Le barriere coralline di Chagos subiscono un duro colpo

archivio – Notizie sulle immersioniLe barriere coralline di Chagos subiscono un enorme successo

L'arcipelago di Chagos, nell'Oceano Indiano settentrionale, territorio britannico d'oltremare e la più grande riserva marina “no-take” del mondo, è stato duramente colpito dallo sbiancamento dei coralli, hanno rivelato eminenti biologi marini.

I ricercatori affermano di aver visto in prima persona la devastazione durante una spedizione di ricerca della Fondazione Bertarelli in aprile, ma il Chagos Conservation Trust (CCT) ha scelto l’8 giugno – Giornata mondiale degli oceani – per pubblicare le loro scoperte.

"Si ritiene che fino all'85% dei coralli... siano stati colpiti dal peggior evento di sbiancamento dal 1998", ha affermato il dottor Ronan Roche dell'Università di Bangor, uno del team. Lo sbiancamento è causato dal riscaldamento degli oceani e i ricercatori hanno registrato temperature di 31°C°C anche a una profondità di 20 m. 

Le 55 isole dell'arcipelago delle Chagos si estendono per oltre 210,000 miglia quadrate, il doppio della superficie del Regno Unito, con Diego Garcia la più grande. Secondo la CCT, il più grande atollo corallino vivente del mondo è circondato dall’acqua di mare più pulita mai testata. Ospita almeno 220 specie di coralli, 50 specie di squali e razze e 800 specie di pesci.

"La nostra preoccupazione è la durata delle alte temperature nell'Oceano Indiano, iniziate nel 2015 e che continuano ad aumentare, con previsioni che mostrano che le temperature più alte si stanno verificando proprio adesso", ha affermato la prof.ssa Heather Koldewey, responsabile del settore Marine & Freshwater, Zoological Society di Londra. .

Sottolineando l'importanza della protezione della barriera corallina, il presidente del CCT, il professor Charles Sheppard, ha affermato che oltre il 90% dei coralli di Chagos è morto nell'evento El Niño del 1998, ma che "come riserva marina completamente protetta è più resistente, e i nostri dati a lungo termine mostrano che i tassi di recupero sono più rapidi che su altri reef”.

Solo l’1% delle riserve marine in tutto il mondo sono completamente protette e, secondo la CCT, gli scienziati concordano sul fatto che se si vuole che l’oceano sopravviva, è necessaria una protezione del 30%. Attualmente tutti i 196 partiti e i 168 firmatari della Convenzione sulla diversità biologica si sono impegnati a raggiungere il 10% di protezione marina entro il 2020. 

"So che questa barriera corallina ha le migliori possibilità al mondo e abbiamo visto segnali di speranza durante la spedizione, con il reclutamento di coralli giovanili - la generazione successiva - e coralli vivi sani a profondità superiori a 25 metri", ha affermato il professor Koldewey. “Ma dobbiamo fare di più: alla fine esiste un solo oceano”. 

DIVERNET – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

09-Jun-16

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x