Muore il fotografo del Titanic Emory Kristof

La fotografa subacquea Emory Kristof, morta all'età di 80 anni
La fotografa subacquea Emory Kristof, morta all'età di 80 anni

Il fotografo subacqueo statunitense Emory Kristof, il cui ampio corpus di lavori includeva le immagini iconiche del Titanic catturato dopo la sua scoperta 38 anni fa, è morto all'età di 80 anni. 

Kristof ha creato i progetti preliminari del Argo sistema di telecamere elettroniche del veicolo per acque profonde, utilizzato nella spedizione Robert Ballard / Jean-Louis Michel che localizzò il relitto in profondità nel 1985. Divenne noto per le sue innovazioni nello sviluppo e nell'utilizzo di ROV e telecamere e illuminazione sommergibili.

Leggi anche: Gli scanner del Titanic individuano la collana di Megalodonte

La locandina del Titanica
La locandina del Titanica

Nel 1991 ha trascorso circa 50 ore in immersioni con il sommergibile Titanic per produrre immagini inquietanti del relitto con l'aiuto di un nuovo sistema di illuminazione ad alta intensità. Era il film IMAX risultante Titanic ciò ha ispirato James Cameron a realizzare il suo film sull'affondamento, con Kristof che ha fornito consulenza sulla videografia e sull'illuminazione.

Nato il 19 novembre 1942 a Laurel, nel Maryland, Kristof ha sviluppato un amore per la scienza, l'ingegneria e la fotografia e, ispirato dalle opere di Jacques Cousteau Il mondo silenzioso - immersioni in subacquea.

Si laureò in giornalismo presso l'Università del Maryland nel 1964 e quell'anno divenne fotografo dello staff di National Geographic, dove aveva lavorato come stagista.

"Se volevo girare il mondo e fare tutte queste belle cose, Geographic era il posto dove trovavo i soldi," disse AquaCorps rivista nel 1995. “Fondamentalmente pensavo che avere una carta American Express illimitata, una confezione da sei Nikon e tutta la pellicola che potevo girare non fosse poi così male. " 

Per quell'investimento la rivista si aspettava un fotogiornalismo di altissima qualità, e il fatto che nei successivi 30 anni Kristof abbia prodotto circa 40 articoli, la maggior parte dei quali documentavano importanti spedizioni sottomarine, ha dimostrato che era in grado di mantenere i risultati.

Avventura sottomarina

La sua carriera è iniziata coprendo uno scavo archeologico alla ricerca di manufatti vichinghi a Terranova, ma ha fatto del suo meglio per inserire avventure sottomarine nel maggior numero possibile di incarichi.

Nel 1977, ad esempio, prese parte a una spedizione che scoprì le profonde bocche vulcaniche del Rift delle Galapagos, e continuò a scrivere sei articoli sull'insolita vita marina che popolava questi fenomeni di acqua calda.

Condusse rilievi fotografici del 1864 Alabama relitto al largo della Francia settentrionale nel 1992 e l'anno successivo si immerse nel XVI secolo recentemente scoperto San Diego nelle Filippine, entrambi i relitti si trovavano nel raggio di 50-60 metri.

Molte delle spedizioni di Kristof furono intraprese con gli esploratori canadesi Joseph MacInnis e Phil Nuytten, inclusa l'esplorazione del Breadalbano, il relitto più conosciuto al nord del mondo, e un'iniziativa del 1995 che ha portato a recuperare la campana della Edmund Fitzgerald, 160 metri di profondità nel Lago Superiore. Ciò ha prodotto le prime immagini televisive ad alta definizione delle acque profonde.

Con MacInnis e l'esploratore russo Anatoly Sagalevich, Kristof ha preso parte a una discesa in sommergibile di 5 km nel Kings Trough nel Nord Atlantico. Ha anche condotto una spedizione scozzese per indagare sull'esistenza del mostro di Loch Ness - "Penso che quell'incarico abbia prodotto la foto di un'anguilla più costosa mai prodotta", ha detto più tardi.

Kristof è morto il 6 febbraio a Northfield, Massachusetts. Descrivendolo come una leggenda dell'esplorazione oceanica del 21° secolo, il fotografo subacqueo Michael AW ha affermato che i risultati del suo "mentore, ispirazione ed eroe... sono più alti del Monte Everest e più profondi della Fossa delle Marianne".  

Anche su Divernet: Ernie Brooks, Dan Burton, Phil Smith, Andy Jackson, Dray Van Beeck

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x