Gli "Argonauti" si tuffano nella HMS Jason dispersa da tempo a 93 metri

Area del ponte e telegrafo dell'HMS Jason
Il subacqueo illumina un telegrafo nell'area del ponte della HMS Jason (Dom Robinson)

Dopo cinque anni di ricerche, i subacquei sono stati in grado di esplorare il relitto dell'HMS, profondo 93 metri Jason nelle Ebridi Esterne – quasi 105 anni dopo il giorno in cui la nave da guerra affondò. 

La squadra di subacquei tecnici del Gasperados ha riferito che, nonostante la mancanza della prua, il relitto della Prima Guerra Mondiale è ancora in buone condizioni.

Leggi anche: I sommozzatori trovano un relitto anfibio a 100 metri di profondità al largo della Cornovaglia

Lanciata nel 1892 come cannoniera siluro, HMS Jason fu convertito in dragamine nel 1908 e continuò a ricoprire quel ruolo come parte della Grand Fleet britannica durante la prima guerra mondiale.

HMS Jason a galla
L'HMS Jason quando fu varata nel 1892

Il 7 aprile 1917 la nave da 70 metri si trovava al largo dell'isola di Coll, ripulendo le mine depositate due mesi prima dal sottomarino tedesco U-78 nel tentativo di bloccare il canale Minches. Poi Jason lei stessa colpì una mina e cadde entro cinque minuti, con la perdita di 25 dei suoi 102 uomini. 

Il suo affondamento è stato registrato e fotografato da un altro dragamine, l'HMS Circe, ma fino ad ora le circostanze avevano reso difficile individuare e immergersi nel relitto.  

L'HMS Jason affonda
L'affondamento di Jason è stato catturato dalla HMS Circe

La scoperta dell'HMS Jason è stato il culmine di un progetto quinquennale guidato dal ricercatore di naufragi delle Orcadi Kevin Heath che, con lo storico di famiglia Wendy Sadler, aveva setacciato gli archivi e le storie personali dell'equipaggio per il sito web Perso nelle acque profonde, durante la scansione del sonar tramite la società di servizi subacquei SULA Diving utilizzando la barca per immersioni di Halton Charters Clasina.

Nel marzo di quest’anno Bertrand Taylor della SULA ha registrato un bollo che avrebbe dovuto essere HMS Jason perché era l'unico affondamento conosciuto nella zona. 

“Il relitto è stato trovato a 700 metri di distanza dalla posizione di affondamento registrata nel diario di bordo della HMS Circe", ha detto Heath Divernet. “I ringraziamenti vanno a Bob Anderson dei mv Clasina, che ci ha offerto un paio di giorni ogni primavera per condurre rilievi a scansione laterale della zona.

“Anche se la ricerca è iniziata cinque anni fa, alcuni anni i rilievi sono stati assenti o limitati a causa del Covid o del maltempo. Infatti sono state effettuate solo 10 ore di rilievo effettivo, con la stessa quantità di post-elaborazione dei dati registrati utilizzabili.” 

la barca per immersioni Clasina
La barca per immersioni MV Clasina sul luogo del relitto (Rick Ayrton)
L'elica di tribordo dell'HMS Jason
L'elica di tribordo dell'HMS Jason (Rick Ayrton)
Oblò con deadlight sulla HMS Hason
Oblò con deadlight (Dom Robinson)

Dal 12 aprile il team di immersione Gasperados, composto da 12 persone, adotta temporaneamente il nome "Argonauts" in onore dell'HMS Jason – hanno potuto effettuare immersioni sul relitto con tempi di fondo di 20 minuti.

Concentrandosi sulla zona di poppa il primo giorno, i subacquei hanno notato il caratteristico design dell'elica di tribordo, il cannone QF da 120 mm di poppa, le stoviglie e le bottiglie dell'Ammiragliato. 

Il giorno successivo registrarono che tutta l'attrezzatura del ponte, compresi due telegrafi e i resti della bussola e del timone, erano rimasti al loro posto. Il cannone QF anteriore era presente ma da quel punto mancava l'arco. Si potevano vedere anche alcuni dei quattro cannoni da 47 mm e le caldaie in stile Yarrow: HMS Jason era alimentato da due motori a vapore a tripla espansione.

Il timone della nave HMS Jason
Il timone della nave (Rick Ayrton)
HMS Jason cannone avanti da 4.7 pollici
Cannone anteriore da 120 mm (Dom Robinson)
Luce di poppa dell'HMS Jason
Luce di poppa (Rick Ayrton)
Pesce dal tronco e dalla lampada
Il pesce dal tronco trainato da Giasone e una lanterna (Dom Robinson)

"È stato un privilegio aiutare a identificare i resti di questa nave", ha detto il leader della squadra di immersioni Steve Mortimer. “Venticinque famiglie possono ora consolarsi sapendo che l’ubicazione della nave dei loro parenti è nota con precisione. Pensiamo che sia importante.

Dopo l'affondamento era stato recuperato solo un corpo: quello del fuochista 25enne James Blackman di Southsea.

I subacquei si decomprimono
I subacquei si decomprimono (Rick Ayrton)

“Molte persone hanno trascorso molto tempo alla ricerca del relitto dell’HMS Jason, quindi è stato molto umiliante far parte della squadra che è riuscita finalmente a confermare la sua posizione", ha detto Dom Robinson, uno dei fotografi subacquei. Divernet.

“È stato anche incredibilmente emozionante e un grande privilegio trovarsi su un relitto in cui nessuno si era mai tuffato prima, anche se eravamo anche profondamente consapevoli che si tratta dell’ultimo luogo di riposo dei 24 membri del personale della Royal Navy i cui corpi non sono mai stati recuperati. Ci auguriamo tutti vivamente che al relitto venga ora data la protezione che merita”.

Il Ministero della Difesa è stato informato dell'HMS JasonLa posizione precisa di e si prevede che al sito venga riconosciuta la protezione ufficiale come tomba di guerra ai sensi della legge britannica. La designazione consentirebbe ai subacquei tecnici di visitare, ma non di toccare, il relitto. 

"Documentare la nave, mostrare alla gente com'è oggi, è importante per me", ha detto un altro membro della squadra di immersione, l'ufficiale della Royal Navy, il tenente Jen Smith. Notizie dalla Royal Navy. “Le tombe di guerra navali vengono spesso dimenticate, poiché è difficile per le persone ricordare ciò che non si può vedere… quindi più possiamo mostrare, spiegare cosa è successo a lei e ai suoi marinai, meglio è.

“È importante assicurarsi che coloro che hanno prestato servizio non vengano dimenticati”.

Squadra sommozzatori degli Argonauti
La squadra Gasperados/Argonauti

I Gasperados stanno pianificando immersioni successive per documentare il relitto in modo più approfondito. Gli altri subacquei della squadra erano i fotografi Rick Ayrton e Simon Kay, il videografo Fran Hockley, Bryan Watters, Will Schwarz, Tapio Kaleva, Barbara Mortimer, Steve Ashton e Maggs Ashton.​​

"È stato fantastico vedere il team lavorare insieme per ottenere un risultato così eccellente", ha affermato Kevin Heath, che è stato coinvolto nell'identificazione di molti relitti della Prima Guerra Mondiale, tra cui l'HMS Duca di Albany, Neesus, Albacore, Pinnace a vapore 288 al largo della HMS Valoroso e gli U-Boot U102 ed U92. Lo sfondo e la ricerca di HMS Jason è documentato in dettaglio in una pagina dedicata at Perso nelle acque profonde.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x