Un mattone può farlo!

TECNICA

Un mattone può farlo!

Cosa può succedere quando i subacquei sbagliano le loro priorità? La stessa cosa che può succedere agli alpinisti, dice SIMON PRIDMORE – disastro

0819 barca tecnica

L'immersione non finisce finché non torni sulla spiaggia o sulla barca.

L’11 maggio 1996 morirono cinque persone vicino alla vetta del monte Everest. Due erano capi spedizione, una era una guida professionista e due erano loro clienti. Gli eventi furono raccontati per la prima volta nel libro Into Thin Air del giornalista Jon Krakauer, che quel giorno era sulla montagna con le persone che morirono.

I clienti sono morti soprattutto perché i professionisti hanno insistito nel tentativo di aiutarli a raggiungere la vetta, nonostante fossero passati i tempi di consegna; cioè il momento della giornata in cui qualsiasi tentativo di raggiungere la vetta doveva essere interrotto per motivi di sicurezza.

Il concetto di stabilire un tempo di consegna e di rispettarlo è stato un fattore importante che ha contribuito al record di sicurezza fino a quel momento eccezionale dei professionisti sull’Everest.

Krakauer concluse che, forse per il desiderio di compiacere i propri clienti, per lucidare la propria reputazione o perché pensavano di essere “a prova di proiettile”, i professionisti avevano confuso le loro priorità.

Sapevano molto bene quale fosse il vero pericolo nello scalare una montagna. In effetti, uno dei leader della spedizione che perse la vita quel giorno amava dire alla gente che “con sufficiente determinazione, qualsiasi maledetto idiota può salire su questa collina. Il trucco è tornare giù vivi”.

Le persone che si iscrivono alle spedizioni sull'Everest non sono, nella maggior parte dei casi, alpinisti o scalatori incalliti. Sono persone con un po' di esperienza nell'arrampicata, molti soldi, molto coraggio e un sogno.

Se glielo chiedeste, probabilmente vi direbbero che il loro sogno era quello di raggiungere la cima della montagna più alta del mondo ma, se li spingeste ancora un po', quasi sicuramente aggiungerebbero che il sogno implicava anche sopravvivere per raccontare la storia, e mostrando ai loro amici la foto di loro appollaiati sulla vetta.

Mi sono ricordato di questo di recente, quando sui media hanno cominciato ad apparire storie di alpinisti che morivano sulle pendici di un Everest sovraffollato; la maggior parte dei decessi non avviene in cima alla montagna, ma durante la discesa.

Apparso su DIVER agosto 2019

IMMERSIONE TECNICA 1

Cosa c'entra tutto questo con le immersioni subacquee? Quando ho letto la citazione su qualsiasi maledetto idiota che sale su questa collina, mi ha ricordato uno dei paragrafi più frequentemente evidenziati e ricitati in Scuba Confidential:

“Nelle immersioni subacquee, andare giù e restare giù non sono le parti difficili

(un mattone può farlo). Rimontare è la parte che richiede abilità”.

A couple of tragic tales from the world of technical diving illustrate the problema.

In the mid-1990s, a diver in Florida was working her way through the technical-diving levels with the aim of one day accomplishing a 90m dive. She signed up for a full trimix-diver course, and soon found herself joining her istruttore and a number of qualified trimix divers on the dive that would fulfil her dream.

The descent was uneventful. The group reached the seabed at just over 90m, and the istruttore and the other divers all gathered around and shook the new deep diver’s hand in congratulation.

Successivamente hanno detto ai giornalisti che sembrava estremamente felice. Un grande sorriso era chiaramente visibile dietro la sua maschera.

They then began their ascent through blue water. On the way up, everybody switched to their first deco gas. The new diver copied her experienced colleagues and, by all accounts, was doing just fine.

Dopo un po’, però, gli altri subacquei notarono che si era allontanata da loro e sembrava avere problemi di galleggiamento. Cercarono di attirare la sua attenzione agitando la mano, ma il suo viso era girato dall'altra parte.

Il suo respiro era ancora regolare, ma cominciò a diminuire sempre più.

Sentendo che qualcosa poteva andare storto, uno dei sub ha provato a nuotare per aiutarla ma, a quel punto, stava affondando velocemente. Alla fine dovette rinunciare all'inseguimento, preoccupato di esaurire le sue riserve di gas respiratorio e di aumentare il carico di decompressione.

Tutto ciò che il gruppo poteva fare era guardare, inutilmente e impotente, mentre il sub cadeva giù nel torbido mare blu, fino a scomparire alla vista.

Rimasero lì, con gli occhi fissi sul flusso di bolle che ancora si sollevava dalle profondità, ciascuno sperando contro ogni speranza e logica che in qualche modo lei emergesse dall'oscurità e si sollevasse verso di loro, mostrando un segno di OK.

Poi le bolle hanno smesso di arrivare.

Un'altra squadra di sub ha recuperato il suo corpo pochi giorni dopo.

IMMERSIONE TECNICA 2

Dopo 21 anni, in un oceano diverso al largo della costa di un continente diverso, un altro subacqueo si stava facendo strada attraverso i livelli di subacqueo tecnico.

Il suo obiettivo era un tuffo di 100 metri. Dopo aver completato un'immersione a 70 metri qualche settimana prima, la sua profondità più profonda fino a quel momento, ha sentito in giro che un gruppo di subacquei stava pianificando un'immersione a 100 metri. Ha chiesto se poteva unirsi a loro e loro hanno accettato.

Durante la discesa, ha avuto problemi nel passaggio dal gas di viaggio al gas di fondo e ha avuto bisogno di un piccolo aiuto, ma alla fine tutti hanno raggiunto il fondale marino a 100 metri, dove ha alzato le braccia, i pugni serrati in segno di vittoria e ha urlato di gioia. Abbracciò tutti i suoi compagni subacquei e balbettò emozionata attraverso di lei regolatore.

Le soste di decompressione non sono luoghi in cui perdere l'attenzione.
Le soste di decompressione non sono luoghi in cui perdere l'attenzione.

Dopo pochi minuti il ​​gruppo cominciò a salire. Alla profondità in cui sono passati dal gas di fondo al gas di viaggio, la subacquea che aveva appena celebrato la realizzazione del suo sogno si è trovata di nuovo in difficoltà e ha iniziato a galleggiare oltre la profondità della tappa di decompressione.

Uno dei membri della squadra si è avvicinato il più velocemente possibile per tentare di arrestare la sua risalita ma, a quel punto, lei era ormai fuori portata e stava risalendo velocemente.

Era ancora cosciente quando raggiunse la superficie e urlò qualcosa di incomprensibile all'equipaggio di supporto di superficie, ma poco dopo svenne e non respirava quando fu trascinata nella barca. Sono stati fatti dei tentativi per rianimarla ma non sono riusciti.

ANDATA E RITORNO

Ci sono stati una serie di fattori, sia umani che procedurali, che hanno contribuito a questi decessi. Il primo incidente, infatti, servì da campanello d’allarme al mondo della subacquea tecnica, allora ancora piccolo e frammentato, e portò a cambiamenti significativi nel modo in cui venivano addestrati i subacquei tecnici.

Ma ai fini di questo articolo, voglio concentrarmi su un fattore particolare che i due incidenti hanno in comune. Proprio come le persone sull'Everest quel giorno del 1996, e forse alcuni degli scalatori dell'Everest di cui abbiamo letto recentemente la morte sui media, i subacquei avevano sbagliato le loro priorità.

Raggiunta la profondità target, i subacquei si sono comportati come se la parte difficile dell'esercizio fosse stata completata, il che era tutt'altro che vero.

Una tale mentalità può spesso portare ad un rallentamento della concentrazione; una deviazione del focus. Ciò può essere visto chiaramente in ciò che alla fine è emerso durante la salita. Sono stati commessi degli errori, i subacquei non hanno prestato abbastanza attenzione e le reazioni sono state lente.

Le menti dei tuffatori erano fissate su un obiettivo, ma era l’obiettivo sbagliato. Per gli alpinisti la cima della montagna non dovrebbe mai essere l’obiettivo primario.

E, per i subacquei, in ogni immersione, la profondità non è l'obiettivo principale, né lo è la fine della grotta, o il retro della sala macchine. La sopravvivenza deve essere l’obiettivo, sempre, senza eccezioni.

Quando, nel 1961, il presidente John F. Kennedy promise al popolo americano che entro la fine del decennio avrebbero mandato un uomo sulla Luna, non si fermò lì. Ha aggiunto un altro elemento chiave alla promessa.

Non solo avrebbero mandato l’uomo sulla Luna, disse Kennedy, ma lo avrebbero anche “riportato sano e salvo sulla Terra”.

Questa era la cosa importante: Kennedy e i suoi consiglieri sapevano che non ha senso ottenere qualcosa se non sopravvivi.

Un ultimo punto: le persone che detengono i record delle immersioni profonde sono coloro che sono risaliti in sicurezza per sopravvivere e raccontare le loro storie nei libri, nelle conferenze o su YouTube video.

Coloro che muoiono durante le immersioni profonde vengono pianti, ma nessuno celebra i loro successi semplicemente per essere scesi. Un mattone può farlo!

Leggi di più da Simon Pridmore in:

Riservato subacqueo – Una guida privilegiata per diventare un subacqueo migliore
    Professionista subacqueo – Approfondimenti sullo Sport Diver Allenamento & Operazioni
    Fondamentali per le immersioni – Inizia ad immergerti nel modo giusto
    Fisiologico subacqueo – Pensi di sapere tutto sulla medicina subacquea?
Ripensateci!

    Immersioni eccezionali – Diventa il miglior subacqueo che puoi essere

Tutti sono disponibili su Amazon in diversi formati.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x