Latino acquatico di TM Hayes

archivio – RecensioniAquatical Latin di TM Hayes

201 modi per dire gnathanodon speciosus

BIOLOGI MARINI di tanto in tanto rimprovera DIVER di usare raramente nomi scientifici e di riferirsi invece vagamente a castagnole o murene, che potrebbero coprire un'enorme varietà di creature diverse.
Colpevole come accusato, ma forse l'uso di nomi comuni/generici rende la comunicazione più rapida nei casi in cui definire l'esatta identità di un pesce o di un crostaceo non è di fondamentale importanza.
Naturalmente riconosciamo che la tassonomia, il sistema binomiale che utilizza nomi latini o greci per indicare genere e specie, è importante.
Tim Hayes, l'autore di Aquatical Latin, usa il carangide dorato per illustrare il potenziale di confusione: "Fishbase registra 201 nomi comuni per questa specie (alcuni di questi sono duplicati), ovvero un numero impressionante di nomi diversi che si suddividono in 151 nomi comuni distinti (alcuni dei quali sono variazioni strette l'uno dell'altro), da 51 paesi, in 55 lingue diverse.
"Un ulteriore problema con i nomi comuni è che gli stessi nomi sono spesso usati per descrivere specie appartenenti a più generi non correlati, e persino specie appartenenti allo stesso genere, amplificando ancora una volta il potenziale di confusione". Chiamate il carangide dorato Gnathanodon speciosus e un biologo marino non avrà alcun dubbio.
Il latino acquatico esamina l'etimologia, o il significato, dei nomi di circa 950 pesci tropicali.
Restando sul nostro carangide dorato, apprendiamo che gnathos in greco significa mascella, un mezzo senza denti e odon, quindi questo è un fante sdentato. Speciosus significa che esiste una sola specie nel genere.
Si dà il caso che i piccoli carangidi dorati abbiano denti, come sottolinea Hayes, ma li perdono man mano che crescono e ricorrono a risucchiare la preda. 
Il libro non è stato scritto per i sub ma per gli acquariofili: Tim Hayes, uno scrittore di acquari marini, riteneva che mentre il mondo vegetale aveva il suo latino botanico, la vita marina era stata ignorata, e il suo nuovo libro è apparentemente l'unico lavoro etimologico sui pesci .
È contrassegnato come Volume 1: Reef Fishes, quindi presumibilmente ne seguiranno altri.
Hayes non è un accademico arido e ha uno stile molto piacevole. I suoi capitoli introduttivi sono davvero interessanti se non sai molto sui sistemi di classificazione della vita marina, cosa che non sapevo io, ma per cercare quei 950 pesci dovrai conoscere i nomi scientifici.
Quindi per i subacquei, un libro di consultazione ben documentato e interessante anche se difficilmente indispensabile. Pogonicthys, il nome dell'editore, sembra che derivi dal greco pesce barbuto. Non chiedermelo.
Recensione di Steve Weinman

Pubblicazione di Pogonichthys
ISBN: 9781545319222
Copertina morbida, 296 pagine, £ 14.99

Apparso su DIVER febbraio 2018

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x