!
Per fortuna nei giorni successivi siamo andati a fare immersioni nelle isole vicine e allo stesso tempo abbiamo potuto divertirci un po'. Vorrei riconoscere i ragazzi fantastici che ci hanno formato, in particolare Philippe Le Meuner, tutti così incredibilmente calmi, efficienti e gentili.
L'immersione è stata una rivelazione per me. Sono andato a fare alpinismo Cinque giorni un'estate, ho dovuto allenarmi come combattente per altri film e vado regolarmente a cavallo fin da quando ero bambino. Ma con le immersioni ho incontrato persone completamente diverse.
Sono tutti pacifici, tranquilli e amanti della natura, rassicuranti nella loro prontezza nell'aiutare il loro compagno di immersioni.
Questi professionisti non sono stati con noi durante tutte le riprese, ma la loro presenza all’inizio, in Croazia, con il sole, l’acqua calda e lo scenario magnifico, ha aiutato tutta la troupe – attori e tecnici – a creare uno stretto legame.
La Croazia veniva usata per rappresentare la Costa Azzurra negli anni '1940 e '50, una sorta di paradiso perduto prima dell'arrivo del cemento: è una parte del Mediterraneo che è stata preservata ed è un po' antiquata. Tutto aveva la strana ma affascinante sensazione di viaggiare indietro nel tempo.
Poi siamo andati in Sud Africa, ma è completamente diverso: Cape Town è come un enorme studio dove potevamo ricreare scene a Parigi, New York o Marsiglia.

Come definiresti il ​​film?

L'Odissea non è sicuramente un'agiografia del capitano Cousteau. Ciò dimostra che l’industria petrolifera ha finanziato i suoi primi lavori, che ha accettato dei compromessi con le emittenti televisive statunitensi affinché finanziassero i suoi film, che il suo rapporto con la fauna selvatica è altalenante e che la sua vera coscienza ecologica si è risvegliata molto più tardi. Ciò potrebbe sorprendere il pubblico, che ha un'immagine molto diversa di Cousteau.
Ci sono due modi possibili di guardare l'uomo. Il primo è ammirativo ma basilare: una personalità molto amata ma che non conosciamo veramente.
Il secondo modo mi sorprende e mi dà fastidio. In una certa fascia di intellettuali apparentemente più consapevoli c'è una sorta di desiderio di distruggere l'icona.
Ad esempio, alcuni insistono ad associare Cousteau all'aperto antisemitismo di suo fratello Pierre-Antoine, che ha scritto cose spaventose. Queste persone sono completamente male informate.
In termini di ecologia, ha riconosciuto i suoi errori andando molto lontano nella direzione opposta, riuscendo a ottenere una moratoria per proteggere l’Antartide per i prossimi 50 anni.
È stato uno dei primi a far scattare il campanello d'allarme che oggi tutte le persone ben informate sentono suonare.
Quando girò Il mondo silenzioso non aveva idea del pericolo in cui l'oceano fosse in pericolo, ma all'inizio degli anni '60 Cousteau fu colui che convinse gli scienziati dell'Istituto oceanografico di Monaco a non seppellire le scorie nucleari sul fondo dell'oceano.
È un vero eroe dell'umanità il cui messaggio è rimasto praticamente inascoltato. Tutte le cose che le organizzazioni internazionali dicono sull’industrializzazione, sulla pesca eccessiva, sul riscaldamento globale – Cousteau è stato il primo a parlare apertamente di queste cose.
Quindi metterlo sotto processo per la sua mancanza di consapevolezza ambientale è stupido e infondato, e parlare di lui attraverso questo film è per me un modo per riportare il suo messaggio al centro del dibattito.
Ma ciò non impedisce al film di mostrare Cousteau da ogni angolazione.

Era solo umano, quindi?

Si assolutamente. Certamente aveva i suoi difetti. Nella vita privata era un donnaiolo, che durante i suoi viaggi ebbe rapporti con numerose donne.
La parte che trovo meno facile da giustificare è il suo rapporto con i figli: ho trovato somiglianze con il modo in cui mio padre si comportava con me. Erano entrambi uomini capaci di condividere con te tutte le emozioni e il valore del loro lavoro, ma allo stesso tempo ti abbandonavano non stando quasi mai con te e, soprattutto, odiavano il fatto che tu invadessi il loro territorio diventando rivali. .
Cousteau nutriva per Philippe una sorta di appassionato amore paterno, ma lo esprimeva mostrando grande durezza. Lo ama, ma vuole anche punirlo per il suo talento.
Alcune scene sono state abbastanza sconvolgenti per me. Penso a quello in cui padre e figlio si incontrano in un ristorante di Los Angeles. Nella voce di Philippe ho sentito il tipo di recriminazioni che avrei potuto fare a mio padre. Eppure ero io a incarnare proprio le cose che odiavo!
Quanto all’opportunismo finanziario di Cousteau, devo ammettere che lo capisco. Aveva bisogno di molti soldi per vivere questo sogno di cui hanno beneficiato così tante persone.
Capì molto presto di essere l'ingranaggio più importante e visibile nella macchina dei media. Questa saga aveva bisogno di un eroe e lui ha messo se stesso al centro – probabilmente per narcisismo, è vero, ma anche sapendo che le persone avevano bisogno di un punto di riferimento affinché tutto fosse realizzabile.
Quando andò in America per negoziare milioni con le compagnie televisive, fu perché l’industria petrolifera gli aveva tagliato le finanze. Penso che questa sia una bella storia, perché da lì è iniziata una nuova avventura che lo ha riportato al centro della sua vera occupazione.
Cousteau era più di un semplice esploratore subacqueo, era un regista e da allora si concentrò sulla fotografia, ha costruito le sue macchine fotografiche, ha inventato cose. Lo stesso Louis Malle disse di aver imparato moltissimo lavorando con Cousteau.

Parlando di cineasti, come descriveresti Jérôme Salle?

Jérôme è un vero camaleonte, grazie alla sua intelligenza. È un intellettuale, con cui si può parlare per ore di filosofia o discutere teorie su un personaggio, ma è anche un uomo d'azione, un decisore, un capogruppo.
Il Jérôme che ho incontrato all'inizio davanti a una tazza di tè per discutere del progetto era l'essenza della sottigliezza. Quando siamo andati ad allenarci come subacquei, ho scoperto che era sempre disposto a raccogliere una sfida.
Durante le riprese, Jérôme è sempre stato il primo a indossare la muta, anche quando non era assolutamente necessario immergersi. È anche un regista, e non sono molte le persone che riescono, da un lato, a girare scene psicologicamente molto intime tra due personaggi, e dall'altro, a lanciarsi in grandi cose con aerei, o uomini sott'acqua circondati da squali.
Rimane sempre completamente imperturbabile – anzi, lo adora.

E Pierre Niney, che interpreta il figlio Philippe?

Come me, Pierre interpretava un personaggio che voleva sviluppare a lungo e difendere. Lo ammiro enormemente come attore: ha una finezza e un'intelligenza incredibili. È un avventuriero veloce, divertente e sensibile.
È stato molto toccante ritrovarmi in un rapporto quasi paterno con un attore molto simile a quello che avevo alla mia stessa età di 25 anni.
Pierre è molto esigente con se stesso e in questo caso ha voluto creare una persona reale, fare di Philippe un eroe. Ha lavorato anche sul suo fisico ed è stato un intrepido subacqueo. Ero quasi geloso di lui. Dopotutto era un film su Cousteau, ed era lui a nuotare con i leoni marini e gli squali!

Simone Cousteau, interpretato da Audrey Tautou, potrebbe essere un personaggio nuovo per il pubblico.

Quando abbiamo visto il film e si sono accese le luci nell’auditorium, mi sono subito rivolto ad Audrey e le ho detto semplicemente: “Tanto di cappello a te”. È straordinaria nel ruolo: riesce a creare il personaggio di Simone in un modo molto sottile e unico.
Audrey ha saputo ispirarsi alla vera Simone, anche se esistono pochissimi libri o documenti su di lei. Era la figlia di un ammiraglio, quindi una ragazza di mare, una ragazza borghese che scelse di abbandonare la società.
Anche Simone sperimentò il dolore del suo matrimonio e, per far incazzare Cousteau, decise di rimanere a bordo della Calypso, alla guida della barca, come capo dell'equipaggio.
Tutti quegli uomini la rispettavano davvero – per quelli ancora vivi, è intoccabile.
Audrey ha saputo ritrarre l’evoluzione psicologica di Simone: attraversa il film diventando sempre più amareggiata, ma rimanendo tenera, gentile. Ho adorato la sua performance!
Ed è una di quelle attrici capaci di passare dalla grande bellezza a qualcosa di autodistruttivo. Simone Cousteau era una donna molto intelligente, sempre molto attenta a ciò che accadeva intorno a lei, ma anche capace di tenacia. Penso che Audrey abbia qualcosa di molto simile a questo.

Hai lavorato per 40 anni con alcuni grandi registi: cosa ha significato per te L'Odissea?

L'odissea non era un film qualunque: tutti abbiamo affrontato la storia, questa famiglia, quest'avventura, da vicino.
Ovviamente interpretavamo dei personaggi, ma personaggi che conoscevamo, o dopo aver incontrato le persone che li avevano conosciuti. Per me c’è stato un fattore culminante in tutto questo.
Alla fine del film piango per la morte di mio figlio Philippe, insieme all'altro mio figlio Jean-Michel, seduti su una panchina con vista sull'oceano. Francamente, in quel momento, stavo davvero piangendo per Philippe.
Non avevo bisogno di pensare ai miei cari, che è una tecnica che gli attori usano per piangere sullo schermo. Questa storia era diventata mia. Il mio dolore era il dolore di Cousteau per suo figlio. Non mi era mai successo prima.
È molto raro avere la possibilità di interpretare un personaggio per un periodo così lungo della sua vita, tra i 37 e i 70 anni. Tutta l'arte del trucco di Rick Findlater per raggiungere questo obiettivo è stata eccezionale.
Per me L'Odissea è stato un grande risultato. È il tipo di film che sognavo di fare quando ho scoperto il cinema per la prima volta: su larga scala, epico.
E sono convinto che le cose più preziose nella vita, più dei successi personali, siano i viaggi e gli incontri. Ero particolarmente viziato da questo punto di vista.

Lambert Wilson, 58 anni, nel ruolo di Jacques Cousteau. L'attore è nato a Parigi ed è per metà francese e per metà irlandese. Il suo primo lungometraggio è stato Five Days One Summer nel 1981 e ha realizzato molti film con registi francesi e film in lingua inglese tra cui Matrix Reloaded, Matrix Revolutions e Catwoman.

L'Odissea uscirà nelle sale cinematografiche del Regno Unito il 28 luglio 2017

Apparso su DIVER giugno 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x