Sgominato il sindacato cinese degli squali

archivio – Diving News Arrestato il sindacato cinese degli squali

Altre buone notizie nella lotta per scoraggiare i pescatori illegali di squali arrivano dalla Cina, dove sono state trasportate 50 tonnellate di squalipinna, vesciche natatorie di pesce, cetrioli di mare e abaloni sono stati confiscati dall'ufficio anti-contrabbando della dogana di Jiangmen il 10 settembre.

Secondo il China Daily, gli agenti doganali, che secondo quanto riferito avrebbero seguito per 10 mesi le attività di un importante giro di contrabbando, hanno arrestato 35 sospetti nelle città di Jiangmen, Guangzhou e Maoming, nel Guangdong, e nella provincia dello Yunnan.

Jiangmen è considerato il principale squalo della Cinapinna-centro di lavorazione. Cinque anni fa le autorità locali sequestrarono un valore di 33 milioni di sterline fini in quella che all'epoca era la più grande operazione del suo genere in Cina, ma il giornale riportò che l'ultimo bottino valeva 90 milioni di sterline.

Si dice che i frutti di mare siano stati acquistati in Africa, Sud America e Sud-est asiatico e confezionati a Hong Kong prima di essere contrabbandati nello Yunnan attraverso il Vietnam per la lavorazione. Il caso rimane sotto inchiesta.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

18-set-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x