Il corallo Chagos è stato duramente colpito e avvistata la prima macchina trebbiatrice

archivio – Diving NewsIl corallo Chagos è stato colpito duramente – e il primo pesce volpe è stato avvistato

L'arcipelago di Chagos, la remota catena di sette atolli nell'Oceano Indiano, a lungo considerata una delle barriere coralline più incontaminate del mondo, è stato colpito da un grave sbiancamento e dalla morte dei suoi coralli meno profondi.

Un team di 14 scienziati guidati dal professor John Turner della School of Ocean Sciences della Bangor University ha recentemente completato una spedizione nell'arcipelago, che si trova in una delle aree marine protette più grandi del mondo, il territorio britannico dell'Oceano Indiano.

Il territorio copre un’area grande quanto la Francia ed è in gran parte disabitato dal 1971, quando il Regno Unito sfrattò gli abitanti per consentire agli Stati Uniti di sviluppare la base navale Diego Garcia. Oltre ai suoi coralli, la Riserva Marina di Chagos contiene popolazioni significative di specie in via di estinzione tra cui squali e tartarughe e, afferma l’università, ha fornito un punto di riferimento per ripristinare gli ecosistemi danneggiati altrove.

Gli scienziati hanno trascorso tre settimane a bordo della nave pattuglia di riserva Frontiera Grampiana per valutare come le barriere coralline in tre atolli siano state colpite dagli eventi di riscaldamento degli ultimi due anni.

Immergendosi nelle barriere coralline esposte verso il mare, nelle barriere coralline sottovento e nelle barriere coralline fino a una profondità di 25 metri, hanno riferito che, sebbene i coralli al di sotto dei 15 metri fossero generalmente in buona salute, la maggior parte di quelli al di sopra di quella profondità – a parte i porites, spesso molto grandi – erano morti. Molti grandi coralli tavola erano crollati e nei siti esposti erano stati spazzati via dalla barriera corallina, portando con sé i giovani coralli.

Sulle barriere coralline esposte verso il mare, le ondate di acqua fredda sembravano aiutare a proteggere i coralli che si trovano più in profondità.

"Siamo ovviamente rattristati nel vedere le barriere coralline di Chagos in questo stato, che non è diverso da quello di altri luoghi colpiti dal clima come la Grande Barriera Corallina", ha affermato il professor Turner.

Tuttavia, ha aggiunto che “è rimasto ottimista sul fatto che queste barriere coralline, protette e lontane dall’impatto umano, possano ancora riprendersi come hanno fatto dopo l’evento di riscaldamento del 1997/98”.

Ha aggiunto che uno dei momenti salienti della spedizione è stato l'incontro con uno squalo volpe, il pelagico minacciato che visita le barriere coralline per pulirle ma che non era mai stato avvistato prima a Chagos.

"Lo squalo è rimasto sorpreso quanto me e ha usato un colpo della sua immensa coda per correre via nel blu."

La spedizione è stata finanziata dalla Fondazione Bertarelli attraverso la Zoological Society di Londra.

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

18-mag-17

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x