Freddo Comfort

archivio – ApneaCold Comfort

Andresti a nord, a poche miglia dal circolo polare artico, solo per immergerti in un muta?
Our freediving correspondent MARCUS GREATWOOD thinks that after reading this you’ll answer yes. We’re not sure…

NEL 2011, DOPO LA LETTURA un breve articolo sulle immersioni subacquee islandesi, ho deciso di organizzare quella che si è rivelata essere la prima spedizione di apnea sull'isola.
Otto di noi hanno viaggiato 66°N ed esplorato quella che allora era una destinazione fuori dal radar turistico. Oltre alle escursioni per fare il bagno nelle sorgenti termali e alle avventure nei tubi di lava, ci siamo immersi nel rift di Silfra, la fessura tra le placche tettoniche, piena di acqua di fusione glaciale così limpida che puoi vedere per più di 100 metri e così pura che puoi bere Esso.
Sicuramente questo deve essere un sito nella lista dei desideri di ogni sub?
Inizia il 2016 e i 23 membri del NoTanx Freedive Club, ispirati dal nostro YouTube video da cinque anni prima, insistono sul fatto che c'è una lacuna nel nostro programma per un viaggio di ritorno.
Gli otto posti originali si esauriscono in meno di un'ora, quindi organizziamo un ulteriore viaggio due settimane dopo.
Since our original trip, tourism in Iceland and freediving had both grown exponentially. Birgir Skulason started a freedive school in Reykjavik in 2012, revealing several exciting new dive-sites that the tourist industry was pleased to help us access.
Durante il nostro viaggio dall'aeroporto a Piccola Silfra, conosciuta localmente come Bjarnagjá, o Bear Crack, ammiriamo le spettacolari decorazioni di ghiaccio nel tubo di lava di Raufarholshellir.
Il nostro team di apnea in luoghi estremi ha lavorato duramente sulle proprie abilità speleologiche per un paio d'anni, quindi sono facilmente accessibili e meritano una visita.

REMOTO COME OVUNQUE nel sud dell'Islanda, il breve viaggio fuoristrada verso Mini Silfra è fortunatamente asciutto e ci porta ad alcune minuscole unità industriali post-apocalittiche nascoste sulla costa vulcanica.
The rocky moonscape doesn’t seem the most likely location for an incredible dive-site, but turning the final hairpin bend reveals a sharp, deep gash in the ground filled with tranquil water.
Lungo solo 20 metri e largo 2, è all'altezza del suo soprannome di "sito di immersione più piccolo del mondo" e ha un aspetto invitante. Preparandoci con entusiasmo, al riparo di un edificio abbandonato a soli 45 minuti di auto dall'aeroporto internazionale, condividiamo lo scoosh caldo offerto al bar dell'aeroporto quel giorno.
Ogni dubbio evapora mentre cadiamo nell'acqua vertiginosa. La chiarezza cristallina assorbe i nostri sensi. Nessuno si immerge per diversi minuti mentre ammiriamo la bellezza del luogo.
Un idroclino che si è formato tra l’acqua salata del mare e l’acqua di disgelo glaciale nasconde antiche ossa di balena, scartate dall’industria della pesca e ripulite dai gamberetti nel corso dei decenni. Siamo ansiosi di esplorare.
Uno stretto pozzo orizzontale scende poco oltre i 15 metri, lasciando il posto a un maestoso pozzo centrale e all'ingresso di una vasca da bagno. L'uscita verticale è il momento clou dell'immersione. Mentre il sole splende direttamente nel pozzo profondo 15 metri, la limpidezza dell'acqua ci fa sentire come se volassimo mentre l'assetto positivo ci guida dolcemente verso la superficie.
Trascorriamo più di un'ora esplorando la stretta spaccatura, rivelando molte delle ossa megalitiche per cui il sito è famoso, oltre a quattro o cinque incredibili nuotate.
Un volo decente e due avventure sono più che sufficienti per il primo giorno, e ci spostiamo verso nord per trascorrere una serata in una vasca idromassaggio ad osservare le stelle e l'aurora boreale. Purtroppo la natura ha la meglio su di noi, e la sera nuvolosa ci nega la vista dell'una o dell'altra.
Il giorno successivo è un giorno perfetto per immergersi in Islanda, frizzante e freddo ma con un sole splendente, e partiremo per sperimentare la classica acqua calda e fredda.
La nostra prima immersione è al centro del Parco Nazionale di Thingvellir, un luogo impressionante che ospitò il parlamento originale dell'Islanda nel 930.
Silfra è senza dubbio il sito di immersione più famoso e popolare del paese, una fessura nel terreno lungo la linea di faglia tra le placche tettoniche americana ed europea. La sua acqua di fusione glaciale sgorga dopo un viaggio sotterraneo di 30 miglia che si ritiene duri 100 anni.
Il modo migliore per spiegare questa immersione è citare Birgir Skulason: “Silfra è più bella che fredda”. Uno dei nostri, Adam, aggiunge l'avvertenza "ma non di molto".

OK, SILFRA HA FREDDO – 2°C above freezing means tough diving. Luckily we have come prepared with decent Elios freediving wetsuits and new socks and gloves, and hope to get 40 minutes in the water.
Arriviamo presto per evitare la folla di snorkelisti, ma c'è già un gruppo di subacquei che provano immersioni – non sono sicuro che sia una buona idea per loro!
Thingvellir National Park runs a tight ship when it comes to diving. The areas around the rift are roped off and the entrance has sturdy steel stairs – we’re not used to such luxuries.
L'immersione finale ci permette di esplorare il lago Kleifarvatn a sud, profondo 95 metri e si ritiene contenga un gigantesco verme mangiatore di uomini. Ma non siamo lì per la profondità o la mitologia, bensì per le sorgenti vulcaniche calde, una meraviglia geologica unica.
Situato sulla dorsale medio-atlantica attiva, l'area del lago cambia ogni volta che si verifica un'attività vulcanica. Tutta l'acqua entra ed esce attraverso tunnel sotterranei, che cambiano anche con una certa regolarità.
Questa immersione è puzzolente: le effusioni sulfuree ti colpiscono in gola non appena scendi dal minibus. Ciò non smorza il nostro entusiasmo e l'immersione continua nel lago, seguendo i suoni sottomarini rivelatori di gorgogliamenti e sibili.
All'inizio sul fondo del lago non c'è altro che terra bianca striata, ma questa è accompagnata da bollicine e da una consistenza bianco latte dell'acqua.
Alla fine troviamo le bocche, buchi nel fondo del lago da cui fuoriesce acqua caldissima. Naturalmente, quando l'acqua circostante è 1°C sopra lo zero, l'acqua scaricata si raffredda abbastanza rapidamente.
La foschia della differenza di temperatura è affascinante. Il freddo e l'odore (che sembra addirittura penetrare mask gomma) prosciuga rapidamente la nostra energia e, man mano che i tempi di immersione diminuiscono, decidiamo di finirla qui. Che viaggio!

Apparso su DIVER febbraio 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x